Fonosimbolismo: differenze tra le versioni

aggiunta bibliografia
Nessun oggetto della modifica
(aggiunta bibliografia)
 
Il termine ''fonosimbolismo'' è usato soprattutto in ambito letterario per indicare l'uso più o meno intenzionale di questa proprietà da parte dei poeti e degli scrittori, ma non mancano gli usi estensivi nell'ambito della [[linguistica]] teorica e generale. La disciplina che si occupa di questa classe di fenomeni è la [[fonosemantica]].
 
 
==Bibliografia==
 
* Fernando Dogana, ''Suono e senso : fondamenti teorici ed empirici del simbolismo fonetico'', Milano, F. Angeli, 1988, ISBN 88-204-2744-3
* Maria Gabriella Riccobono, ''Dai suoni al simbolo. Memoria poetica, relazioni analoghe, fonosimbolismo in Giovanni Verga. Dalle opere ultra-romantiche a quelle veriste'', Roma, Istituti editoriali e poligrafici internazionali, 2002, ISBN 88-8147-352-6
* Pietro Roberto, ''Fonosimbolismo e vocalità poetica'', Helicon, 2006, ISBN 88-89893-21-4
* Roberto Cavaliere, ''Le qualita espressive del linguaggio orale: Il simbolismo fonetico'', Rassegna Italiana di Linguistica Applicata, v20 n2, p87-105, Marzo-Luglio 1988 [http://www.eric.ed.gov:80/ERICWebPortal/custom/portlets/recordDetails/detailmini.jsp?_nfpb=true&_&ERICExtSearch_SearchValue_0=EJ382300&ERICExtSearch_SearchType_0=no&accno=EJ382300|1]
 
==Voci correlate==