Visione cieca: differenze tra le versioni

wikificato
m (minuzie ortografiche e di traduzione)
(wikificato)
{{disclaimer soccorso}}
{{W|medicina|agosto 2008|--[[Utente:AnjaManix|AnjaManix]] ([[Discussioni utente:AnjaManix|msg]]) 01:20, 16 ago 2008 (CEST)}}
 
Il fenomeno del '''blindsight''' (o della "'''visione cieca'''") consiste nel mantenimento della capacità di localizzare uno stimolo visivo situato nella parte del campo visivo colpita da [[scotoma]] e quindi cieca.
 
== Cenni storici ==
Questo fenomeno venne descritto per la prima volta da Poppel, Held e Frost nel [[1973]], in un esperimento in cui vennero inviati nella zona scotomatica degli stimoli non strutturati, e fu richiesto ai pazienti, alla comparsa dello stimolo, di fare un movimento oculare verso di esso. Quello che emerse fu una correlazione significativa tra la posizione dello stimolo e la posizione degli occhi dopo la stimolazione. In un lavoro del 1986 Weiskrantz descrisse degli esperimenti in cui i pazienti riuscirono a indicare manualmente la posizione di stimoli che non percepivano consciamente, e studi successivi specificarono che l'indicazione manuale è corretta solo se al paziente è consentito muovere gli occhi nella porzione di campo in cui è presente lo stimolo.
 
== Cause ==
La spiegazione della visione cieca si basa sulla teoria dei due sistemi visivi, secondo la quale esiste un sistema deputato alla discriminazione degli stimoli visivi (il [[sistema retino-genicolo-striato]]), mentre un secondo sistema si occupa specificamente della localizzazione spaziale di detti stimoli (il [[sistema retino-collicolo-extrastriato]]), quindi una lesione che causi scotoma (confinata alla corteccia visiva primaria, facente parte del primo sistema su descritto) lascerebbe intatto il secondo sistema e la sua funzione di localizzazione spaziale.
Il fenomeno del blindsight scompare quando il paziente deve mantenere gli occhi sul punto di fissazione e contemporaneamente indicare manualmente la posizione dello stimolo.
 
== Bibliografia ==
 
* {{cita libro | Elisabetta| Làdavas | Neuropsicologia | 2002| il Mulino | Bologna | coautori=Anna Berti | id= ISBN 978-88-15-08898-7}}
* Pöppel, E., Held, R., and Frost, D. (1973), ''Residual visual function after brain wounds involving the central visual pathways in man'', Nature, 243, 295-296.