Differenze tra le versioni di "Sintesi organica"

nessun oggetto della modifica
(→‎Bibliografia: portalizzo)
== Sintesi totale ==
 
Una sintesi totale è ''la sintesi chimica completa di molecole organiche complesse, a partire da '''precursori''' facilmente disponibili in commercio''. In una sintesi ''lineare'' vengono percorsi una serie di passaggi uno dopo l'altro, fino all'ottenimento della molecola desiderata. I composti chimici ottenuti prima del prodotto finale sono detti '''''intermedi di sintesi'''''.
Per molecole più complesse, si preferisce spesso una '''''sintesi convergente'''''. In questo caso, si sintetizzano separatamente diversi "pezzi" (intermedi chiave) del prodotto finale, che poi vengono uniti insieme verso la fine della sintesi.
 
[[Robert Burns Woodward]], che per diversi esempi di sintesi totale (come la sintesi della [[stricnina]]) ha ricevuto il [[premio Nobel per la chimica]] nel [[1965]], è unanimemente riconosciuto come il padre della sintesi organica.
 
Ogni passaggio di una sintesi coinvolge una [[reazione chimica]]: per ottenere una [[resa (chimica)|resa]] e una purezza soddisfacenti con il minore sforzo possibile, è necessario scegliere accuratamente i [[reagente|reagenti]], e trovare le migliori condizioni sperimentali.
Se è ''disponibile in letteratura'' un metodo per sintetizzare uno degli intermedi di una sintesi, si preferisce utilizzarlo, piuttosto che ripartire da zero: tuttavia, la maggior parte degli intermedi sono composti mai sintetizzati prima, e per ottenerli vengono usati dei metodi sviluppati seguendo regole generali, che prendono il nome di ''metodologia''.
Questi metodi devono dare rese alte ed essere disponibili per un gran numero di substrati. La ricerca sulla metodologia avviene solitamente in tre fasi: '''''scoperta''''', '''''ottimizzazione''''', e lo studio delle '''''applicazioni e limitazioni'''''. L'ottimizzazione riguarda lo studio di una reazione variando la [[temperatura]], la durata della reazione, il [[solvente]], ecc. fino alla scoperta delle ''condizioni ottimali'' per ottenere la massima resa e la massima purezza. Nel terzo stadio, il metodo viene studiato su un'ampia classe di substrati, per verificarne l'applicabilità e le limitazioni. Talvolta, per dimostrare il valore del nuovo metodo di sintesi con un'applicazione reale, viene condotta una sintesi totale.
 
==Sintesi asimmetrica==
La maggior parte delle molecole organiche complesse esiste in natura come unico [[enantiomero]]. Tuttavia, con metodi chimici convenzionali è solitamente possibile ottenere soltanto [[racemo|miscele racemiche]], ovvero miscele di due enantiomeri, che possono poi essere separati successivamente con diversi metodi.
 
Nella seconda metà del XX secolo, si sono andati sviluppando ''metodi di [[catalisi]] asimmetrica in modo da dirigere le reazioni verso un solo enantiomero'', piuttosto che verso la miscela racemica. In questo modo, è diventato molto più semplice ed economico commercializzare enantiomeri di sintesi. Per lo sviluppo di questi metodi (come l'epossidazione di Sharpless, o l'idrogenazione asimmetrica), [[William S. Knowles]], [[Ryoji Noyori]] e [[K. Barry Sharpless]] hanno diviso il [[premio Nobel per la chimica]] nel [[2001]].
 
==Progettazione della sintesi==
Utente anonimo