Differenze tra le versioni di "Varva"

42 byte aggiunti ,  11 anni fa
+WIP
(+WIP)
<noinclude>{{WIP|Carlog3}}</noinclude>
{{T|lingua=inglese|argomento=geologia|data=giugno 2009}}
 
[[Image:Varve1.gif|thumb|right|300px|Varve del [[Pleistocene]] a Scarboro Bluffs, Toronto, Ontario, Canada. Le varve più larghe sono spesse più di mezzo pollice.]]
== Storia della ricerca sulla varva ==
Sebbene il termine varva non venne introdotto se non nel tardo XIX secolo, il concetto di un ritmo annuale di sedimentazione è di almeno due secoli vecchio. Negli anni [[1840|'40]], [[Edward Hitchcock|Hitchcock]] intuì che il sedimento laminato nel Nord America potesse essere stagionale, e nel 1884 [[Warren Upham]] postulò che l'''accopiamento'' (''couplet'') laminato chiaro-scuro rappresentasse un deposito di un singolo anno. Nonostante questi brevi tentativi, il principale pioniere che rese popolare la ricerca sulla varva fu Gerard De Geer. Mentre lavorava per la ''Ricerca Geologica Svedese'', De Geer notò una similarità visiva ravvicinata tra i sedimenti laminati che egli stava mappando e gli [[dendrocronologia|anelli dell'albero ]]. Questo lo spinse a supporre che gli accoppiamenti ''grossolano-fine'' frequentemente trovati nei sedimenti dei laghi glaciali fossero strati annuali.
<!--
La prima [[cronologia]] della varva venne realizzata da De Geer a [[Stoccolma]] nell tardo XIX secolo. Further work soon followed, and a network of sites along the east coast of Sweden was established. The varved sediments exposed in these sites had formed in glaciolacustrine and glacimarine conditions in the Baltic basin as the last ice sheet retreated northwards. By 1914, De Geer had discovered that it was possible to compare varve sequences across long distances by matching variations in varve thickness, and distinct marker laminae. However, this discovery led De Geer and many of his co-workers to making incorrect correlations, which they called 'teleconnections', between continents, a process criticised by other varve pioneers like Ernst Antevs.
 
La prima [[cronologia]] della varva venne realizzata da De Geer a [[Stoccolma]] nell tardo XIX secolo. Seguì presto un ulteriore lavoro, e venne istituita una rete di siti lungo la costa orientale della Svezia. I sedimenti ''varvati'' esposti in questi siti si sono formati in condizioni glaciali sia lacustri che marine nel bacino del Baltico man mano che l'ultimo ghiacciaio continentale si ritirava verso nord. Nel 1914, De Geer scoprì che era possibile confrontare le sequenze di varve attraverso lunghe distanze misurando le variazioni nello spessore, e i distinti strati marcatori. Tuttavia, questa scoperta condusse De Geer e molti dei suoi collaboratori a fare correlazioni inesatte, che loro chiamarono 'teleconnessioni', tra continenti, un processo criticato da altri pionieri della varva come Ernst Antevs.
<!--
In 1924 a special laboratory dedicated to varve research - the Geochronological Institute - was established. De Geer and his co-workers and students made trips to other countries and continents to investigate varved sediments. Ernst Antevs studied sites from [[Long Island]], U.S.A. to [[Lake Timiskaming]] and [[Hudson Bay]], [[Canada]], and created a North American varve chronology. Carl Caldenius visited [[Patagonia]] and [[Tierra del Fuego]], and Erik Norin visited central [[Asia]]. By this stage, other geologists were investigating varve sequences, including Matti Sauramo who constructed a varve chronology of the last deglaciation in [[Finland]].
 
16 009

contributi