Differenze tra le versioni di "Eraldo Affinati"

m
 
==Biografia==
Ha pubblicato ''Veglia d'armi. L'uomo di Tolstoj" (Marietti, 1992, Oscar [[Mondadori]] 1998); ''Soldati del 1956'' (Marco Nardi 1993, Oscar Mondadori, 1997); Bandiera Bianca'' (Mondadori, 1995, Leonardo, 1996, Oscar Mondadori, 1999, [[Premio Bergamo]]); ''Patto giurato, La poesia di Milo de Angelis'' (Tracce 1996); ''Campo del sangue'' (Mondadori, 1997, Oscar Mondadori 1998, Terre du sang, Seuil, 1999, Ein Weg der Erinnerung, Fischer, 1999, Selezione [[Premio Strega]] e [[Premio Campiello]]); ''Uomini pericolosi'' (Mondadori, 1998, Oscar Mondadori 2000, [[Premio Palmi]]); ''Il nemico negli occhi'' (Mondadori, 2001. [[Premio Nazionale Letterario Pisa]]), ''Un teologo contro Hitler. Sulle tracce di Dietrich Bonhoeffer'' (Mondadori, 2003, Premio Omegna); "Secoli di gioventù" (Mondadori, 2004, [[Premio Grinzane Cavour]]); "Compagni segreti. Storie di viaggi, bombe e scrittori" ([[Fandango]] Libri, 2006, [[Premio Sandro Onofri]]). Ha curato l'edizione completa delle opere di [[Mario Rigoni Stern]] ''Storie dall'Altipiano'' (I Meridiani Mondadori 2003). Vince con il suo libro 'Berlin' (Rizzoli) la quarta edizione del Premio Recanati-Festival della Narrativa italiana ed il Superflaiano 2009.
 
==La critica==
313

contributi