Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
Nell'universo immaginario di [[Star Trek]], il '''Cantiere navale di Utopia Planitia''' (nell'originale inglese ''Utopia Planitia Fleet Yards'') è un ampio cantiere costituito da una struttura terrestre ed una orbitale della [[Federazione Unita dei Pianeti]], quest'ultima in [[orbita geosincrona]] con la zona di [[Utopia Planitia]] sul pianeta [[Marte (astronomia)|Marte]].(chiamato IlSOL cantiere è famoso per lo sviluppo e la costruzione di astronavi per la [[Flotta Stellare (Star TrekIV)|Flotta Stellare]].<div>
<div>Il cantiere è famoso per lo sviluppo e la costruzione di astronavi per la [[Flotta Stellare (Star Trek)|Flotta Stellare]].<div>
La struttura include molti porti di attracco e la stazione spaziale è dotata di molti laboratori dove vengono sviluppate le astronavi federali. Tra le astronavi prodotte da questi cantieri si segnalano la [[USS Enterprise (NCC-1701-D)|USS ''Enterprise'' (NCC-1701-D)]] la [[USS Galaxy (NCC-70637)|USS ''Galaxy'' (NCC-70637)]], la [[USS Defiant|USS ''Defiant'']] (NX-74205), la [[USS Voyager (NCC-74656)|USS ''Voyager'']] (NCC-74656) e la USS ''Sao Paulo'' (NCC-75633). Il Capitano [[Benjamin Sisko]] lavorò a Utopia Planitia tra il 2367 e il 2369, sovraintendendo lo sviluppo della [[classe Defiant]]. Nel 2371 l'astronave ''Fradrickson'' (NCC-42111) venne sottoposta ad un aggiornamento dai cantieri di Utopia Planitia. I Cantieri sono stati visti nell'episodio ''Relativity'' del telefilm [[Star Trek - Voyager]].
La struttura include molti porti di attracco e la stazione spaziale è dotata di molti laboratori dove vengono sviluppate le astronavi federali, nonchè anche molti programmi di bordo, come il Sistema Medico Olografico di Emergenza, definito MOE (Medico Olografico d'Emergenza - in inglese EMH, acronimo de "Emergency Medical Hologram").
<div>Tra le astronavi prodotte da questi cantieri si segnalano la [[USS Enterprise (NCC-1701-D)|USS ''Enterprise'' (NCC-1701-D)]] la [[USS Galaxy (NCC-70637)|USS ''Galaxy'' (NCC-70637)]], la [[USS Defiant|USS ''Defiant'']] (NX-74205), la [[USS Voyager (NCC-74656)|USS ''Voyager'']] (NCC-74656) e la USS ''Sao Paulo'' (NCC-75633).
La struttura include molti porti di attracco e la stazione spaziale è dotata di molti laboratori dove vengono sviluppate le astronavi federali. Tra le astronavi prodotte da questi cantieri si segnalano la [[USS Enterprise (NCC-1701-D)|USS ''Enterprise'' (NCC-1701-D)]] la [[USS Galaxy (NCC-70637)|USS ''Galaxy'' (NCC-70637)]], la [[USS Defiant|USS ''Defiant'']] (NX-74205), la [[USS Voyager (NCC-74656)|USS ''Voyager'']] (NCC-74656) e la USS ''Sao Paulo'' (NCC-75633). <div>Il Capitano [[Benjamin Sisko]] lavorò a Utopia Planitia tra il 2367 e il 2369, sovraintendendo lo sviluppo della [[classe Defiant]]. Nel 2371 l'astronave ''Fradrickson'' (NCC-42111) venne sottoposta ad un aggiornamento dai cantieri di Utopia Planitia. I Cantieri sono stati visti nell'episodio ''Relativity'' del telefilm [[Star Trek - Voyager]].
 
È posizionata in orbita geosincrona sopra la regione di Utopia Planetia su Marte, dove si trovano altre strutture di costruzione dei Bacini di Flotta.
Nel 2371, la morte di Gabriel Bell nel 2024 cancellò i Bacini di Flotta di Utopia Planetia dalla storia.
 
I Bacini di Flotta nell'orbita di SOL IV (Marte) erano a volte visibili sul grande schermo astrometrico a bordo della ''Voyager''.
 
Quando sembrava possibile che la ''Voyager'' sarebbe tornata a casa all'inizio del 2377 con l'aiuto dell'ologramma di Barclay, questo chiese a Sette di Nove cosa avrebbe fatto quando sarebbero tornati. Lei disse immediatamente che avrebbe lavorato alle riparazioni della Voyager, ma Barclay le disse che c'erano persone su Utopia Planetia che si sarebbero occupate del lavoro, e che lei avrebbe dovuto festeggiare.
197

contributi