Differenze tra le versioni di "Jazz modale"

m
nessun oggetto della modifica
(errore di battitura)
m
Il '''jazz modale''' ('''modal jazz''') è uno degli stili del [[jazz]] nato nella seconda metà del [['900]], la cui pietra fondante è datata [[anni 1950|anni '50]] e consiste nel libro di teoria musicale ''Lydian Chromatic Concept of Tonal Organization (The art and science of tonal gravity)'' di [[George Russell]]. Dal punto di vista discografico, lo spartiacque per la nascita del jazz modale è individuato nel disco di [[Miles Davis]] "''[[Kind of Blue"]]'' (1959).
 
==Principi==
 
Il jazz modale sostanzialmente svincola la progressione degli accordi dalla [[tonalità]] del brano (cioè non richiede che gli [[accordo (musica)|accordi]] siano necessariamente rispondenti alle regole dell'[[armonia tonale]], ossia costruiti per armonizzazione dei vari ''gradi'' della tonalità). Inoltre associa ad ogni accordo differenti [[scala musicale|scale]] "[[modo musicale|modali]]", ciascuna con una sua tonica, dalle molteplici e differenti sfumature, sempre in maniera indipendente e svincolata dalla tonalità.
Nell'analizzare questo genere musicale si può infatti parlare di ''applicazione successiva di differenti scale modali'' (non necessariamente [[scala diatonica|diatoniche]], ma ad esempio anche [[scala pentatonica|pentatoniche]]) invece che di successione di [[accordo (musica)|accordi]]: