Riserva naturale Contrafforte Pliocenico: differenze tra le versioni

Aggiungo template Area protetta
m (forma meno involuta dell'incipit)
(Aggiungo template Area protetta)
{{tmp|areaArea protetta}}
[[Immagine:Contrafforte.jpg|thumb|nomearea = Contrafforte pliocenico in Val di Savena]]
|immagine = Contrafforte.jpg
|linkmappa =
|pxMappa =
|tipoarea =
|stato = Italia
|regione = [[Emilia-Romagna]]
|provincia = [[Bologna]]
|comuni = [[Monzuno]], [[Pianoro]], [[Sasso Marconi]]
|euap =
|classif-internaz =
|provvedimenti istitutivi =
|superficieterrakm =
|superficieterra = 2629
|superficiemare =
|gestore =
|presidente =
|sito = http://www.regione.emilia-romagna.it/natura2000/aree/ZPS/IT4050012/index.html
|linkmappa2 =
|pxMappa2 =
}}
 
Il '''Contrafforte pliocenico''' è l'insieme di rupi rocciose in pietra [[Arenaria (roccia)|arenaria]] che si snodano come un bastione naturale tra le valli dei fiumi [[Setta (fiume)|Setta]], [[Reno (Italia)|Reno]], [[Savena]], [[Zena (torrente)|Zena]] e [[Idice]], in provincia di [[Bologna]], nei territori dei Comuni di [[Monzuno]], [[Pianoro]] e [[Sasso Marconi]] ([[Comunità Montana Cinque Valli Bolognesi]]).
Il [[Contrafforte]] [[Pliocene | pliocenico]] caratterizza un'area di grande interesse, non solo da un punto di vista geologico, ma anche faunistico e ambientale. Ciò che rende particolarmente suggestiva questa porzione dell'[[Appennino tosco-emiliano]] è la grande variabilità ambientale con una serie di habitat rocciosi, forestali e di prateria nettamente differenziati tra loro, nei quali nidificano rare specie di uccelli come il [[Falco pellegrino]], il lanario (''[[Falco biarmicus]]''), il [[Falco pecchiaiolo]], l'[[Albanella minore]], il [[Succiacapre]], il [[Tottavilla]], l'[[Emberiza hortulana|Ortolano]], il [[Calandro]] e l'[[Averla Piccola]].
 
Dal 2006 è sorta un'area protetta a tutelare questi territori (''Riserva del Contrafforte pliocenico''), che ha un'estensione di circa 7572629 [[ettari]].
 
==Bibliografia==
24 162

contributi