Differenze tra le versioni di "Władysław Reymont"

m
nessun oggetto della modifica
(→‎Altri progetti: fix portale)
m
 
==Vita==
Reymont nacque a [[Kobiele Wielkie]], un villaggio vicino [[Radomsko]], figlio di Józef Rejment, un [[organo (musica)|organista]]. Passò l'infanzia assieme agli otto fratelli a [[Tuszyn]], vicino a [[LódźŁódź]], località in cui suo padre si trasferì per lavorare nella ricca chiesa parrocchiale. Frequentò per qualche anno la scuola locale, ma, per il suo carattere irrequieto e insofferente, fu affidato dal padre alla famiglia della sorella maggiore a [[Varsavia]] perché diventasse un sarto come lei. Nel [[1885]], dopo aver passato gli esami e aver presentato un "frac ben fatto", conseguì il titolo di "sarto specializzato", il suo unico titolo scolastico.
 
Tuttavia Reymont non fece mai quel mestiere. Negli anni passati a [[Tuszyn]] si appassionò molto alla lettura, ma fu a [[Varsavia]] che nacque la passione per il palcoscenico ed iniziò a recitare in una compagnia teatrale itinerante viaggiando così per qualche tempo e ritornò a [[Varsavia]] l'estate successiva per i "garden teathers". Dopo un anno, e senza un soldo in tasca, ritornò a [[Tuszyn]] dove, grazie alle conoscenze di suo padre, iniziò a lavorare come casellante in un passaggio a livello vicino a [[Koluszki]]. Scappò ancora due volte: nel [[1888]] a [[Parigi]] e [[Londra]] come [[medium]] di uno [[spiritista]] tedesco, e poi ancora in una troupe teatrale. Data la mancanza di successo (non era un attore talentuoso) ritornò di nuovo a casa. Reymont risiedette per qualche tempo a [[Kronsnowa]] vicino a [[Lipce]] e considerò l'idea di diventare [[Ordine di San Paolo Primo Eremita|monaco paolino]] nel [[Santuario di Częstochowa|monastero di Częstochowa]]. Durante la sua giovinezza fece anche l'impiegato e il telegrafista.
 
Quando la rivista ''GlosGłos'' (''La voce'') decise di pubblicare la sua ''Korespondencje'' da [[Rogowo]], [[Koluszki]] e [[Skierniewice]] nel [[1892]] Reymont ritornò a [[Varsavia]] portando con sé alcuni racconti inediti e andò nelle redazioni di vari giornali fino a quando incontrò qualcuno interessato al suo talento. Su consiglio del signor Świętochowski andò in [[pellegrinaggio]] a [[Santuario di Częstochowa]] nel [[1894]] e scrisse ''PielgrzymakaPielgrzymka do JansejJasnej Góry'', tutt'oggi un classico esempio di [[diario]] di viaggio.
 
Reymont continuò a spedire i suoi racconti a vari periodici e, incoraggiato dalle buone recensioni, scrisse due romanzi: ''Komediantka'' ([[1895]]) e ''Fermenty'' ([[1896]]). Il miglioramento delle sue condizioni economiche gli permise di assecondare la sua passione per i viaggi e visitò [[Berlino]], [[Londra]], [[Parigi]] e l'[[Italia]]. In quel periodo passò del tempo a [[Lódź]] raccogliendo materiale per un nuovo romanzo richiesto dal ''Kurier Codzienny'', un giornale di [[Varsavia]]. Coi proventi della vendita del nuovo romanzo, ''[[La terra promessa]]'' ([[1897]]), poté ritornare in [[Francia]] dove conobbe altri polacchi esiliati ([[Jan Lorentowicz]], [[Stefan ŻeromskyŻeromski]], Przybyszewski, Rydel ecc.).
 
[[Immagine:Reymont na Kuferku.jpg|thumb|right|250px|Statua di Reymont a [[LódźŁódź]]]]
I suoi guadagni però non gli permettevano questo tipo di vita sempre in viaggio. Nel [[1900]] fu risarcito dalle ferrovie con 40.000 [[rublo|rubli]] per essere stato picchiato durante un viaggio in treno sulla linea [[Vienna]]-[[Varsavia]]. Durante le cure fu assistito da Aurelia Szacnajder Szabłowska, che sposò nel [[1902]], dopo aver pagato l'annullamento del precedente matrimonio della donna. Dopo un periodo di riposo ripartì per la [[Francia]] (dove scrisse alcuna parti di ''[[I contadini]]'' tra il [[1901]] e il [[1908]]) e [[Zakopane]]. Nel [[1919]] Reymont viaggiò anche negli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]] a spese del governo polacco. Reymont tentò anche di diventare latifondista e nel [[1912]] comprò delle proprietà vicino a [[Sieradz]], ma la gestione si rivelò infruttuosa e rinunciò a quell'ambizione.
 
Nel novembre del [[1924]] fu insignito del [[Premio Nobel per la letteratura]] su rivali come [[Thomas Mann]], [[Maxim Gorky]] e [[Thomas Hardy]]. L'opinione pubblica polacca sostenne la candidatura di [[Stefan ŻeromskyŻeromski]], ma il premio andò a Reymont "Per la sua grande epica nazionale, ''I contadini''"<ref>[http://nobelprize.org/nobel_prizes/literature/laureates/1924/ Motivazione del Premio Nobel]</ref>. Żeromsky, considerato il miglior candidato, secondo le cronache fu rifiutato dall'[[Accademia Svedese]] per i suoi sentimenti antigermanici. Il premio e l'assegno (116.718 [[corone svedesi|corone]]) gli vennero consegnati in [[Francia]], dove Reymont si stava rimettendo da alcuni problemi cardiaci.
 
Nel [[1925]], si riprese dalla malattia e volle partecipare ad un raduno di contadini a [[Wierzchosławice]], vicino a [[Cracovia]], dove [[Wincenty Witos]] lo accolse come un membro del PSL "Piast", il partito dei contadini polacchi, ed elogiò la sua scrittura. Subito dopo questo evento la salute di Reymont si deteriorò nuovamente. Morì a [[Varsavia]] il [[5 dicembre]] del [[1925]] e fu seppellito nel cimitero di [[Powązki]]. L'urna che contiene il suo [[cuore]] è conservata in una colonna della Chiesa della Sacra Croce a [[Varsavia]].
 
==Opere maggiori==
La critica ammette un certo numero di similitudini tra Reymont e i [[naturalismo (letteratura)|naturalisti]], sottolineando però che non si trattava di un naturalismo "preso in prestito", ma del resoconto delle proprie esperienze di una vita. Reymont non formò alcuna estetica della sua scrittura, similmente ad altri autodidatti come [[Mikołaj Rej]] o [[Aleksander FedroFredro]]. Con una piccola educazione superiore e incapace di leggere le lingue straniere, Reymont realizzò che il suo punto di forza non era la teoria letteraria, ma la conoscenza della realtà.
 
===''Komediantka'' e ''Fermenty''===
 
== Opere ==
* ''PielgrzymakaPielgrzymka do JansejJasnej Góry'' ([[1894]])
* ''Komediantka'' ([[1896]])
* ''Fermenty'' ([[1897]])
* ''[[La terra promessa]]'' (''Ziemia obiecana'') ([[1898]])
* ''[[I contadini]]'' (''CłopiChłopi'') ([[1904]]-[[1909]])
:* ''L'autunno''
:* ''L'inverno''
:* ''L'estate''
* ''Rok 1794'' ([[1914]]-[[1919]])
:* ''Ostatni Sejm RzeczypospoliteyRzeczypospolitej''
:* ''Nil desperandum''
:* ''Insurekcja''
26

contributi