Differenze tra le versioni di "Władysław Reymont"

m
nessun oggetto della modifica
m
m
I suoi guadagni però non gli permettevano questo tipo di vita sempre in viaggio. Nel [[1900]] fu risarcito dalle ferrovie con 40.000 [[rublo|rubli]] per essere stato picchiato durante un viaggio in treno sulla linea [[Vienna]]-[[Varsavia]]. Durante le cure fu assistito da Aurelia Szacnajder Szabłowska, che sposò nel [[1902]], dopo aver pagato l'annullamento del precedente matrimonio della donna. Dopo un periodo di riposo ripartì per la [[Francia]] (dove scrisse alcuna parti di ''[[I contadini]]'' tra il [[1901]] e il [[1908]]) e [[Zakopane]]. Nel [[1919]] Reymont viaggiò anche negli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]] a spese del governo polacco. Reymont tentò anche di diventare latifondista e nel [[1912]] comprò delle proprietà vicino a [[Sieradz]], ma la gestione si rivelò infruttuosa e rinunciò a quell'ambizione.
 
Nel novembre del [[1924]] fu insignito del [[Premio Nobel per la letteratura]] su rivali come [[Thomas Mann]], [[Maxim Gorky]] e [[Thomas Hardy]]. L'opinione pubblica polacca sostenne la candidatura di [[Stefan Żeromski]], ma il premio andò a Reymont "Per la sua grande epica nazionale, ''I contadini''"<ref>[http://nobelprize.org/nobel_prizes/literature/laureates/1924/ Motivazione del Premio Nobel]</ref>. ŻeromskyŻeromski, considerato il miglior candidato, secondo le cronache fu rifiutato dall'[[Accademia Svedese]] per i suoi sentimenti antigermanici. Il premio e l'assegno (116.718 [[corone svedesi|corone]]) gli vennero consegnati in [[Francia]], dove Reymont si stava rimettendo da alcuni problemi cardiaci.
 
Nel [[1925]], si riprese dalla malattia e volle partecipare ad un raduno di contadini a [[Wierzchosławice]], vicino a [[Cracovia]], dove [[Wincenty Witos]] lo accolse come un membro del PSL "Piast", il partito dei contadini polacchi, ed elogiò la sua scrittura. Subito dopo questo evento la salute di Reymont si deteriorò nuovamente. Morì a [[Varsavia]] il [[5 dicembre]] del [[1925]] e fu seppellito nel cimitero di [[Powązki]]. L'urna che contiene il suo [[cuore]] è conservata in una colonna della Chiesa della Sacra Croce a [[Varsavia]].
 
=== ''La terra promessa'' ===
''[[La terra promessa]]'' ([[1898]]), ambientato durante la [[rivoluzione industriale]], è una spietata descrizione della società di [[LódźŁódź]], una città presentata come un'arena per la lotta per la sopravvivenza. Nel romanzo la città distrugge quelli che accettano la regola del vivere sempre di corsa alla stessa maniera di quelli che non la accettano. La cancrena morale affligge i tre personaggi principali, un [[Germania|tedesco]], un [[ebraismo|ebreo]] e un [[Polonia|polacco]]. Questa oscura visione del [[cinismo]], illustrata dalle bestiali qualità degli uomini che sottostanno alla legge del più forte, dove l'[[etica]], i nobili ideali e i [[religione|sentimenti religiosi]] vanno contro quello in cui credono, sono, come intende l'autore, una denuncia dell'[[industrializzazione]] e dell'[[urbanizzazione]]. ''La terra promessa'' è stato tradotto in quindici lingue e ne sono stati tratti due [[film]], il primo nel [[1927]] di A. Węgierski e A. Hertz e il secondo nel [[1975]] di [[Andrzej Wajda]].
 
=== ''I contadini'' ===
26

contributi