Differenze tra le versioni di "Humphry Davy"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: sostituisco l'entitità '–' con '–')
Davy fu capace di dimostrare che l'[[ossigeno]] non si può ottenere dall'[[acido cloridrico|acido muriatico]] e provò l'esistenza di un altro elemento, che chiamò [[cloro]] (lo scopritore del cloro si dice fosse stato [[Carl Scheele]] 36 anni prima; eppure, Scheele non era stato in grado di pubblicare le sue scoperte). La scoperta sconvolse il lavoro di [[Antoine Lavoisier|Lavoisier]], che aveva definito gli [[acido|acidi]] come composti dell'ossigeno.
 
Nel 1815 Davy propose l'idea che gli acidi fossero sostanze contenenti molecole ''sostituibili'' di [[idrogeno]] – idrogeni che potevano essere interamente o parzialmente sostituiti da [[metallo|metalli]], ipotizzando che quando tali acidi reagiscono coi metalli, si formano i sali. Sempre in queste ipotesi, le [[Base (chimica)|basi]] sarebbero sostanze che, reagendo con gli acidi, formano sali e acqua. Le definizioni furono utili e trovarono ampio consenso per buona parte del [[XIX secolo]], prima che fosse pubblicata la teoria di [[Teoria_acido-base_di_Brønsted-Lowry|Brønsted-Lowry]].
 
Nel [[1818]], fu nominato [[baronetto]].
Utente anonimo