Differenze tra le versioni di "Blocco ferroviario"

riord testo per migliore comprensibilità
(riord testo per migliore comprensibilità)
L'espressione '''"blocco ferroviario"''' raggruppadefinisce alcuni [[regimel'insieme di circolazione|regimi di circolazione]], ossia sistemi di sicurezza del traffico, esistenti in campo [[ferrovia|ferroviario]]., Sidefiniti trattaanche di complessi[[regime di dispositivi che hanno il compito di realizzare un "regimecircolazione|regimi di circolazione"]], ossiache un complessopermettono di regoleregolare ein strumentitutta che rendano possibilesicurezza la marciacircolazione dei treni insu condizioniuna dideterminata massimalinea sicurezza,o erete soprattuttodi alinee. velocità commercialmente accettabili.
 
IlL'insieme regimedi norme e di dispositivi che costituiscono un cosiddetto ''regime di blocco'' si basa di massima sull'assunto che un treno debba ''bloccarsi'' alla fine della tratta per cui ha ottenuto la via libera se non riceve (o ha ricevuto) un consenso esplicito (mediante segnale, mediante dispaccio scritto o anchecomunicazione medianteradio dispaccioregistrata) a proseguire nella successiva tratta: esso pertanto traduce una condizione di circolazione in cui la regolazione della marcia è effettuata dividendo la linea in tratte precisamente individuate chiamate ''sezioni di blocco'' in cui le condizioni di percorribilità (via libera, o impedita, o via libera con limitazioni particolari) sono definite all'inizio della stessa.
 
In campo tecnico si fa talvolta distinzione (storica) tra i primitivi sistemi a ''blocco rigido'', in cui vale pedissequamente quanto detto, e a ''blocco elastico'' in cui, con l'introduzione di segnali di blocco ''permissivi'', in loro presenza i principi di cui sopra vengono derogati purché il singolo treno proceda in regime di ''[[marcia a vista]]'' e quindi a velocità ridotta: in tal caso si può proseguire oltre la tratta anche senza consenso ''esplicito''.
 
Riguardo alle tecnologie ed alle procedure per implementare i sistemi di blocco, si distinguono generalmente vari tipi di blocco ferroviario:
* sistemi di blocco a comando o concorso manuale:
 
* Sistema del *[[Blocco a bastone pilota|Bastone pilota]]
**[[Blocco telegrafico]], ormai caduto in disuso.
* Blocco manuale
**[[Blocco telegrafico]], ormai caduto in disuso.
**[[Blocco telefonico]], utilizzato in molte linee del ''[[terzo mondo]]'' e in genere in caso di circolazione fortemente degradata a causa di guasti alle apparecchiature di sicurezza.
**[[Blocco_elettrico_manuale|Blocco elettrico manuale]], il piu usatodiffuso in [[Italia]] fino a qualche annotempo fa.
 
*[[Blocco_automatico|Blocco automatico]]
** Sistemi di [[Blocco_automatico|Blocco automatico a circuiti di binario]] detto anche a circuiti di binario
**[[Blocco automatico a circuiti di binario]] detto anche a correnti fisse
**[[Blocco automatico a correnti codificate]]
**[[Blocco automatico a conta-assi]]
**[[Blocco radio]] (utilizzato susulle linee moderne)
 
Particolari linee a traffico limitato, generalmente diramazioni terminali, possono non essere dotate di ''sistemi di blocco'' lungo la tratta in quanto sono [[Esercizio ferroviario a spola|esercitate a spola]] con un solo treno ad impegnare la linea.
 
{{Portale|trasporti}}
69 114

contributi