Apri il menu principale

Modifiche

m
nessun oggetto della modifica
}}
 
Era figlia di [[Tommaso Paleologo]], [[Despotato di Morea|Despota di Morea]] e della di lui moglie Caterina Zaccaria.
==Biografia==
 
==Biografia==
Suo padre era [[Tommaso Paleologo]], [[Despotato di Morea|Despota di Morea]]. Insieme ai fratelli fu portata a [[Roma]] dopo la conquista della [[Morea]] da parte di [[Maometto II]] nel [[1460]]. Nell'urbe il suo nome greco Zoe fu cambiato in Sofia. Nel [[1469]] [[Papa Paolo II]] la offrì in moglie al monarca russo, nella speranza di unire ortodossi e cattolici in un'unica fede. Il [[principe di Mosca]], vedovo della prima moglie, sposò la non attraente Sofia nella [[Cattedrale dell'Ascensione]] del [[Cremlino]] il [[12 novembre]] [[1472]]. Il Cardinale [[Giovanni Bessarione]], inviato dal [[Papa]] a Mosca, non ebbe comunque successo nel tentativo di mutare la politica religiosa della [[Moscovia]].
 
Man mano che gli anni passavano, Sofia iniziò ad avere una grande influenza sulle decisioni dell'anziano marito. Si pensa che fosse stata la prima ad introdurre al Cremlino la magnificenza e la meticolosa etichetta delle cerimonie bizantine, evidentemente compiaciuta nel pensare che Mosca dovesse diventare la [[terza Roma]]. Poco prima della sua morte persuase il marito a cedere il trono al loro figlio primogenito [[Basilio III di Russia]] piuttosto che al nipote di [[Ivan Dimitri]]. Ad eccezione di Vassili solo il suo quinto figlio, [[Andrej di Staritsa]], lasciò discendenza.