Differenze tra le versioni di "Fanteria (storia romana)"

nessun oggetto della modifica
La fanteria in [[storia romana|epoca romana]] era il nerbo dell<nowiki>'</nowiki>[[esercito romano|esercito]]. Era formata da [[cittadinanza romana|cittadini romani]], inquadrati in unità chimatechiamate [[legione romana|legioni]] (che ne costituivano la cosiddetta fanteria ''pesante'') ed alleati (''[[socii]]'') alle [[ala (esercito romano)|ali]] dello schieramento.
 
All'interno delle legioni vi erano anche limitati reparti di fanteria "leggera", come i ''[[velites]]'' o le ''[[leves]]'', oltre ad una massicci presenza di fanteria "pesante", come gli ''[[hastati]]'', i ''[[princeps]]'' ed i ''[[triarii]]''.
 
In seguito alla riforma di [[Gaio Mario]] ([[104 a.C.]] circa) ed alla [[guerra sociale]] ([[91 a.C.|91]]-[[88 a.C.]]), altrinuovi reparti di fanteria alleata (per lo più "leggera?") furono inquadrati a fianco delle [[legione romana|legioni]] (ormai composte di soli elementi di fanteria "pesante"). Si trattava degli ''[[auxilia]]''.
 
Con la riformariorganizzazione di [[Augusto]], alle forze di fanteria "pesante" (legioni) furono affiancate in modo permenente (con 25 anni di ferma obblicatoria) tutta una serie di [[truppe ausiliarie dell'esercito romano|truppe ausiliarie di fanteria "leggera"]] a completamento tattico. Si trattava delle cosiddette ''[[cohors peditata|cohortes peditatae]]'', ''[[cohors equitata|cohortes equitatae]]'' ed i ''[[numerus|numeri]]''.
 
Il degno comletamento tattico della fanteria ("pesante" e "leggera") era, infine, oltre all'[[artiglieria (storia romana)|artiglieria]] ed il [[Genio militare (storia romana)|genio]], la [[cavalleria (storia romana)|cavalleria]].
Utente anonimo