Protogene (mimo): differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
 
==Citazione epigrafica==
A menzionarlo è un'[[epigrafia latina|epigrafe]] sepolcrale [[Lingua latina|latina]], un [[epitaffio]] in forma metrica, che fa di lui l'attore del mondo latino con la più antica citazione epigrafica<ref name=CambridgeCompanion>Marianne McDonald, J. Michael Walton, ''The Cambridge companion to Greek and Roman theatre'', [[Cambridge University Press]], 2007 ISBN 9780521834568 p. 149</ref><ref name =HUPress>Richard C. Beacham, ''The Roman Theatre and Its Audience'', [[Harvard University Press]], 1991 ISBN 0674779142 (p. 139, nota 39)</ref>:
{{quote
|Qui giace Protogene, schiavo di Clulio, mimo giocondo. Con i suoi frizzi procurò al popolo tante ore liete
|lingua2=it}}
 
L'iscrizione, provenienteproveniene da [[Preturo]]/[[Amiternum]] (presso [[L'Aquila]]), nella ''[[Regio IV Samnium]]''. Essa, seguendo l'interpretazione didatane da [[Franz Bücheler]], viene solitamente fatta risalire all'incirca al tempo di [[Quinto Ennio|Ennio]]<ref>o di poco posteriore, secondo le parole di [[Franz Bücheler]] («''carmen Ennianae aetatis non multo posterius''»), in ''Carmina Latina Epigraphica'', [[Benedictus Gotthelf Teubner|Teubner]], [[Lipsia]], 1895-1897</ref>, anche se, per alcuni arcaismi caratteristici, come ''heicei'' e ''soueis'' è stata proposta da [[Bruno Gentili]] una datazione anteriore<ref name=Gentili>[[Bruno Gentili]], ''L'epitafio del mimo Protogene: [[esametri]] o [[saturnio|saturni]]?'', in ''Quaderni urbinati di cultura classica'', nuova serie, Vol. 34, n. 1, 1990, pp. 131-141</ref>.
 
===Prosodia dell'iscrizione===
Utente anonimo