Differenze tra le versioni di "Pavimentazione interna"

nessun oggetto della modifica
(link +txt)
''Pavimenti alla [[Genova|Genovese]]'': molto simili a quelli alla Veneziana, si differenziano solo per l’impiego di granulati di dimensioni più piccole impastati con leganti e pigmenti a base di [[ossido|ossidi]] prima di eseguire il getto in opera del pavimento.
 
''Palladiane'': sono pavimenti costituiti da frammenti di lastre, lavorati a piano di sega, con dimensioni comprese tra i 10 e i 20cm, che vengono applicati su uno strato di allettamento accostandoli in opera senza un ordine [[geometria|geometrico]]. La posatura viene conclusa con una [[stucco|stuccatura]] dei giunti e con una levigatura e [[lucidatura]] superficiale.
 
''Pavimenti a [[Mosaico]]'': costituiti da piccoli elementi [[pietra|lapidei]] di diverso colore e forma variabile dai 8mm ai 20mm vengono posati in maniera da ottenere diversi disegni. Questo tipo di pavimentazione è antichissimo e tuttora resta molto pregiato. La posatura avviene sfruttando il cosiddetto metodo al rovescio, per il quale viene prima disegnato il disegno su cartoni (con casellatura e numerazione) e poi incollate le tessere su di esso. Accostando poi i diversi cartoni e effettuando una posa in opera si inizia la prima fase di realizzazione del [[mosaico]]. Successivamente vengono tolti tutti gli strati di carta e murato il getto si effettua una levigatura e lucidatura. Apparirà a questo punto il disegno al dritto.