Differenze tra le versioni di "Gneo Pompeo Magno"

Nei mesi successivi alla morte del Sertorio, tuttavia, Pompeo rivelò uno dei suoi talenti più significativi: il genio per l'organizzazione e la gestione di una provincia conquistata. Sistemi di governo giusti e generosi fecero estendere il suo controllo su tutta la Spagna e sulla Gallia meridionale. Fu quando [[Marco Licinio Crasso]] si trovo' in difficoltà contro [[Spartaco]] alla fine della rivolta degli schiavi del [[71 a.C.]], che Pompeo tornò in Italia con il suo esercito per mettere fine alla sommossa.
 
Gli avversari si lagnarono e, specialmente Crasso, sostennero che Pompeo stava sviluppando azioni per arrivare alla fine della campagna e raccogliere tutta la gloria per il successo ottenuto. Ciò avrebbe assicurato l'inimicizia perenne tra Crasso e Pompeo, che durò per più di un decennio. Tornato a Roma, Pompeo celebrò il suo secondo [[trionfo]] extralegale per le vittorie in Spagna. Gli ammiratori vedevano in Pompeo il generale più brillante dell'epoca. IlNel [[71 a.C.]], a solosoli 35 anni (cfr. [[cursus honorum]]), Pompeo fu eletto per la prima volta [[console romano|console]], per il [[70 a.C.]] come partner più giovane di Crasso, grazie all'appoggio irresistibile della popolazione romana.
 
==Pirati e Medio Oriente ==
70

contributi