Differenze tra le versioni di "Rumiñahui"

49 byte aggiunti ,  10 anni fa
m
Bot: Aggiungo: mk:Румињахуи; modifiche estetiche
m (Bot: Sistemo sintassi template Portale. Aggiungo: Conquista spagnola delle Americhe.)
m (Bot: Aggiungo: mk:Румињахуи; modifiche estetiche)
[[ImmagineFile:Ruminahui Otavalo.jpg|thumb|right|260px|Monumento a Rumiñahui in Otavalo]]
{{Bio
|Nome = Rumiñahui
Per altri era, invece, riferito al suo sguardo, duro e implacabile come il suo carattere.
 
== Nascita ==
Poco si sa della sua adolescenza e, solo attraverso congetture, alcuni storici moderni dell’[[Ecuador]] hanno ricostruito una sua parentela con Atahuallpa che, addirittura, sarebbe stato suo fratellastro.
Secondo queste teorie, il sovrano Inca [[Huayna Capac]] avrebbe preso come [[Concubinato|concubina]] la madre di Rumiñahui che sarebbe appartenuta ad una nobilissima famiglia del regno di [[Quito]].
A parte queste illazioni, dobbiamo riconoscere che Rumiñahui apparteneva certamente alla nobiltà del suo paese, altrimenti ben difficilmente sarebbe giunto ad occupare le cariche che ricopriva.
 
== Carriera militare ==
Come generale delle armate del Cuzco, Rumiñahui viene ricordato per la partecipazione ad alcune campagne in cui ebbe modo di illustrarsi lo stesso Atahuallpa che, costantemente, lo accompagnava.
Alla morte di Huayna Capac fu naturale per il generale quiteño di schierasi nel campo di Atahuallpa, sia per le comuni esperienze vissute sia per l’ostilità che entrambi provavano per le gente del Cuzco.
Rumiñahui partecipò alla [[Guerra civile Inca|guerra civile]] restando a stretto contatto con il suo signore. All’inizio delle ostilità fu presente negli scontri più importanti accanto a [[Quizquiz]] e [[Chalcochima]], ma, quando la zona delle operazioni si spostò verso la capitale Inca, egli venne destinato a salvaguardare le retrovie. Venne così a trovarsi a [[Cajamarca]] nel drammatico momento della cattura di Atahuallpa.
 
== Cajamarca ==
Pare che egli avesse sostenuto la necessità di affrontare gli Spagnoli già all'atto del loro sbarco, ma il suo avveduto consiglio, da militare consumato, non era stato seguito e l’Inca aveva preferito uniformarsi al parere dei suoi cortigiani. Rumiñahui era così rimasto all’esterno della città con un esercito, in armi, composto da circa 5.000 soldati.
 
Quando fu chiaro che la giornata era stata fatale alle armate degli Inca, Rumiñahui dette ordine di ripiegare verso Quito e riuscì a porre in salvo le sue truppe senza subire perdita alcuna.
 
== Presa del potere ==
Durante la prigionia di Atahuallpa si limitò a sorvegliare la presenza degli Spagnoli senza intervenire e favorì, invece, la raccolta di tesori per il riscatto dell’Inca che era curata personalmente da ''Quilliscache'', ''Illescas'' per i cronisti iberici, fratello dello stesso sovrano.
Si rifiutò però di consegnare il tesoro personale di Atahuallpa che non era poi altro che quello del regno di Quito, occultandolo in un luogo segreto.
Questo, almeno, è quello che traspare dalle successive cronache spagnole, ma non dimentichiamo che in tali racconti si assicura anche che, in questa occasione, sarebbero stati uccisi tutti i figli di Atahuallpa, mentre successivamente ne furono trovati in vita ben undici.
 
== Guerra di Quito ==
Le forze spagnole a cui Rumiñahui si trovò confrontato erano assai numerose. Inizialmente le truppe iberiche poterono contare solo sulle schiere di [[Sebastian de Belalcazar|Benalcazar]] che, di sua iniziativa, aveva intrapreso la conquista dei territori del Nord, abbagliato dalla speranza dell’oro che vi si diceva esistere in gran copia. Il luogotenente di [[Francisco Pizarro|Pizarro]] era stato presto raggiunto da [[Diego de Almagro|Almagro]] inviato, con pochi uomini,per richiamarlo all’ordine.
Successivamente questi contingenti furono rafforzati dall’arrivo dell’''[[adelantado]]'' [[Pedro de Alvarado|Don Pedro de Alvarado]], il conquistatore del [[Messico]] che, a prezzo di una marcia impressionante, che gli era costata un numero spaventoso di vittime, aveva raggiunto l’altipiano andino partendo da [[Provincia di Manabí|Puerto Viejo]].
Poco dopo la stessa sorte toccava a ''Zope-Zopahua'', parimenti abbandonato dai suoi e costretto alla resa.
 
== Morte di Rumiñahui ==
Lo scopo della conquista di Quito era per gli Spagnoli la ricerca dell’oro e in particolare del tesoro di ''Atahuallpa'' che si diceva fosse stato sepolto con lui. Di oro non ne era stato trovato che una piccola quantità e del tesoro non vi era neppure l’ombra. Benalcazar e i suoi capitani, convinti dell’esistenza di questa ingente fortuna, setacciarono inutilmente la città distruggendo templi e abitazioni. Infine esasperati per queste ricerche infruttuose si rivolsero ai loro prigionieri per estorcere le informazioni che desideravano. Rumiñahui e gli altri capitani furono sottoposti alla tortura, ma non rivelarono nulla, sia che non avessero effettivamente nulla da confessare sia che fossero così forti d’animo da aver ragione anche dei tormenti del carnefice.
Visti inutili i loro tentativi gli Spagnoli decisero di sbarazzarsi di loro e il 25 giugno del 1535 ''Rumiñahui'', ''Zope-zopahua'', ''Quingalumba'', ''Razorazo'' e ''Sina'' furono giustiziati, alcuni sul rogo e altri con altrettanto atroci forme di esecuzione.
Nell’[[Ecuador]] moderno Rumiñahui, detto il “''defensor de Quito''” è considerato un eroe nazionale e a lui sono dedicate numerose opere storiche e letterarie.
 
== Bibliografia ==
=== Autori dell'epoca ===
* [[Francisco López de Gómara|Gómara]] (Francisco López de) ''Historia general de las Indias (1552)'' In BIBL. AUT. ESP. (tomo LXII, Madrid 1946)
* [[Antonio de Herrera y Tordesillas|Herrera y Tordesillas]] (Antonio de) ''Historia general ... (1601 - 1615)'' In COL. Classicos Tavera (su CD)
* [[Gonzalo Fernández de Oviedo y Valdés|Oviedo y Valdés]] (Gonzalo Fernández de) ''Historia general y natural de las Indias''(1535 e Segg.) in In BIBL. AUT. ESP. (tomi CXVII-CXVIII-CVIX-CXX-CXXI, Madrid 1992)
* [[Agustín de Zárate|Zárate]] (Agustín de) ''Historia del descubrimiento y conquista de la provincia del Peru (1555)'' In BIBL. AUT. ESP. (tomo XXVI, Madrid 1947)
 
=== Autori moderni ===
* Piedad y Alfredo Costales ''El Reino de Quito'' - Cayambe 1992
* Reinaldo Miño ''Rumiñahui defensor de Quito'' - Quito 1994
* Frank Salomon ''Los Señores etnicos de Quito Epoca de los Incas'' - Otavalo 1980
 
== Voci correlate ==
* [[Impero Inca]]
* [[Conquistadores]]
[[es:Rumiñahui]]
[[fr:Rumiñahui]]
[[mk:Румињахуи]]
[[pl:Rumiñawi]]
[[qu:Rumiñawi (awqaq pusaq)]]
372 278

contributi