Differenze tra le versioni di "Crema (farmacologia)"

nessun oggetto della modifica
(control copy)
{{Controlcopy|motivo=testo copiato/incollato da altro documento, senza formattazione wikipedia|firma=[[Utente:Ruthven|Ruthven]] ([[Discussioni utente:Ruthven|msg]])|argomento=medicina|mese= gennaio 2010}}
La '''crema''' è una preparazione [[farmacologia|farmacologica]] a consistenza molle per applicazione sulla [[cute]].
 
{{Portale|medicina}}
Le creme sono preparazioni bifasiche costituite da una fase lipofila e da una fase acquosa.
Si suddividono in creme idrofobe ed idrofile.
Le creme idrofobe hanno come fase esterna la fase lipofila. Contengono emulsionanti acqua-in-olio (A/O) come lanolina, esteri del sorbitano e monogliceridi.
Le creme idrofile hanno come fase esterna la fase acquosa. Contengono emulsionanti olio-in-acqua (O/A) come: saponi di sodio o di trietanolammina, solfati di alcoli grassi e [[polisorbato|polisorbati]].
 
== La instabilità fisica della crema ==
 
Le modifiche più significative che avvengono in una crema sono dovute essenzialmente a questi tre fenomeni:
'''Sedimentazione* sedimentazione ed affioramento (creaming)'''
-* aggregazione e coalescenza
-* inversione di fase.
 
- sedimentazione===Sedimentazione ed affioramento (creaming)===
 
- aggregazione e coalescenza
 
- inversione di fase.
 
'''Sedimentazione ed affioramento (creaming)'''
 
Si ha "creaming" quando la fase dispersa si concentra alla superficie o al fondo della preparazione. Esempio: la formazione della crema nel latte.
Nel creaming le goccioline della fase dispersa sono ancora circondate dal film di emulsionante ed è sufficiente un'accurata agitazione per riportare l'emulsione allo stato iniziale.
I fattori sui quali è possibile intervenire per controllare il fenomeno del creaming sono:
* densità delle due fasi,
* dimensioni dei globuli della fase dispersa (0,5 e 2,5 *m)
* aumento della viscosità della fase esterna
 
'''Aggregazione e coalescenza'''
 
'''===Aggregazione e coalescenza'''===
Si ha aggregazione (flocculazione) quando i globuli della fase dispersa, per interazione tra forze attrattive e repulsive e senza perdere il film che li circonda, si avvicinano formando degli aggregati tenuti insieme da deboli forze; però è sufficiente l'agitazione per ripristinare il sistema disperso. La flocculazione può essere evitata con l’aumento della solidità del film che riveste la fase dispersa
Si ha coalescenza quando il film che circonda le goccioline disperse si rompe e queste si riuniscono per formare dei globuli più grandi che si riuniscono con altri fino a portare alla rottura totale dell'emulsione e cioè alla separazione delle due fasi. In questo caso non è possibile ottenere di nuovo un'emulsione stabile per semplice agitazione. L'aumento di temperatura può determinare la coalescenza perché cresce il numero di collisioni fra i globuli. L'elemento fondamentale che impedisce la coalescenza dei globuli è la resistenza meccanica del film interfacciale;
Nelle emulsioni O/A, accanto ai tensioattivi, si utilizzano degli idrocolloidi che oltre ad aumentare la viscosità e quindi a rallentare i movimenti delle particelle disperse, formano intorno a queste, film multimolecolari dotati di notevole resistenza meccanica.
 
'''===Inversione di fase'''===
 
L’inversione di fase può avvenire quando si raggiunge all’emulsione un elettrolita che può reagire con l’emulsionante, cambiandone le caratteristiche.
Per esempio l'aggiunta di ioni calcio o magnesio ad una emulsione O/A contenente stearato di sodio (sapone idrofilo) provoca inversione perché si forma lo stearato di metalli alcalini terrosi (sapone lipofilo) che favorisce la formazione di una emulsione A/O.
 
{{Portale|medicina}}
 
[[Categoria:Forma farmaceutica]]
62 492

contributi