Differenze tra le versioni di "Mercedes-Benz R107"

m
Bot: decadi secondo il manuale di stile
m
m (Bot: decadi secondo il manuale di stile)
==La genesi del modello==
Alla ''R107'' spettava un compito arduo: rimpiazzare nel listino della [[Casa automobilistica |Casa]] della ''stella a 3 punte'' l'apprezzato modello [[Mercedes-Benz W113|SL Pagoda]].
Sebbene la progenitrice si vendesse ancora bene, per riaffermare l'indiscussa supremazia tecnica, a [[Stoccarda]] si resero conto della necessità di un nuovo modello, più evoluto dal punto di vista della guidabilità. La ''Pagoda'', difatti, come tutte le Mercedes degli [[anni 1960|anni '60sessanta]] diventava estremamente impegnativa su [[asfalto]] bagnato o umido a causa delle reazioni del ponte posteriore a bracci oscillanti con [[ammortizzatore]] di compensazione centrale. Il progetto '''W107''', dal quale sarebbe nata sia la roadster ''R107'', sia la [[coupé]] [[Mercedes-Benz C107|C107]] (o SLC), viene avviato nel [[novembre]] del [[1967]]. Si voleva che la nuova roadster andasse a consolidare il successo della ''Pagoda'', sia in senso generale, sia in particolare nel mercato [[Stati Uniti|statunitense]], dove già il modello precedente riscuoteva successo. Le nuove normative statunitensi in materia di sicurezza stradale, normative che al momento del progetto ''W107'' erano prossime all'entrata in vigore, furono una delle direttive imposte dai vertici [[Daimler-Benz]] per la realizzazione della nuova roadster. <br>
Per quanto riguarda le [[Sospensione (meccanica)|sospensioni]], si scelse un moderno avantreno a ruote indipendenti con quadrilateri articolati, molle elicoidali e barra stabilizzatrice. Per quanto riguardava il retrotreno, si abbandonò la soluzione del ponte posteriore a bracci oscillanti in favore di uno schema a bracci diagonali, anch'esso con molle elicoidali e barra stabilizzatrice. Tipicamente Mercedes il resto dell'impostazione meccanica, che prevedeva: [[trazione posteriore]], [[sterzo]] a circolazione di sfere servoassistito e [[freno a disco |freni a disco]] autoventilati su tutte le ruote.<br>
A migliorare la guidabilità contribuiva anche il passo relativamente lungo per una spider a 2 posti (la panchetta posteriore, infatti, poteva ospitare al massimo un borsone): 246[[centimetro|cm]].<br>
Nel [[1972]] venne introdotta la versione '''450SL''', mossa da un V8 a iniezione di 4520cc (225cv), abbinato ad un cambio automatico a 4 rapporti. Tale motore, appartenente alla famiglia dei motori [[Mercedes-Benz M117|M117]], è in pratica lo stesso della ''350SL 4.5'', ma era più prestante in quanto non menomato da tutte quelle misure antinquinamento previste dalle normative USA. La potenza massima raggiungeva così i 225 CV.<br>
Nel [[1974]], in seguito alla crisi petrolifera di quel periodo, venne introdotta la '''280 SL''', equipaggiata dal bialbero [[Mercedes-Benz M110|M110]] da 2.8 litri in grado di erogare 185 CV.<br>
Nella seconda metà degli [[anni 1970|anni '70settanta]] del [[XX secolo]], si assistette al graduale passaggio dall'iniezione elettronica a quella meccanica, passaggio cominciato nel [[1976]] sulla ''280SL'' e proseguito fino ai primi [[anni 1980|anni '80ottanta]] interessando così l'intera gamma.<br>
Nel [[febbraio]] del [[1980]], in occasione di un leggerissimo restyling agli interni, la gamma venne rivista: la ''280SL'' venne equipaggiata con il cambio manuale a 5 marce, la ''350SL'' venne sostituita dalla '''380 SL''' (3818cc, 218cv), mentre la ''450 SL'' lasciò il posto alla '''500SL''' (4973cc, 240cv). Quest'ultima era riconoscibile per la verniciatura in colore scuro della parte bassa della carrozzeria e per un piccolo [[Alettone (automobilismo)|alettone]] posteriore in [[plastica]] nera. Con questo aggiornamento di mezza età, vennero tolti dalla gamma quasi tutti i motori con [[monoblocco]] in [[ghisa]] (tranne il 2.8 M110), sostituiti da unità in lega leggera. Ciò, unito all'utilizzo di cofani motore in [[alluminio]], aiutò a ridurre il peso delle vetture ed a risparmiare qualcosa in termini di consumo.<br>
Nel [[1981]] i motori ricevettero nuovi aggiornamenti per migliorarne ulteriormente l'efficienza e ridurre i consumi e l'inquinamento. In particolare, il 3.8 venne ritoccato in maniera più massiccia, riducendone l'[[alesaggio]] ed aumentandone la [[corsa (meccanica)|corsa]], ed ottenendo così una nuova unità da 3839 cc e 204 CV di potenza massima.<br>
3 218 421

contributi