Differenze tra le versioni di "William Gott"

226 byte aggiunti ,  9 anni fa
nessun oggetto della modifica
(Nuova pagina: {{Comandanti militari |nome = William Henry Ewart Gott |qualifica = lieutenant general |immagine = 250px |soprannome = "Straf...)
 
{{Comandanti militari
|nome = William Henry Ewart Gott
|qualifica = [[Tenente generale|lieutenant general]]
|immagine = [[immagine:Gott William Henry Ewart.jpg|250px]]
|soprannome = "Strafer"
Ufficiale britannico durante la [[seconda guerra mondiale]], partecipò con distinzione alle numerose e alterne [[Camapagna del Nord-Africa|campagne di guerra nel deserto libico e egiziano]] contro le pericolose [[Afrika Korps|forze italo-tedesche]] del generale [[Erwin Rommel|Rommel]]; personalità notevole e molto apprezzata dalle truppe, grande esperto di guerra nel deserto e di mezzi corazzati, mantenne sempre grande prestigio nell'[[British Army|esercito britannico]], esercitando con impegno e energia il comando successivo di brigate, divisioni e corpi d'armata dal [[1940]] al [[1942]].
 
Dopo la ritirata su [[Prima barragliabattaglia di El Alamein|El Alamein]], Gott era il comandante designato da [[Winston Churchill|Churchill]] per prendere il comando della [[Ottava armata britannica|VIII Armata]] in sostituzione del generale [[Claude Auchinleck|Auchinleck]] dopo le gravi sconfitte subite. Un tragico incidente avrebbe interrotto prematuramente la carriera e la vita di William Gott (promosso tenente-generale): il suo aereo da trasporto in viaggio verso il [[Cairo]], venne abbatutto il [[7 agosto]] [[1942]] da caccia tedeschi Bf109, e il generale trovò la morte nel disastro.<br/>
Alla testa della VIII Armata sarebbe stato nominato al suo posto il candidato del Capo di Stato Maggiore Imperiale [[Alan Brooke]], [[Bernard Law Montgomery]], che avrebbe poi diretto la vittoriosa [[Seconda battaglia di El Alamein|battaglia di El Alamein]] e sarebbe così diventato il generale britannico più famoso di tutta la guerra.
== Bibliografia ==
* Correlli Barnett, ''I generali del deserto'', BUR, Milano, 2001 ISBN 88-17-12540-7
 
 
[[Categoria:generali britannici]]
[[Categoria:Personalità britanniche della Seconda guerra mondiale]]