Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: Modifico: en:Tiberius Claudius Nero (praetor 42 BC); modifiche estetiche
== Biografia ==
 
[[ImmagineFile:Tiberius bust.jpg|thumb|Nerone ebbe due figli dalla moglie [[Livia Drusilla]], che vennero poi adottati da [[Augusto (imperatore romano)|Augusto]]: il primogenito, anch'egli chiamato [[Tiberio Claudio Nerone]], sarebbe poi passato alla storia come l'imperatore Tiberio]]
 
Membro della [[gens Claudia]] sia da parte di padre che di madre, Nerone era discendente diretto del console Tiberio Claudio Nerone figlio del censore [[Appio Claudio Cieco]]. Il padre era [[Druso Claudio Nerone]], che aveva combattuto contro i pirati agli ordini di [[Pompeo Magno]] nel 67 a.C., e che rimase famoso per il suo suggerimento di mandare in esilio i membri della [[Congiura di Catilina]]. Appartenente ad una famiglia di provata fedeltà alla Repubblica, fu il padre del secondo imperatore romano, [[Tiberio Claudio Nerone|Tiberio]] e del generale [[Druso maggiore]], nonno di [[Gaio Giulio Cesare Claudiano Germanico|Germanico]], [[Druso minore]], [[Claudia Livilla]] e dell'imperatore [[Claudio (imperatore romano)|Claudio]], bisnonno dell'imperatore [[Caligola]] e trisavolo dell'imperatore [[Nerone]].
Servì [[Gaio Giulio Cesare]] come [[questore (storia romana)|questore]] nel [[48 a.C.]], comandando la flotta romana nella [[Guerra civile romana (49 a.C.)|guerra alessandrina]]: la vittoria ottenuta sulla flotta egiziana gli consentì di ottenere una carica sacerdotale. Ulteriori incarichi assegnatigli da Cesare riguardavano la gestione delle colonie romane in [[Gallia]].
 
[[ImmagineFile:Drusus_the_elder_bust.jpg|150px|left|thumb|Nerone Claudio Druso, meglio noto come [[Druso maggiore]], era il figlio di Nerone e [[Livia Drusilla]], ma nacque dopo il divorzio dei genitori e fu adottato da [[Augusto (imperatore romano)|Ottaviano]]]]
 
Sebbene avesse combattuto con Cesare, Nerone era un repubblicano convinto e un sostenitore del partito degli [[ottimati]]: giunse anche a proporre di premiare gli assassini di Cesare nel [[44 a.C.]], quando questi sembravano aver preso il sopravvento. Malgrado ciò, i meriti acquisiti durante il servizio con il [[dittatore romano]] gli permisero di venire eletto [[pretore (storia romana)|pretore]] ([[42 a.C.]]).
[[bg:Тиберий Нерон]]
[[de:Tiberius Claudius Nero (Prätor 42 v. Chr.)]]
[[en:Tiberius Claudius Nero (praetor 42 BC)]]
[[es:Tiberio Claudio Nerón (pretor)]]
[[fr:Tiberius Néron]]
368 953

contributi