Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: Camera dei deputati come da pagina discussione
Essi rappresentavano una minoranza cospicua all'interno del partito, arrivando a raggiungere anche circa il 40% dei voti congressuali. I loro maggiori esponenti ([[Tullio Vecchietti]], [[Dario Valori]], [[Lucio Libertini]], [[Lelio Basso]]) si opposero in tutti i modi all'unificazione socialista, chiedendo anche il ripristino del patto di unità di azione con il PCI, continuando ad accettare acriticamente le tesi sovietiche e comuniste.
 
Ad es. il socialista carrista Vecchietti, in occasione del blocco [[Stati Uniti d'America|statunitense]] intorno a [[Cuba]], tenne un discorso alla [[Camera dei Deputatideputati]] anche più violento di comunisti come [[Giancarlo Pajetta]], giungendo ad affermare che le documentazioni fotografiche, rese pubbliche dagli Stati Uniti per dimostrare l'esistenza dei missili atomici sovietici nell'isola di [[Fidel Castro]], erano dei falsi ottenuti con [[fotomontaggio|fotomontaggi]].<br/>
 
Più in generale i ''carristi'' erano contrari alla politica di centro-sinistra, contro ogni collaborazione diretta o indiretta con la [[Democrazia Cristiana]], definito il partito della conservazione.
2 755 452

contributi