Differenze tra le versioni di "Agnizione"

539 byte aggiunti ,  14 anni fa
integrazione da agnizione
m
(integrazione da agnizione)
{{da unire|agnizione}}
{{W|teatro|ottobre 2005}}
Sin dalla ''Poetica'' di [[Aristotele]] il '''riconoscimento''' (o '''agnizione''', dal latino ''agnitio'') è individuato come uno dei cardini della trama narrativa, proprio delle opere narrative o drammatiche. Consiste nell'improvviso e inaspettato riconoscimento dell'identità di un personaggio, che determina una svolta decisiva nella vicenda.
Sin dalla ''Poetica'' di [[Aristotele]] il riconoscimento (o [[agnizione]]) è individuato come uno dei cardini della trama narrativa, in particolare nel teatro. Il caso classico è quello del personaggio che, al termine di una serie più o meno complessa di vicende, viene riconosciuto da altri o si autoriconosce nella sua vera identità. Nella commedia latina, ad esempio, l'agnito è un topos assai sfruttato per dirimere situazioni difficili o scabrose. Il riconoscimento può riguardare anche i modi e i tempi con cui il lettore scopre la verità, abilmente celata dallo scrittore. Il procedimento è tipico del romanzo giallo o avventuroso (cfr. il "colpo di scena", la "scena madre"); ma anche in racconti psicologici lo scrittore può adottare un punto di vista che strutturalmente mette in ombra o tralascia alcuni fatti relativi a un personaggio e la cui conoscenza è ritardata ad arte. La vicenda di Edipo può costituire l'emblema del riconoscimento nel senso più profondo del termine: l'eroe prende coscienza del suo vero essere al termine di una inquietante inchiesta, che si conclude con la catastrofe. L'identificazione dell'eroe è peraltro una delle funzioni della fiaba di magia studiate da Propp, a riprova del carattere topico e assai generalizzato di questo procedimento narrativo.
 
Sin dalla ''Poetica'' di [[Aristotele]] il riconoscimento (o [[agnizione]]) è individuato come uno dei cardini della trama narrativa, in particolare nel teatro. Il caso classico è quello del personaggio che, al termine di una serie più o meno complessa di vicende, viene riconosciuto da altri o si autoriconosce nella sua vera identità. Nella commedia latina, ad esempio, l'agnito è un topos assai sfruttato per dirimere situazioni difficili o scabrose. Il riconoscimento può riguardare anche i modi e i tempi con cui il lettore scopre la verità, abilmente celata dallo scrittore. Il procedimento è tipico del romanzo giallo o avventuroso (cfr. il "colpo di scena", la "scena madre"); ma anche in racconti psicologici lo scrittore può adottare un punto di vista che strutturalmente mette in ombra o tralascia alcuni fatti relativi a un personaggio e la cui conoscenza è ritardata ad arte. La vicenda di Edipo può costituire l'emblema del riconoscimento nel senso più profondo del termine: l'eroe prende coscienza del suo vero essere al termine di una inquietante inchiesta, che si conclude con la catastrofe. L'identificazione dell'eroe è peraltro una delle funzioni della fiaba di magia studiate da Propp, a riprova del carattere topico e assai generalizzato di questo procedimento narrativo.
{{letteratura}}
 
L'''agnizione'' era usata soprattutto nelle [[palliata|commedie palliate]] dell'antica [[Grecia]] dai commediografi che volevano scioccare positivamente il pubblico con un finale a sorpresa: per esempio [[Publio Terenzio Afro|Terenzio]] e [[Tito Maccio Plauto|Plauto]] utilizzarono spesso questo espediente nelle loro produzioni letterarie.
 
[[Categoria:Figure retoriche]]
[[categoria:letteratura]]
 
{{letteratura}}
59 083

contributi