Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
{{TOCright}}
{{F|biologia|luglio 2009}}
Sono considerate '''vestigia''' (dal latino ''vestigium'', impronta, orma) quegli elementi di un organismo (per esempio l'uomo) che in esso persistono, ma che hanno perso del tutto la funzionalità che invece avevano in un antenato o nelllnell'embrione.
 
Si possono individuare due tipi di vestigia: [[filogenesi|filogenetico]] e [[ontogenesi|ontogenetico]]. Nel primo caso un esempio classico è l'appendice, residuo intestinale erbivoro, nel secondo l'ombelico.
Utente anonimo