Differenze tra le versioni di "Porto Tolero"

m
nessun oggetto della modifica
m (Bot: sintassi dei link)
m
Passò quindi, come tutta la [[Storia_della_Dalmazia|Dalmazia]], sotto il [[Regno dei Serbi, Croati e Sloveni]], che decretò la fuga in massa della popolazione italica residente, che diede luogo alla cosiddetta ''vittoria mutilata'', poi propagandisticamente ripresa da [[Mussolini]].<br>
La città venne occupata nel [[1941]] dalle [[Potenze_dell'Asse|forze dell’Asse]], che portò all’annesione della Dalmazia al Regno d’Italia e alla creazione del [[Governatorato_di_Dalmazia|Governorato di Dalmazia]] che durò fino alla capitolazione dell’Italia del [[Proclama_Badoglio_dell'8_settembre_1943|8 settembre 1943]].<br>
In seguito subentrò l’occupazione tedesca che ingloboinglobò la città nelnello [[Stato Indipendente di Croazia]].
Cessato il [[Seconda_Guerra_Mondiale|secondo conflitto mondiale]], dal 1945 entrò a far parte della [[Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia]], assumendo alternativamente (tra il 1950 e il 1954 e tra il 1980 e il 1990) anche il nome ''Kardeljevo'' in onore di [[Edvard Kardelj]]. <br>
Dal [[1991]] fa parte della [[Croazia|Repubblica della Croazia]].
 
Attualmente è collegata con la [[Bosnia_ed_Erzegovina|Bosnia-Erzegovina]] anche attraverso launa ferrovia, e con la presto completata [[Autocesta_A1|Autostrada A1]] (entro il 2008<ref> [http://www.hac.hr/index.php?task=search&stask=det&id=1083] fonte HAC</ref>), col resto della Croazia, il cui proseguimento verso [[Ragusa_(Croazia)|Ragusa]] potrebbe realizzarsi by-passando il territorio Bosniaco-Erzevosese attraverso il cosiddetto ponte di [[Sabbioncello]] (''Pelješki most'').
 
Il nome veneziano della città è ancora utilizzato dalla locale squadra di Calcio.<ref> [http://mnkportotolero.blog.hr/] – blog de “MNK Porto Tolero Ploče”</ref>
171

contributi