Differenze tra le versioni di "Culto religioso nell'antica polis reggina"

m
Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo e spaziature
m (Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo e spaziature)
== Culto di Artemide ==
 
Il culto di [[Artemide]], dea della caccia, era vivo a Reggio col nome di Artemis Phakelitis (da phakelon, fasci di sarmenti, vegetali delle paludi). Il culto di Artemide è strettamente collegato a quello del fratello divino, Apollo, e alla tradizione stessa della fondazione della città. [[Strabone]] narra che a fondare la città furono un gruppo di calcidesi insieme ad alcuni Messeni che erano stati allontanati dalla madrepatria perchè avevano preso le difese di Spartani che avevano attaccato loro concittadini colpevoli di aver abusato un gruppo di fanciulle spartane che si stavano recando a compiere sacrifici nel tempio di Artemis Limnatis, al confine tra [[Messenia]] e [[Laconia]]. Apollo, mediante l'oracolo di Delfi, aveva ordinato ai profughi messeni di portare i calcidesi a Reggio e di ringraziare Artemide così sarebbero scampati alla rovina della loro patria che doveva essere, di lì a poco, conquistata dagli [[Spartani]]. [[Tucidide]]<ref> cfr VI 44, 2-3</ref> menziona a Rhegion la presenza di un santuario di Artemide situato al di fuori delle mura della polis. Il tempio di Artemide, prossimo alla tomba dell’ecista mitico della città, [[Iocasto|Iokastos]], era allocato alla base del Promontorio Artemisio, divenuto poi Punta Calamizzi. Quel promontorio era la fonte della ricchezza di Reggio, perché proteggeva il porto della città dai venti dei quadranti meridionali, pericolosi per la navigazione nello Stretto. Situato a sud della città, ospitava, in periodo bizantino, il monastero di San Nicola di Calamizzi e la chiesa di San Giorgio Drakoniaratis<ref>[http://www.lavocedifiore.org/SPIP/article.php3?id_article=2736] Fonte</ref>.
 
== Culto di Heracle ==
Dall'oriente, in età ellenistica, sono pervenuti nell'antica città alcuni culti: quello per le divinità egiziane di [[Iside]] e [[Serapide]] e quello per le divinità dell'[[Anatolia]] di [[Cibele]] e [[Attis]].
 
Il ritrovamento di un frammento di un' architrave che riporta un'iscrizione in latino "''Q. Fabius Titiani lib. Ingenuus"'' e ''"Fabia Candida sacrorum"'' dimostra l'esistenza di un tempio edificato in onore delle divinità [[Iside]] e [[Serapide]]. Il ritrovamento di alcune terrecotte raffiguranti [[Attis]] che suona la siringa, col tipico copricapo frigo, testimoniano il culto per [[Cibele]], venerata come [[Grande Madre]].
 
== Voci Correlate ==
2 802 479

contributi