Differenze tra le versioni di "Schei"

213 byte aggiunti ,  11 anni fa
etimologia: fonte
(etimologia: fonte)
'''''Schei''''' è un termine [[lingua veneta|veneto]] con il quale vengono indicati in generale i soldi.
 
HaL'etimologia unaè provenienzaprobabilmente piuttostola singolareseguente. Ai tempi del [[regno Lombardo-Veneto]] (1815-1869), quando il [[Veneto]] si trovava sotto l'egemonia [[Impero austriaco|austriaca]], erano in circolazione alcune monete su cui era riportata la scritta ''scheid.munz'', abbreviazione del [[lingua tedesca|tedesco]] ''Scheidemünze'' cioè "moneta divisionale". Questa veniva pronunciata popolarmente come ''schei'', da cui poi derivò anche il singolare ''scheo'' per indicare la singola moneta.<ref>Vocabolario Treccani, voce ''[http://www.treccani.it/Portale/elements/categoriesItems.jsp?pathFile=/sites/default/BancaDati/Vocabolario_online/S/VIT_III_S_111976.xml schei]''.</ref>
 
Il termine è sopravvissuto sino al giorno d'oggi. Il singolare, inoltre, indica per estensione qualcosa di piccole dimensioni, analogo all'italiano "soldo di cacio" (''picoło fa un scheo'' "piccolo come un soldo di cacio"), o anche una breve lunghezza, come un centimetro (''spòsteło de vinti schei'' "spostalo di 20 cm").
 
Con l'introduzione dell'[[euro]], invece, è entrata in disuso la parola ''franco'', usata per indicare le [[lira italiana|lire]] e quindi una ben definita somma di denaro. Per cui ''trenta franchi'' erano trenta lire; ''<nowiki>'</nowiki>na carta da mìłe (franchi)'' era una banconota da mille lire. Il termine deriva da un'altra moneta austriaca, che riportava l'abbreviazione ''Franc.'', indicante il nome dell'imperatore [[Francesco Giuseppe I d'Asburgo|Francesco Giuseppe]].
 
==Note==
<references/>
 
==Voci correlate==