Differenze tra le versioni di "Giovanni Battista Lampi"

nessun oggetto della modifica
== Cenni biografici ==
 
Figlio di [[Matthias Lamp]], anch'egli pittore, imparò i primi rudimenti della pittura dal padre e dal cugino [[Pietro Antonio Lorenzini]].<ref>{{cita web|url=http://www.valledinon.tn.it/Interne/Giambattista_Lampi__ritrattista_di_fama_europea_interna.ashx?ID=2538|titolo=Giambattista Lampi, ritrattista di fama europea|accesso=15/06/2010}}</ref> Dopo aver studiato in più luoghi e particolarmente a [[Verona]] (dove fu allievo di Francesco Lorenzi), dipinse ritratti e [[pala d'altare|pale]] in [[Trento]], quindi si trasferì in [[Austria]], a [[Innsbruck]], [[Klagenfurt]] e [[Vienna]], dove [[Giuseppe II del Sacro Romano Impero|Giuseppe II]] lo nominò professore all'Accademia.
Fu pure in [[Polonia]] ed in [[Russia]] alle corti di [[Stanisław Poniatowski]] e di [[Caterina II di Russia|Caterina II]].
 
Benché non molto originale nelle sue manifestazioni artistiche, né immune da influenze, soprattutto dei [[ritratto|ritrattisti]] tedeschi ed inglesi, e dai [[neoclassicismo|neoclassici]], ha tocco sicuro e linee eleganti specialmente nei ritratti.
 
{{citazione necessaria|Le migliori opere sono un San Luigi, un ritratto di Giuseppe II, uno della contessa Potocka con la figlia e l'autoritratto.}}
 
== Note ==
<references/>
 
== Collegamenti esterni ==