Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
Gli antecedenti storici affondano, oltre che nei lavori dei maestri francesi, in alcune opere francesi di compositori italiani, in seguito tradotte e adattate al gusto italiano, come ''[[La Favorita]]'' di [[Gaetano Donizetti|Donizetti]] e il ''[[Don Carlo]]'' di [[Giuseppe Verdi|Verdi]], la cui versione italiana comportò appunto la riduzione degli atti da 5 a 4 mediante il taglio dell'atto iniziale.
 
Le opere più rappresentative, composte in lingua italiana, si collocano nell'ottavo e nono decennio del secolo. La più famosa è l<nowiki>'</nowiki>''[[Aida (opera)|Aida]]'' di Verdi ([[1871]]), che non presenta tuttavia l'impianto monumentale tipico del genere, che ritroviamo invece nelle opere di [[Amilcare Ponchielli]] (''[[I Lituani]]'', ''[[La Gioconda (opera)|La Gioconda]]'' e soprattutto ''[[Il figliuol prodigo (opera)|Il figliuol prodigo]]''), [[Carlos Gomes]] (''[[Il Guarany]]'') e [[Alberto Franchetti]] (''[[Asrael (opera)|Asrael]]'', ''[[Cristoforo Colombo (opera)|Cristoforo Colombo]]'').
 
Nonostante l'assenza delle danze (in origine previste), anche la seconda opera di [[Giacomo Puccini|Puccini]], ''[[Edgar]]'', rientra nei confini di questo genere.
Utente anonimo