Differenze tra le versioni di "Jack Arnold"

19 byte aggiunti ,  11 anni fa
m
Bot: Sistemo wikilink 'horror'
m (Bot: Aggiungo: sv:Jack Arnold)
m (Bot: Sistemo wikilink 'horror')
Arnold si sofferma sulle alienità, sull'essere diversi, sui mostri terrificanti che sconvolgono la quotidianità, causando influenze molteplici e più o meno durature sull'avvenire.
 
Pur non essendo il primo a cimentarsi nei suoi generi di preferenza, egli è tra i primi a definire le direttive di tutta una produzione pluridecennale di [[Cinema dell'orrore|horror]] d'intrattenimento, messi su con budget limitati e volti a suscitare le emozioni più immediate dello spettatore medio, fino ad arrivare, negli anni più recenti, ad esasperare gli aspetti sensazionalistici e spettacolari della violenza.
 
In rapporto al suo tempo, Arnold s'inserisce in parte in quella serie di produzioni tipicamente [[anni 1950|anni cinquanta]] per cui l'alieno e il diverso incarnano malignità e provocano sconvolgimenti sia interni (la possessione) che esterni, come la distruzione totale del pianeta o la conquista militare - basti pensare a pellicole ormai classiche come ''[[La guerra dei mondi (film 1953)|La guerra dei mondi]]'' di [[Byron Haskin]], ''[[La cosa da un altro mondo]]'' di [[Christian Nyby|C. Nyby]] e [[Howard Hawks|H. Hawks]] o ''[[L'invasione degli ultracorpi (film)|L'invasione degli ultracorpi]]'' di [[Don Siegel]]; tuttavia, nel suo caso è più difficile interpretare l'invasore marziano, o di quale altro pianeta o zona segreta della Terra si tratti, come una metafora del "pericolo" comunista, perché in lui entra in gioco un elemento nuovo per quei prodotti di cosiddetto cinema di "serie b": il punto di vista.
867 343

contributi