Differenze tra le versioni di "Tito Flavio Clemente (console 95)"

nessun oggetto della modifica
|AttivitàAltre =
|Nazionalità = romano
|PostNazionalità = , strettamente imparentato con la [[dinastia flavia]]. La tradizione ebraica ne fa un convertito all'ebraismo, perin realtà convertito al Cristianesimo. Per i cristiani è un santo, talvolta identificato con [[papa Clemente I]]
|Immagine =
|Didascalia =
L'imperatore [[Domiziano]], figlio di Vespasiano, ebbe in grande considerazione Clemente e sua moglie Domitilla. Clemente fu nominato [[console (storia romana)|console]] per l'anno [[95]], con l'onore di avere per collega l'imperatore stesso; i figli di Clemente e Domitilla, ancora giovani, furono designati eredi dall'imperatore, che non aveva figli, che cambiò loro nome in Vespasiano e Domiziano.
 
Secondo quanto racconta [[Svetonio]], Domiziano mise a morte Clemente poco prima della fine del suo consolato, sulla base di un leggero sospetto.<ref>Svetonio, ''Vita di Domiziano'', 15</ref> [[Cassio Dione]] concorda, raccontantoraccontando che l'accusa contro Clemente era di ateismo (αθεοτση) e spiegando che questa era l'accusa mossa verso molti di coloro che si convertivano all'[[Ebraismo]]; Dione prosegue raccontando che gli accusati di ateismo erano talvolta messi a morte e talvolta privati dei propri beni ed esiliati, e che a Domitilla accadde proprio questo, essendo esiliata a ''Pandateria'' ([[Ventotene]]).<ref>''Epitome di Cassio Dione', lxvii.4.</ref> In seguito Domiziano fu assassinato da un collaboratore di Domitilla.<ref>Svetonio, ''Vita di Domiziano'', 17</ref>
 
== Note ==
Utente anonimo