Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione ,  9 anni fa
m
Bot: i simboli corretti degli ordinali sono º e ª
== Gara ==
 
Al via [[Ayrton Senna|Senna]] mantiene il comando davanti a [[Nigel Mansell|Mansell]], [[Riccardo Patrese|Patrese]], [[Jean Alesi|Alesi]], [[Gerhard Berger|Berger]] e [[Alain Prost|Prost]], guadagnando poi un margine di circa tre secondi nei primi otto giri. A partire da questo momento, però, Mansell comincia ad avvicinarsi e per il ventesimo giro il vantaggio del brasiliano è ridotto a sette decimi. Al 17º giro Prost, temendo di rimanere bloccato dietro alla [[Benetton F1|Benetton]] di [[Nelson Piquet|Piquet]], effettua un pit stop; Mansell lo imita al 26°º passaggio, ma la sua sosta dura ben quattordici secondi e questo lo fa scendere in quarta posizione, alle spalle di Patrese ed Alesi. Dopo i pit stop di questi ultimi, Mansell si trova a sette secondi dal leader della gara Senna; il pilota britannico rimonta lo svantaggio dal rivale e sembra poterlo superare, ma al 50º giro è costretto ad una seconda sosta da una foratura.
 
Senna ha però problemi con il cambio, che per il 60°º passaggio ha perso la quarta marcia; Mansell potrebbe ancora rappresentare un'insidia per il brasiliano, ma il pilota della Williams è costretto al ritiro al 61º giro proprio per un problema al cambio. Il cambio di Senna perde via via tutte le marce ad eccezione della sesta; il brasiliano, pur a costo di grandi sforzi (a fine gara dovrà essere aiutato ad uscire dalla vettura e faticherà ad alzare la coppa del vincitore) riesce a rimanere in gara, nonostante diverse volte nelle curve lente la sua McLaren quasi si fermi. Tuttavia Patrese, anch'egli afflitto da problemi al cambio, non riesce ad approfittare delle difficoltà del rivale e Senna vince la gara di casa davanti a Patrese, Berger, Prost, Piquet ed Alesi.
 
=== Classifica ===
2 755 452

contributi