Differenze tra le versioni di "Blocco ferroviario"

replaced: piu → più using AWB
m (Bot: sintassi dei link)
(replaced: piu → più using AWB)
L'espressione '''blocco ferroviario''' definisce l'insieme di sistemi di sicurezza del traffico [[ferrovia|ferroviario]]rio, definiti anche [[regime di circolazione|regimi di circolazione]], che permettono di regolare in tutta sicurezza la circolazione dei treni su una determinata linea o rete di linee.
 
L'insieme di norme e di dispositivi che costituiscono un cosiddetto ''regime di blocco'' si basa di massima sull'assunto che un treno debba ''bloccarsi'' alla fine della tratta per cui ha ottenuto la via libera se non riceve (o ha ricevuto) un consenso esplicito (mediante segnale, mediante dispaccio scritto o comunicazione radio registrata) a proseguire nella successiva tratta: esso pertanto traduce una condizione di circolazione in cui la regolazione della marcia è effettuata dividendo la linea in tratte precisamente individuate chiamate ''sezioni di blocco'' in cui le condizioni di percorribilità (via libera, o impedita, o via libera con limitazioni particolari) sono definite all'inizio della stessa.
**[[Blocco telegrafico]], ormai in disuso.
**[[Blocco telefonico]], utilizzato in molte linee del ''[[terzo mondo]]'' e in genere in caso di circolazione fortemente degradata a causa di guasti alle apparecchiature di sicurezza.
**[[Blocco elettrico manuale]], il piupiù diffuso in [[Italia]] fino a tempo fa.
 
* Sistemi di [[Blocco automatico]]