Differenze tra le versioni di "Clive Malcolm Griffiths"

nessun oggetto della modifica
(→‎Live: riformulo)
Dopo la presentazione di [[Videomusic]], Clive ha ideato e prodotto ''Crazy Time'', ''Telemontepecora'', la campagna ''Plastica Replastica'' e ''Sans Souci, birra speciale col gusto musicale''. Nel [[1988]] è coautore e conduttore di ''So to Speak'', in cui appare in settanta puntate in onda si [[Italia 1]] in cui insegna l'inglese, ma con la sua tipica chiave comica e divertente. Nel [[1991]] è coautore e conduttore su [[Telemontecarlo]] di ''Yes I Do'', programma tv formato da cinquanta puntate.
 
Quelli dal [[1997]] al [[2000]] sono gli anni dell'ascesa della sua popolarità televisiva e della sua affermazione come insegnante-comico di inglese, in cui realizza ben 1190 puntate per il canale di lingue ''[[TVL]]'' di [[Stream]], tra cui il programma ''Brit Awards''. Tra i suoi numerosi servizi televisivi di spicco compaiono ''[[Le Iene (programma televisivo)|Le Iene]]'' su [[Italia 1]], ''Una notte all'Odeon'' e ''Fuori di zucca'' su [[Odeon TV]], ''Notte rock'' su [[Rai 1]] e altre presentepresenze su [[MTV]], [[AllMusic]] e [[Rai 2]].
 
==Carriera radiofonica==
Dall'ottobre [[1998]] a giugno del [[2000]] ha trasmesso ''Wordaday'' su [[Radio Deejay]], un programma giornaliero di micro-lingua inglese.
 
Dal [[2000]], Clive lavora per [[Radio Monte Carlo]], dove trasmette inizialmente ''Monte Carlo Nights'' dal [[2000]] al [[2002]], e quindi dal [[2001]] il suo famoso programma ''Speak Easy'', durante il quale insegna l'inglese a tempo di musica, attraverso la traduzione dei testi delle canzoni più famose, arricchendoli di espressioni idiomatiche e al passo coi tempi. Dal marzo 2009 in versione video sul Web TV di Radio Monte Carlo.
==Live==
Dal [[2004]] al [[20072010]] Clive mette in scena in tutta Italia, nelle scuole medie inferiori e superiori, lo spettacolo ''Speak Easy Roadshow'', in pratica la versione dal vivo del programma radio ''Speak Easy'' che si traduce così in uno spettacolo che vuole essere allo stesso tempo educativo e divertente, puntando sulla musica come mezzo originale per coinvolgere i ragazzi e creare uno scambio culturale. Nel 2010 realizza un corso di inglese in 14 CD e libretti distibuito in edicola con il periodico "Famiglia Cristiana".
 
==Collegamenti esterni==
Utente anonimo