Differenze tra le versioni di "Ideale dell'ostrica"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: sintassi dei link; modifiche estetiche)
 
Ed ancora nella prefazione ai Malavoglia, Verga afferma chiaramente questo concetto chiarendo, inoltre, che ritornerà a parlare della gente del bel mondo e dei salotti perché la sua ideologia non privilegia una [[classe sociale]] piuttosto che un’altra.
 
'''Critica al concetto dell'ostrica'''
La suggestiva tesi del Leoncini porta a ritenere che Verga non abbia mai parlato di "concetto dell'ostrica", e che si tratti di una paternità spuria ( medesimo processo per il quale è stata attribuita erroneamente a Machiavelli l'espressione "il fine giustifica i mezzi" ). Il noto critico ritiene infatti che , nel contesto storico e sociale in cui è vissuto Verga, questi non avrebbe mai potuto utilizzare l'espressione "ostrica", mollusco difficilmente rinvenibile nei mari siculi, ben invero più consona sarebbe risultata l'espressione "cozza", in quanto trttasi di mollusco con il quale i pescatori siciliani hanno a che fare quotidianamente. Secondo questa argomentazione , ad un pescatore di Acitrezza non sarebbe mai venuto in mente di definire un'ostrica ciò che in realtà era una cozza: in ossequio all'acribia naturalistica del Verga, non si può pertanto parlare di "concetto dell'ostrica", ma di "teoria della cozza".
== Note ==
<references/>
Utente anonimo