Differenze tra le versioni di "Quattro tempora"

fix
(fix)
 
Le Quattro Tempora esistono in tutte e due le forme del rito romano ma in modo diverso:
* ''forma extra-ordinaria'': fanno, infatti, parte dell'[[anno liturgico]] romano nella forma [[Messa tridentina|extra-ordinaria]] come disciplinato dal [[calendario romano generale]].
* ''forma ordinaria'': non fanno parte dell'[[anno liturgico]] romano, come disciplinato dal [[calendario romano generale]]. Ciò è dovuto alla decisione. Questo a seguito della riforma liturgica [[Concilio Vaticano II|post-conciliare]], che decise ditogliere la liturgia delle Quattro Tempora dal [[Temporale (liturgia)|Temporale]] e di inserirla tra le celebrazioni votive in quanto la loro celebrazione fu demandata alla valutazione delle Conferenze episcopali, raccomandando caldamente alle stesse la ricerca del modo adatto di osservarne l'officiatura.
* ''forma straordinariaordinaria'': non fanno parte dell'[[anno liturgico]] romano, come disciplinato dal [[calendario romano generale]]. Questo a seguito della riforma liturgica [[post-conciliare|Concilio Vaticano II]], che decise di togliere la liturgia delle Quattro Tempora dal [[Temporale (liturgia)|Temporale]] e di inserirla tra le celebrazioni votive in quanto la loro celebrazione fu demandata alla valutazione delle Conferenze episcopali, raccomandando caldamente alle stesse la ricerca del modo adatto di osservarne l'officiatura.
 
PerAlcune quantoConferenze riguardaepiscopali, adfra esempio l'[[Italia]],cui la [[Conferenza episcopale italiana]], decisedecisero di mantenere la celebrazione delle Quattro Tempora nel [[Temporale (liturgia)|Temporale]] della forma ordinaria del [[rito romano]]: di conseguenza, le Quattro Tempora fanno ancora parte dell'[[anno liturgico]] romano nella forma ordinaria, come disciplinato dal calendario romano ''particolare'' (e non più da quello generale). Ovvero, la loro celebrazione è facoltativa.
 
==Origini==
Da Roma le Tempora si diffusero gradualmente in tutto l'Occidente. Né la [[Gallia]] né la [[Spagna]] le ebbero molto prima dell'[[VIII secolo]].
 
In [[Britannia]], però comparvero curiosamente prima, e fonti cristiane ne attribuiscono la ragione alla presenza di [[sant'[[Agostino di Canterbury]], un romano che agiva sotto la diretta autorità di [[papa Gregorio I|papa Gregorio Magno]].
 
Nella [[Chiesa ortodossa]], le Tempora non sono mai state osservate.