Differenze tra le versioni di "Sfera di Ewald"

Un [[cristallo]] può essere descritto da un [[reticolo]] di punti. La condizione per avere una interferenza costruttiva è che le possibili variazioni del [[vettore d'onda]] formino un reticolo nello spazio dei momenti (il [[reticolo reciproco]]). Per esempio, il reticolo reciproco di una struttura cubica semplice è ancora un cubo semplice. Lo scopo della sfera di Ewald è di determinare quale piano del reticolo cristallino (a cui corrisponde un punto nel reticolo reciproco) è associato ad una diffrazione osservata per una certa lunghezza d'onda incidente.
 
L'onda piana incidente sul cristallo ha come vettore d'onda '''<math>K_i</math>''' il cui modulo è <math>2\pi/\lambda</math>. L'onda piana riflessa ha vettore d'onda '''<math>K_f</math>'''. Se non varia l'enegiaenergia nel processo di diffrazione (cioè è [[urto elastico|elastico]]) allora '''<math>K_f</math>''' ha lo stesso modulo di '''<math>K_i</math>'''. Il vettore di scattering è definito dalla variazione del vettore d'onda '''<math>\Delta{K}=K_f-K_i</math>'''. Poiché i due vettori d'onda hanno lo stesso modulo allora il vettore di scattering disegnato a partire da '''<math>K_i</math>''' deve stare su una sfera di raggio <math>2\pi/\lambda</math>. Questa sfera è la sfera di Ewald.
 
I punti del reticolo reciproco sono i valori del momento trasferito quando la [[legge di Bragg|legge di Bragg]] è soddisfatta. Vale anche che per avvenire una diffrazione deve essere tale che il vettore di scattering sia un vettore del reticolo reciproco. Geometricamente questo vuol dire che se l'origine dello spazio reciproco è posta sulla punta del vettore '''<math>K_i</math>''' allora la diffrazione avviene solo per quei punti del reticolo reciproco che appartengono alla superficie della sfera di Ewald.
Utente anonimo