Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
}}
Si laureò nel [[1904]] e nel [[1907]] ottenne il primo incarico universitario presso l'[[Università degli Studi di Camerino]], per passare poi all'[[Università degli studi di Perugia]], cui seguirono Cagliari, Messina e Modena.
Ordinario di [[diritto romano]] presso la facoltà di [[Giurisprudenza]] dell'[[università Federico II]] di [[Napoli]], ha ricoperto il ruolo di preside della facoltà dal [[1943]] al [[1945]]. Successivamente, insegnò all'università La Sapienza di Roma. Fra i suoi allievi, [[Mario Talamanca]], e [[Feliciano Serrao]].
 
Antifascista, liberale, ricoprì inoltre le cariche di [[ministro di Grazia e Giustizia]] nel [[Governo Badoglio II|I governo di unità nazionale]] e di [[Ministero della Pubblica Istruzione|ministro dell'Educazione]] nel [[Governo Bonomi III|III governo Bonomi]] e nel [[governo Parri]].
Utente anonimo