Differenze tra le versioni di "Mi ritorni in mente/7 e 40"

sistemo e correggo
(Wikipedia:Bot/Richieste/Errori comuni, replaced: perchè → perché, typos fixed: 7° → 7º (2) using AWB)
(sistemo e correggo)
}}
 
'''''Mi ritorni in mente/7 e 40''''' è il 7º singolo da interprete del cantautore [[Lucio Battisti]], pubblicato dalla casa discografica [[Dischi Ricordi]] il [[14 ottobre]] [[1969]].
 
==Il disco==
Inizialmente il lato A del 45 giri doveva contenere ''7 e 40'' e il lato B ''[[Elena no/Una#Una|Una]]'', ma quando Battisti completò ''Mi ritorni in mente'' venne deciso il suo inserimento nel singolo a scapito di ''Una''. ''Una'' fu pubblicata solo nel 1972, nel singolo [[Elena no/Una]].
Il 45 giri venne pubblicato il [[14 ottobre]] [[1969]] dalla casa discografica [[Dischi Ricordi]]; le due canzoni, arrangiate come di consueto da [[Detto Mariano]], vennero poi inserite nell'album [[Emozioni (album)|Emozioni]].
 
Il 45 giri venne pubblicato il [[14 ottobre]] [[1969]] dalla casa discografica [[Dischi Ricordi]];Entrambe le due canzoni, arrangiate come di consueto da [[Detto Mariano]], vennero poi inserite nell'album [[Emozioni (album)|Emozioni]].
===Mi ritorni in mente===
Si tratta di una delle canzoni più note e rappresentative del repertorio battistiano con Mogol. Buona parte della melodia deriva da una vecchia canzone scritta nel [[1965]] con [[Roberto Matano]], ''Non chiederò la carità'', a cui Mogol scrisse un nuovo testo<ref>{{Cita web|url=http://www.luciobattisti.info/?page_id=9078|titolo=Inediti|opera=www.luciobattisti.info|accesso=16-10-2010}}</ref>. Secondo [[Alessandro Colombini]] la canzone venne scritta da Battisti e Mogol ispirati dal racconto di una sua storia d'amore<ref>Racconto di Alessandro Colombini in ''Lucio, quante emozioni'', Rai Uno, 9 settembre 1998.</ref>, ma questa origine venne smentita in seguito da Mogol stesso<ref>{{Cita web|url=http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/musica/grubrica.asp?ID_blog=37&ID_articolo=1102&ID_sezione=62&sezione=|titolo=Pagina|autore=Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro|opera=Il mio amico Lucio Battisti|accesso=19-02-2009}}</ref>.
 
===7 e 40===
Inizialmente la canzone doveva essere il lato A del 45 giri, ma a Battisti, a Mogol e ai loro collaboratori piacque di più ''Mi ritorni in mente''.
 
===Successo===
''7 e 40'' invece parla di un trasloco. A un certo punto il protagonista si ritrova solo, perché la sua bella è già partita in treno alle 7.40. Così lui parte verso l'aeroporto per un volo alle 8.50, sperando che sia presto, ripetendo difatti, "Presto...Presto...presto...presto...".
*Il singolo fu l'11º singolo più venduto del [[1969]]<ref>{{Cita web|url=http://www.hitparadeitalia.it/hp_yends/hpe1969.htm|titolo=I singoli più venduti del 1969|opera=www.hitparadeitalia.it|accesso=16-10-2010}}</ref>.
 
==Hit parade==
* 11º singolo più venduto del [[1969]]<ref>{{Cita web|url=http://www.hitparadeitalia.it/hp_yends/hpe1969.htm|titolo=I singoli più venduti del 1969|opera=www.hitparadeitalia.it|accesso=16-10-2010}}</ref>
{| class="wikitable"
!|+ PosizioneAndamento in Hit Parade<ref>[http://www.hitparadeitalia.it/hp_weeks/ www.hitparadeitalia.it]</ref>
|-
! N°
! Settimana
! Posizione
! Posizione<ref>[http://www.hitparadeitalia.it/hp_weeks/ www.hitparadeitalia.it]</ref>
|-
| 1 || [[6 dicembre]] [[1969]] || 10
Tutti i brani sono di Battisti - [[Giulio Rapetti|Mogol]].
 
=====;Lato A=====
# ''Mi ritorni in mente'' – 3:41
 
=====;Lato B=====
# ''7 e 40'' – 3:32
 
===Mi ritorni in mente===
Si tratta di una delle canzoni più note e rappresentative del repertorio battistiano con Mogol. Buona parte della melodia deriva da una vecchia canzone scritta nel [[1965]] con [[Roberto Matano]], ''Non chiederò la carità'', a cui Mogol scrisse un nuovo testo<ref>{{Cita web|url=http://www.luciobattisti.info/?page_id=9078|titolo=Inediti|opera=www.luciobattisti.info|accesso=16-10-2010}}</ref>. Secondo [[Alessandro Colombini]] la canzone venne scritta da Battisti e Mogol ispirati dal racconto di una sua storia d'amore<ref>Racconto di Alessandro Colombini in ''Lucio, quante emozioni'', Rai Uno, 9 settembre 1998.</ref>, ma questa origine venne smentita in seguito da Mogol stesso<ref>{{Cita web|url=http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/musica/grubrica.asp?ID_blog=37&ID_articolo=1102&ID_sezione=62&sezione=|titolo=Pagina|autore=Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro|opera=Il mio amico Lucio Battisti|accesso=19-02-2009}}</ref>.
 
===7 e 40===
Il testo di ''7 e 40'' parla di un addio: i due protagonisti decidono di separarsi, ma appena lei lascia la casa per prendere il treno delle 7.40, lui si ritrova solo e si accorge di non poter vivere senza di lei. Così cambia idea, e decide di prendere l'aereo delle 8.50 per arrivare alla stazione prima del treno e riconciliarsi con lei.
 
==Note==