Differenze tra le versioni di "Giro delle Fiandre 2011"

Annullata la modifica 39675702 di Cortix93 (discussione)
(Annullata la modifica 39675702 di Cortix93 (discussione))
== Percorso ==
Lungo 258 km, ha previsto la partenza a [[Bruges]] e l'arrivo a [[Ninove]]. Lungo il percorso si trovavano 18 asperità, i cosiddetti "muri" tipici delle [[classiche]] del nord e quattordici tratti in [[pavè]]. Erano presenti le salite storiche del [[Koppenberg]], del [[Molenberg]], del [[Muro di Grammont]] e il [[Bosberg]].
 
 
=== Muri ===
| 1 || align="left" | [[Bosberg]] || 246 || pavé/asfalto || 980 || 5,8
|}
 
 
== Squadre e corridori partecipanti ==
|}
|}
 
 
== Riassunto ==
{{...}}
La fuga di cinque corridori, i britannici [[w:Jeremy Hunt|Jeremy Hunt]] ([[w:Sky Procycling|Sky]]) e [[w:Roger Hammond|Roger Hammond]] ([[w:Garmin-Cervélo|Garmin-Cervélo]]), il francese [[w:Sébastien Turgot|Sébastien Turgot]] (Europcar), l'australiano [[w:Mitchell Docker|Mitchell Docker]] (Skil-Shimano) e l'olandese [[w:Stefan van Dijk|Stefan van Dijk]] (Verandas Willems-Accent) dura per le prime tre ore di gara. Sull'Oude Kwaremont, a 86 chilometri dall'arrivo, un solo minuto separa i cinque fuggitivi dal gruppo.
 
[[File:Sylvain Chavanel, Omloop Het Nieuwsblad 2009.jpg|thumb|left|[[w:Sylvain Chavanel|Sylvain Chavanel]] in fuga per 60 chilometri, ha poi concluso in seconda posizione]]
Vengono ripresi Hunt e van Dijk, il gruppo principale riassorbe anche coloro che avevano contrattaccato e ritorna compatto all'inseguimento di Hammond, van Dijk e Turgot. Mentre viene percorso il Koppenberg, scattano l'australiano [[w:Simon Clarke|Simon Clarke]] ([[w:Pro team Astana|Astana]]) e poco dopo, a sua ruota, il francese Sylvain Chavanel (Quickstep). Clarke e Chavanel raggiungono e superano gli ultimi tre fuggitivi, tentando di andarsene da soli anche se vengono agganciati dall'olandese [[w:Lars Boom|Lars Boom]] e dal norvegese [[w:Edvald Boasson Hagen|Edvald Boasson Hagen]]. Il gruppo è di una cinquantina di unità ed ha ora un distacco di 20" sui quattro fuggitivi.
 
[[w:Greg Van Avermaet|Greg Van Avermaet]], [[w:Tom Leezer|Tom Leezer]], [[w:Mathew Hayman|Mathew Hayman]] e [[w:Frédéric Guesdon|Frédéric Guesdon]] si agganciano in seguito alla testa della corsa. Allora sul Molenberg attacca, questa volta da solo, Chavanel, e riesce a prendere un margine di un minuto sui primi inseguitori. Intanto uno dei favoriti, Philippe Gilbert, fora; rientra dunque mentre sferra il proprio attacco Thor Hushovd (Garmin-Cervélo), seguito poco dopo da Boonen, Cancellara e dall'italiano [[w:Filippo Pozzato|Filippo Pozzato]]. Sul Leberg, Cancellara sferra l'allungo: riesce a fare il vuoto, a riprendere e superare gli altri sette uomini che compenevano la testa della corsa e a inseguire da solo Chavanel. Il ricongiungimento con il francese è piuttosto semplice visto che quest'ultimo rallenta il ritmo notevolmente; dietro sono invece in sei (Boonen, Pozzato, [[w:Björn Leukemans|Björn Leukemans]], Boom, Van Avermaet e Boasson Hagen), e inseguono a 35 secondi di distacco.
 
Cancellara continua a mantenere elevato il ritmo senza avere cambi da Chavanel ed approcciano il Kapelmuur con 40" di margine sul gruppo inseguitore; questo vantaggio viene incredibilmente dilapidato: a scollinare sul Kapelmuur insieme a loro ci sono pure [[w:Alessandro Ballan|Alessandro Ballan]] ([[w:BMC Racing Team|BMC]]), Leukemans e Gilbert che ha lanciato l'inseguimento. Allora sul Bosberg, l'ultimo muro della corsa, Gilbert parte per l'ennesima volta, e scollina con 12" sull'italiano Ballan. Da solo non riesce a resistere a lungo, si rialza e viene ripreso al 248° km, rientrano quindi Cancellara, Ballan, Leukemans, Chavanel e il belga [[w:Staf Scheirlinckx|Staf Scheirlinckx]] (Verandas Willems-Accent); poco dopo diventano dodici, con il ricongiungimento di Juan Antonio Flecha, [[w:Geraint Thomas|Geraint Thomas]] (entrambi della Sky), [[w:Sebastian Langeveld|Sebastian Langeveld]] (Rabobank), [[w:Nick Nuyens|Nick Nuyens]] ([[w:Saxo Bank-Sungard|Saxo Bank-Sungard]]), [[w:George Hincapie|George Hincapie]] (BMC) e Tom Boonen.
 
Ballan, Langeveld e Gilbert, tentano la fuga solitaria ma non si sblocca la situazione, finchè a 3,5 km dall'arrivo riparte [[Fabian Cancellara]], con a ruota Nuyens e Chavanel, contrariamente agli altri che restano attardati. Sul rettilineo finale parte a 450 metri Cancellara, Nuyens lo supera, prova a rinvenire sulla destra Chavanel ma [[Nick Nuyens]] è il primo a tagliare il traguardo. Finisce quarto, staccato ufficialmente di due secondi, [[Tom Boonen]], che negli ultimi metri aveva tentato di rientrare sui primi.
 
 
== Classifica (Top 10) ==
78 657

contributi