Differenze tra le versioni di "Epulone (Eneide)"

nessun oggetto della modifica
Epulone viene menzionato nel poema come un guerriero rutulo partecipante al conflitto scoppiato tra italici e troiani. Muore decapitato da [[Acate (mitologia)|Acate]], lo scudiero di [[Enea]].
 
<poem> " ''[[...]] ferit ense gravem Tymbraeus Osirin ''
 
''Arcetium Mnestheus; Epulonem obtruncat Achates, ''
''Ufentemque Gyas; cadit ipse Tolumnius augur'' " </poem>
 
''Ufentemque Gyas; cadit ipse Tolumnius augur'' "
 
(Virgilio, Eneide, libro XII)
 
<poem> " ''Timbreo ferisce di spada il colossale Osiri,''
 
''Mnesteo ferisce Arcezio, Acate decapita Epulone,''
''e Gia Ufente; anche Tolumnio l'augure stramazza al suolo'' " </poem>
 
''e Gia Ufente; anche Tolumnio l'augure stramazza al suolo'' "
 
(traduzione di Francesco Della Corte)
Utente anonimo