Differenze tra le versioni di "Principato d'Acaia"

nessun oggetto della modifica
(Annullata la modifica 40759870 di Carlomorino (discussione))
|classi sociali =
}}
Il '''Principato di Acaia''' ([[Peloponneso]]), conosciuto nel medioevoMedioevo anche con il nome di [[Morea]], ebbe origine nel [[1210]], quando, sulla scia della [[Quarta crociata]], terminata con il saccheggio di [[Costantinopoli]] e la spartizione dell'[[Impero Bizantino]] da parte dei principi dell’Occidente cristiano, [[Goffredo I di Villehardouin]] (? – [[1218]] ) sbarcò nel Peloponneso e con [[Guglielmo di Champlitte]] conquistò gran parte del medesimo. Alla morte di quest'ultimo, Goffredo riuscì ad ottenere dai feudatari locali, da [[papa Innocenzo III]] e dall'Imperatore il riconoscimento della sua Signorìa sull'[[Acaia]], l'[[Elide]], la [[Messenia]] e su parte dell'[[Arcadia]], ed il titolo di Principe di Acaia. Alla morte di Goffredo I gli succedette il figlio [[Goffredo II di Villehardouin|Goffredo II]] ed alla morte di questi, il di lui fratello [[Guglielmo II di Villehardouin|Guglielmo]] (? – [[1278]]). Questi tentò di occupare anche l'[[Eubea]] ma il tentativo fallì e nel [[1255]] venne sconfitto da [[Michele VIII Paleologo]], che gli impose l'accettazione di una provincia bizantina in Morea. Alla sua morte subentrarono gli Angioini di Napoli, in quanto sua figlia [[Isabella di Villehardouin]] ([[1263]] – [[1313]]) era andata sposa a [[Filippo I d'Angiò]]. (Morto costui infatti, Isabella aveva sposato il conestabile di Napoli, Florent d'Avesnes che la lasciò presto nuovamente vedova e quindi si risposò ([[1301]]) con [[Filippo I di Savoia-Acaia| Filippo di Savoia]], figlio di [[Tommaso III di Savoia]], che aveva assunto il titolo di Principe di [[Savoia-Acaia]]). Il Principato tornò agli Angiò nel [[1307]] e precisamente a [[Carlo I d'Angiò]], che lo reclamava quale successore del primo marito di Isabella. La potestà del Principato cambiò più volte fino a tornare [[1432]] nelle mani del despota bizantino [[Costantino XI Paleologo]], futuro [[imperatore di Bisanzio]]. Poco dopo sparì, assorbito dall'Impero ottomano.
 
Alla morte di quest'ultimo, Goffredo riuscì ad ottenere dai feudatari locali, da [[papa Innocenzo III]] e dall'Imperatore il riconoscimento della sua Signorìa sull'[[Acaia]], l'[[Elide]], la [[Messenia]] e su parte dell'[[Arcadia]], ed il titolo di Principe di Acaia. Alla morte di Goffredo I gli succedette il figlio [[Goffredo II di Villehardouin|Goffredo II]] ed alla morte di questi, il di lui fratello [[Guglielmo II di Villehardouin|Guglielmo]] (? – [[1278]]). Questi tentò di occupare anche l'[[Eubea]] ma il tentativo fallì e nel [[1255]] venne sconfitto da [[Michele VIII Paleologo]], che gli impose l'accettazione di una provincia bizantina in Morea.
 
Alla sua morte subentrarono gli Angioini di Napoli, in quanto sua figlia [[Isabella di Villehardouin]] ([[1263]] – [[1313]]) era andata sposa a [[Filippo I d'Angiò]]. (Morto costui infatti, Isabella aveva sposato il conestabile di Napoli, Florent d'Avesnes che la lasciò presto nuovamente vedova e quindi si risposò ([[1301]]) con [[Filippo I di Savoia-Acaia| Filippo di Savoia]], figlio di [[Tommaso III di Savoia]], che aveva assunto il titolo di Principe di [[Savoia-Acaia]]). Il Principato tornò agli Angiò nel [[1307]] e precisamente a [[Carlo d'Acaia|Carlo]], che lo reclamava quale successore del primo marito di Isabella.
 
La potestà del Principato cambiò più volte fino a tornare [[1432]] nelle mani del despota bizantino [[Costantino XI Paleologo]], futuro [[imperatore di Bisanzio]]. Poco dopo sparì, assorbito dall'Impero ottomano.
 
== Lista dei Principi d'Acaia ==
Utente anonimo