Differenze tra le versioni di "Primidone"

18 163 byte rimossi ,  10 anni fa
m
- Alcool, Apatia, Depressione, EEG, Emivita, HDL, Impotenza, Placenta / Fixed using Wikipedia:Check Wikipedia - Collegamenti esterni senza descrizione (parzialmente automatico) - Nota doppia (AWB) (v1.08)
m (+ portale)
m (- Alcool, Apatia, Depressione, EEG, Emivita, HDL, Impotenza, Placenta / Fixed using Wikipedia:Check Wikipedia - Collegamenti esterni senza descrizione (parzialmente automatico) - Nota doppia (AWB) (v1.08))
| entalpia_standard_combustione =
| biodisponibilità = 90-100% <ref name="www.drugbank.ca">{{Cite web | last = | first = | title = DrugBank: Showing Primidone (DB00794) | url = http://www.drugbank.ca/drugs/DB00794 | publisher = | date = | accessdate = 12 July 2010 }}</ref>
| legame proteico = 70% <ref name="www.drugbank.ca">{{Cite web | last = | first = | title = DrugBank: Showing Primidone (DB00794) | url = http://www.drugbank.ca/drugs/DB00794 | publisher = | date = | accessdate = 12 July 2010 }}</ref>
| metabolismo = epatico
| emivita = Primidone: 5-18 ore, <small>Fenobarbital: 75-120 ore [1], PEMA: 16 ore [2]<br> Tempo per raggiungere lo steady state: Primidone: 2-3 giorni, Fenobarbital più PEMA 1-4 settimane [3]</small><br>
Dal 1980 è considerato una valida alternativa al [[propranololo]] nel trattamento del tremore essenziale <ref name="Zesiewicz-2005">{{Cita pubblicazione | cognome = Zesiewicz | nome = TA. | coauthors = R. Elble; ED. Louis; RA. Hauser; KL. Sullivan; RB. Dewey; WG. Ondo; GS. Gronseth; WJ. Weiner | titolo = Practice parameter: therapies for essential tremor: report of the Quality Standards Subcommittee of the American Academy of Neurology. | rivista = Neurology | volume = 64 | numero = 12 | pagine = 2008-20 | mese = Jun | anno = 2005 | doi = 10.1212/01.WNL.0000163769.28552.CD | id = PMID 15972843 }}</ref>.
 
Il primidone può determinare [[iperomocisteinemia]] dovuta alla carenza di [[acido folico|folati]] e vari problemi conseguenti come: [[difetti congeniti alla nascita]], [[disturbo depressivo|depressione]] e [[anemia megaloblastica]]. Inoltre, il primidone provoca un ridotto l'assorbimento del calcio, con le conseguenti patologie ossee conseguenti.
 
È però molto meno tossico del fenobarbital in caso di [[Overdose (medicina)|overdose]]; ed insieme a: [[carbamazepina]], [[fenobarbital]] e [[fenitoina]] è un potente [[induttore]] degli enzimi metabolici nel fegato.
Alcuni dei nomi commerciali, nei vari paesi, sono: ''Mysoline, Cyral, Liskantin, Mylepsinum, Resimatil, Prysoline, Sertan''; in Italia è in commercio con il nome ''Mysoline''. Negli USA è disponibile come farmaco generico sin dal 1978 <ref name="www.epilepsy.com">{{Cite web | last = | first = | title = Introduction to Mysoline | epilepsy.com | url = http://www.epilepsy.com/medications/b_mysoline_intro.html | publisher = | date = | accessdate = 12 July 2010 }}</ref>.
 
In Canada è commercializzato anche sotto forma di compresse masticabili <ref name="www.epilepsy.com">{{Cite web | last = | first = | title = Introduction to Mysoline | epilepsy.com | url = http://www.epilepsy.com/medications/b_mysoline_intro.html | publisher = | date = | accessdate = 12 July 2010 }}</ref>.
 
== Cenni storici ==
 
L’efficacia entiepilettica è stata dimostrata per la prima volta dal Dr. Yule Bogue nel 1949 <ref name="-1956">{{Cita pubblicazione | cognome = | nome = | coauthors = | titolo = DISCUSSION on recent advances in treatment. | rivista = Proc R Soc Med | volume = 49 | numero = 8 | pagine = 583-94 | mese = Aug | anno = 1956 | doi = | id = PMID 13359420 }}</ref>.
L’anno dopo la [[AstraZeneca|ICI]] oggi [[AstraZeneca]] lo introdusse in commercio in Gran Bretagna <ref name="MORLEY-1957">{{Cita pubblicazione | cognome = MORLEY | nome = D. | coauthors = NA. WYNNE | titolo = Acute primidone poisoning in a child. | rivista = Br Med J | volume = 1 | numero = 5010 | pagine = 90 | mese = Jan | anno = 1957 | doi = | id = PMID 13383203 }}</ref> <ref name="DOTEVALL-1957">{{Cita pubblicazione | cognome = DOTEVALL | nome = G. | coauthors = B. HERNER | titolo = Treatment of acute primidone poisoning with bemegride and amiphenazole. | rivista = Br Med J | volume = 2 | numero = 5042 | pagine = 451-2 | mese = Aug | anno = 1957 | doi = | id = PMID 13446511 }}</ref> e in Germania <ref name="FAZEKAS-1960">{{Cita pubblicazione | cognome = FAZEKAS | nome = IG. | coauthors = B. RENGEI | titolo = [Fatal poisoning (suicide) with mysoline and phenobarbital.] | rivista = Arch Toxikol | volume = 18 | numero = | pagine = 213-33 | mese = | anno = 1960 | doi = | id = PMID 13698457 }}</ref>, nel 1952 nei paesi Bassi <ref name="van Heijst-1983">{{Cita pubblicazione | cognome = van Heijst | nome = AN. | coauthors = W. de Jong; R. Seldenrijk; A. van Dijk | titolo = Coma and crystalluria: a massive primidone intoxication treated with haemoperfusion. | rivista = J Toxicol Clin Toxicol | volume = 20 | numero = 4 | pagine = 307-18 | mese = Jun | anno = 1983 | doi = | id = PMID 6655772 }}</ref>. Nello stesso anno venne dimostrato che il primidone era efficace nelle forme di epilessia non risponsive alle terapie allora note, ed era anche attivo epilessia generalizzata idiopatica <ref name="-1956">{{Cita pubblicazione | cognome = | nome = | coauthors = | titolo = DISCUSSION on recent advances in treatment. | rivista = Proc R Soc Med | volume = 49 | numero = 8 | pagine = 583-94 | mese = Aug | anno = 1956 | doi = | id = PMID 13359420 }}</ref>. Nel 1953 fu introdotto in Francia <ref name="Loiseau-1999">{{Cita pubblicazione | cognome = Loiseau | nome = PJ. | coauthors = | titolo = Clinical experience with new antiepileptic drugs: antiepileptic drugs in Europe. | rivista = Epilepsia | volume = 40 Suppl 6 | numero = | pagine = S3-8; discussion S73-4 | mese = | anno = 1999 | doi = | id = PMID 10530675 }}</ref> e nel 1954 negli USA con il nome di ''Mysoline'' di [[Wyeth]] <ref>{{cite web | url = http://www.wyeth.com/aboutwyeth/history | title = Mysoline-history | accessdate = 2010-07-03}}</ref>.
 
A partire del 1954 si iniziarono a segnalare casi di [[Anemia megaloblastica|anemia megaroblastica]] conseguenti alla somministrazione di primidone <ref name="NEWMAN-1957">{{Cita pubblicazione | cognome = NEWMAN | nome = MJ. | coauthors = DW. SUMNER | titolo = Megaloblastic anemia following the use of primidone. | rivista = Blood | volume = 12 | numero = 2 | pagine = 183-8 | mese = Feb | anno = 1957 | doi = | id = PMID 13403983 }}</ref> <ref name="FULD-1956">{{Cita pubblicazione | cognome = FULD | nome = H. | coauthors = EH. MOORHOUSE | titolo = Observations on megaloblastic anaemias after primidone. | rivista = Br Med J | volume = 1 | numero = 4974 | pagine = 1021-3 | mese = May | anno = 1956 | doi = | id = PMID 13304415 }}</ref>; questi erano dovuti alla carenza di [[acido folico]] dovuti alla somiglianza strutturale di questo farmaco, insieme ad altri antiepilettici come la [[fenitoina]] e il [[fenobarbital]], con la molecola di [[acido folico]]. La relazione tra [[anemia|anemia megaroblastica]] e carenza di acido folico era stata compresa sin dagli anni ’40, mentre la relazione con i [[DTN]] nelle donne in età fertile sottoposte e terapia con antiepilettici fu compresa, solo, a partire del 1968; quando si evidenziò che la somministrazione di questi farmaci in donne epilettiche che avevano gravidanze era causa di malformazioni neonatali.
== Farmacocinetica ==
=== Assorbimento ===
Il primidone è rapidamente e completamente assorbito nel tratto gastrointestinale con un [[picco ematico]] raggiunto in circa 3 ore, nostra un'[[emivita (farmacologia)|emivita]] di circa 10-15 ore, minore rispetto quella dei due metaboliti <ref name="isbn1-58212-126-5">{{cite book | author = Gregory L., PhD. Jantz | authorlink = | editor = | others = | title = Handbook of Basic Pharmacokinetics: Including Clinical Applications | edition = | language = | publisher = American Pharmacists Association (APhA) | location = | year = 2009 | origyear = | pages = | quote = | isbn = 1-58212-126-5 | oclc = | doi = | url = | accessdate = }}</ref>.
 
Lo [[Stato stazionario (farmacologia)|steady state]] (stato stazionario) è raggiunto in 1-2 giorni <ref name="isbn1-58212-126-5">{{cite book | author = Gregory L., PhD. Jantz | authorlink = | editor = | others = | title = Handbook of Basic Pharmacokinetics: Including Clinical Applications | edition = | language = | publisher = American Pharmacists Association (APhA) | location = | year = 2009 | origyear = | pages = | quote = | isbn = 1-58212-126-5 | oclc = | doi = | url = | accessdate = }}</ref>.
 
L’emivita nei soggetti anziani con più di 75 anni aumenta, probabilmente, a causa di deficit metabolici. L’emivita nei neonati è più lunga di quella dei bambini/adulti probabilmente per un più ampio [[Volume di distribuzione|volume apparente di distribuzione]] e per un minore capacità metabolica di questi soggetti <ref name="Warner-1998">{{Cita pubblicazione | cognome = Warner | nome = A. | coauthors = M. Privitera; D. Bates | titolo = Standards of laboratory practice: antiepileptic drug monitoring. National Academy of Clinical Biochemistry. | rivista = Clin Chem | volume = 44 | numero = 5 | pagine = 1085-95 | mese = May | anno = 1998 | doi = | id = PMID 9590393 }}</ref>.
Il Volume di distribuzione è pari a: Vd L/kgb 0.8 <ref name="isbn0-914768-50-6">{{cite book | author = Ritschel, W. A. | authorlink = | editor = | others = | title = Handbook of basic pharmacokinetics-- including clinical applications | edition = | language = | publisher = Drug Intelligence Publications | location = Hamilton, Ill | year = 1992 | origyear = | pages = | quote = | isbn = 0-914768-50-6 | oclc = | doi = | url = | accessdate = }}</ref>.
 
La concentrazioni nel plasma di primidone sono comprese tra 5 e 12 mcgr/mL; esso viene rapidamente distribuito nei tessuti, mostra un parziale legame sieroproteico che è pari al 19% <ref name="isbn0-914768-50-6">{{cite book | author = Ritschel, W. A. | authorlink = | editor = | others = | title = Handbook of basic pharmacokinetics-- including clinical applications | edition = | language = | publisher = Drug Intelligence Publications | location = Hamilton, Ill | year = 1992 | origyear = | pages = | quote = | isbn = 0-914768-50-6 | oclc = | doi = | url = | accessdate = }}</ref>.
 
Il range terapeutico oscilla tra: 23–55 mg/mL <ref name="Warner-1998"/>.
Il range terapeutico oscilla tra: 23–55 mg/mL <ref name="Warner-1998">{{Cita pubblicazione | cognome = Warner | nome = A. | coauthors = M. Privitera; D. Bates | titolo = Standards of laboratory practice: antiepileptic drug monitoring. National Academy of Clinical Biochemistry. | rivista = Clin Chem | volume = 44 | numero = 5 | pagine = 1085-95 | mese = May | anno = 1998 | doi = | id = PMID 9590393 }}</ref>.
 
Attraversa la [[barriera emato-encefalica]] e la barriera [[placenta umana|placentare]], inoltre, si distribuisce nel latte materno.
 
=== Metabolismo ===
Nell’[[epilessia|epilessia mioclonica giovanile]] (JME), è considerato come una terapia di seconda scelta, usato quando il valproato e/o la lamotrigina non agiscono <ref>Broadley, Marissa A. (2000). "Juvenile Myoclonic Epilepsy of Janz (JME)". The Childhood Seizure e-Book. Valhalla, New York. http://www.pediatricneurology.com/new_page_1.htm. Retrieved 2005-07-03.</ref>
 
Diversi [[studi in aperto]] hanno suggerito che primidone è efficace nel trattamento dell'epilessia <ref name="-1956">{{Cita pubblicazione | cognome = | nome = | coauthors = | titolo = DISCUSSION on recent advances in treatment. | rivista = Proc R Soc Med | volume = 49 | numero = 8 | pagine = 583-94 | mese = Aug | anno = 1956 | doi = | id = PMID 13359420 }}</ref> <ref name="LIVINGSTON-1956">{{Cita pubblicazione | cognome = LIVINGSTON | nome = S. | coauthors = D. PETERSEN | titolo = Primidone (mysoline) in the treatment of epilepsy; results of treatment of 486 patients and review of the literature. | rivista = N Engl J Med | volume = 254 | numero = 7 | pagine = 327-9 | mese = Feb | anno = 1956 | doi = | id = PMID 13288784 }}</ref> <ref name="SMITH-1953">{{Cita pubblicazione | cognome = SMITH | nome = BH. | coauthors = FL. MCNAUGHTON | titolo = Mysoline, a new anticonvulsant drug; its value in refractory cases of epilepsy. | rivista = Can Med Assoc J | volume = 68 | numero = 5 | pagine = 464-7 | mese = May | anno = 1953 | doi = | id = PMID 13042720 }}</ref> <ref name="Powell-1984">{{Cita pubblicazione | cognome = Powell | nome = C. | coauthors = MJ. Painter; CE. Pippenger | titolo = Primidone therapy in refractory neonatal seizures. | rivista = J Pediatr | volume = 105 | numero = 4 | pagine = 651-4 | mese = Oct | anno = 1984 | doi = | id = PMID 6481545 }}</ref> <ref name="Kagitani-Shimono-2002">{{Cita pubblicazione | cognome = Kagitani-Shimono | nome = K. | coauthors = K. Imai; N. Okamoto; J. Ono; S. Okada | titolo = Unverricht-Lundborg disease with cystatin B gene abnormalities. | rivista = Pediatr Neurol | volume = 26 | numero = 1 | pagine = 55-60 | mese = Jan | anno = 2002 | doi = | id = PMID 11814737 }}</ref>.
 
==== Studi di confronto con altri antiepilettici ====
Il primidone è stato confrontato sia con la [[carbamazepina]] <ref>{{Cita pubblicazione | cognome name= "Rodin | nome = EA. | coauthors = CS. Rim; H. Kitano; R. Lewis; PM. Rennick | titolo = A comparison of the effectiveness of primidone versus carbamazepine in epileptic outpatients. | rivista = J Nerv Ment Dis | volume = 163 | numero = 1 | pagine = 41-6 | mese = Jul | anno = 1976 | doi = | id = PMID 819630 }}<"/ref> <ref>{{Cita pubblicazione | cognome name= "Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}<"/ref> <ref>{{Cita pubblicazione | cognome name= "Hermanns | nome = G. | coauthors = S. Noachtar; I. Tuxhorn; H. Holthausen; A. Ebner; P. Wolf | titolo = Systematic testing of medical intractability for carbamazepine, phenytoin, and phenobarbital or primidone in monotherapy for patients considered for epilepsy surgery. | rivista = Epilepsia | volume = 37 | numero = 7 | pagine = 675-9 | mese = Jul | anno = 1996 | doi = | id = PMID 8681900 }}<"/ref> <ref>{{Cita pubblicazione | cognome name= "Smith | nome = DB. | coauthors = RH. Mattson; JA. Cramer; JF. Collins; RA. Novelly; B. Craft | titolo = Results of a nationwide Veterans Administration Cooperative Study comparing the efficacy and toxicity of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone. | rivista = Epilepsia | volume = 28 Suppl 3 | numero = | pagine = S50-8 | mese = | anno = 1987 | doi = | id = PMID 3319543 }}<"/ref>, sia con la [[fenitoina]], <ref name="Mattson-1985">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}</ref> <ref name="Hermanns-1996">{{Cita pubblicazione | cognome = Hermanns | nome = G. | coauthors = S. Noachtar; I. Tuxhorn; H. Holthausen; A. Ebner; P. Wolf | titolo = Systematic testing of medical intractability for carbamazepine, phenytoin, and phenobarbital or primidone in monotherapy for patients considered for epilepsy surgery. | rivista = Epilepsia | volume = 37 | numero = 7 | pagine = 675-9 | mese = Jul | anno = 1996 | doi = | id = PMID 8681900 }}</ref> <ref name="GRUBER-">{{Cita pubblicazione | cognome = GRUBER | nome = CM. | coauthors = JT. BROCK; M. DYKEN | titolo = Comparison of the effectiveness of phenobarital, mephobarbital, primidone, diphenylhydantoin, ethotoin, metharbital, and methylphenylethylhydantoin in motor seizures. | rivista = Clin Pharmacol Ther | volume = 3 | numero = | pagine = 23-8 | mese = | anno = | doi = | id = PMID 13902356 }}</ref>
<ref name="White-1966">{{Cita pubblicazione | cognome = White | nome = PT. | coauthors = D. Plott; J. Norton | titolo = Relative anticonvulsant potency of primidone; a double blind comparison. | rivista = Arch Neurol | volume = 14 | numero = 1 | pagine = 31-5 | mese = Jan | anno = 1966 | doi = | id = PMID 5320823 }}</ref>, che con il [[fenobarbital]] <ref name="Mattson-1985">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}</ref> <ref name="Hermanns-1996">{{Cita pubblicazione | cognome = Hermanns | nome = G. | coauthors = S. Noachtar; I. Tuxhorn; H. Holthausen; A. Ebner; P. Wolf | titolo = Systematic testing of medical intractability for carbamazepine, phenytoin, and phenobarbital or primidone in monotherapy for patients considered for epilepsy surgery. | rivista = Epilepsia | volume = 37 | numero = 7 | pagine = 675-9 | mese = Jul | anno = 1996 | doi = | id = PMID 8681900 }}</ref> <ref name="GRUBER-">{{Cita pubblicazione | cognome = GRUBER | nome = CM. | coauthors = JT. BROCK; M. DYKEN | titolo = Comparison of the effectiveness of phenobarital, mephobarbital, primidone, diphenylhydantoin, ethotoin, metharbital, and methylphenylethylhydantoin in motor seizures. | rivista = Clin Pharmacol Ther | volume = 3 | numero = | pagine = 23-8 | mese = | anno = | doi = | id = PMID 13902356 }}</ref>.
 
===== primidone vs carbamazepina =====
Rispetto alla carbamazepina, il primidone ha dimostrato di essere altrettanto efficace <ref name="Rodin-1976">{{Cita pubblicazione | cognome = Rodin | nome = EA. | coauthors = CS. Rim; H. Kitano; R. Lewis; PM. Rennick | titolo = A comparison of the effectiveness of primidone versus carbamazepine in epileptic outpatients. | rivista = J Nerv Ment Dis | volume = 163 | numero = 1 | pagine = 41-6 | mese = Jul | anno = 1976 | doi = | id = PMID 819630 }}</ref> nel controllare le crisi generalizzate tonico-cloniche, ma meno efficace nel controllare attacchi epilettici parziali <ref name="Mattson-1985">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}</ref> <ref name="Smith-1987">{{Cita pubblicazione | cognome = Smith | nome = DB. | coauthors = RH. Mattson; JA. Cramer; JF. Collins; RA. Novelly; B. Craft | titolo = Results of a nationwide Veterans Administration Cooperative Study comparing the efficacy and toxicity of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone. | rivista = Epilepsia | volume = 28 Suppl 3 | numero = | pagine = S50-8 | mese = | anno = 1987 | doi = | id = PMID 3319543 }}</ref>. Ha inoltre, meno probabilità di causare effetti indesiderati; ma causa più facilmente effetti collaterali gravi che richiedono la sospensione del farmaco. Inoltre, dimezza la probabilità di ridurre convulsioni in pazienti che sono candidati alla chirurgia <ref name="Hermanns-1996">{{Cita pubblicazione | cognome = Hermanns | nome = G. | coauthors = S. Noachtar; I. Tuxhorn; H. Holthausen; A. Ebner; P. Wolf | titolo = Systematic testing of medical intractability for carbamazepine, phenytoin, and phenobarbital or primidone in monotherapy for patients considered for epilepsy surgery. | rivista = Epilepsia | volume = 37 | numero = 7 | pagine = 675-9 | mese = Jul | anno = 1996 | doi = | id = PMID 8681900 }}</ref>. Ha più probabilità di causare la depressione <ref name="Rodin-1976">{{Cita pubblicazione | cognome = Rodin | nome = EA. | coauthors = CS. Rim; H. Kitano; R. Lewis; PM. Rennick | titolo = A comparison of the effectiveness of primidone versus carbamazepine in epileptic outpatients. | rivista = J Nerv Ment Dis | volume = 163 | numero = 1 | pagine = 41-6 | mese = Jul | anno = 1976 | doi = | id = PMID 819630 }}</ref>, ed è significativamente più probabile che causi effetti collaterali intollerabili <ref name="Smith-1987">{{Cita pubblicazione | cognome = Smith | nome = DB. | coauthors = RH. Mattson; JA. Cramer; JF. Collins; RA. Novelly; B. Craft | titolo = Results of a nationwide Veterans Administration Cooperative Study comparing the efficacy and toxicity of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone. | rivista = Epilepsia | volume = 28 Suppl 3 | numero = | pagine = S50-8 | mese = | anno = 1987 | doi = | id = PMID 3319543 }}</ref>, è causa di maggiore probabilità di causare [[Disfunzione erettile|impotenza]] e diminuzione della [[libido]], <ref name="Mattson-1985">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}</ref>. Determina, inoltre, più effetti negativi sulle prestazioni motorie e sull’attenzione / concentrazione <ref name="Rodin-1976">{{Cita pubblicazione | cognome = Rodin | nome = EA. | coauthors = CS. Rim; H. Kitano; R. Lewis; PM. Rennick | titolo = A comparison of the effectiveness of primidone versus carbamazepine in epileptic outpatients. | rivista = J Nerv Ment Dis | volume = 163 | numero = 1 | pagine = 41-6 | mese = Jul | anno = 1976 | doi = | id = PMID 819630 }}</ref> <ref name="Smith-1987">{{Cita pubblicazione | cognome = Smith | nome = DB. | coauthors = RH. Mattson; JA. Cramer; JF. Collins; RA. Novelly; B. Craft | titolo = Results of a nationwide Veterans Administration Cooperative Study comparing the efficacy and toxicity of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone. | rivista = Epilepsia | volume = 28 Suppl 3 | numero = | pagine = S50-8 | mese = | anno = 1987 | doi = | id = PMID 3319543 }}</ref>.
 
===== primidone vs fenitoina =====
Negli studi di confronto sull’adulto con la fenitoina, il primidone dà maggiore incidenza di effetti collaterali intollerabili <ref name="Smith-1987">{{Cita pubblicazione | cognome = Smith | nome = DB. | coauthors = RH. Mattson; JA. Cramer; JF. Collins; RA. Novelly; B. Craft | titolo = Results of a nationwide Veterans Administration Cooperative Study comparing the efficacy and toxicity of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone. | rivista = Epilepsia | volume = 28 Suppl 3 | numero = | pagine = S50-8 | mese = | anno = 1987 | doi = | id = PMID 3319543 }}</ref>, determina una maggiore incidenza di riduzione della libido e impotenza. Determina un analogo controllo, rispetto alla fenitoina, delle crisi tonico-cloniche e dà maggiori probabilità di causare nausea, vomito, vertigini e sedazione <ref name="Mattson-1985">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}</ref>. Ha, inoltre, il doppio di probabilità di essere efficace nel controllare attacchi epilettici nei candidati chirurgia dell'epilessia <ref name="Hermanns-1996">{{Cita pubblicazione | cognome = Hermanns | nome = G. | coauthors = S. Noachtar; I. Tuxhorn; H. Holthausen; A. Ebner; P. Wolf | titolo = Systematic testing of medical intractability for carbamazepine, phenytoin, and phenobarbital or primidone in monotherapy for patients considered for epilepsy surgery. | rivista = Epilepsia | volume = 37 | numero = 7 | pagine = 675-9 | mese = Jul | anno = 1996 | doi = | id = PMID 8681900 }}</ref> Causa, rispetto alla fenitoina, più acutamente sintomi come la: nausea, vomito, vertigini e sedazione <ref name="Mattson-1985">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}</ref> ma è altrettanto efficace <ref name="GRUBER-">{{Cita pubblicazione | cognome = GRUBER | nome = CM. | coauthors = JT. BROCK; M. DYKEN | titolo = Comparison of the effectiveness of phenobarital, mephobarbital, primidone, diphenylhydantoin, ethotoin, metharbital, and methylphenylethylhydantoin in motor seizures. | rivista = Clin Pharmacol Ther | volume = 3 | numero = | pagine = 23-8 | mese = | anno = | doi = | id = PMID 13902356 }}</ref>
<ref name="White-1966"/>.
<ref name="White-1966">{{Cita pubblicazione | cognome = White | nome = PT. | coauthors = D. Plott; J. Norton | titolo = Relative anticonvulsant potency of primidone; a double blind comparison. | rivista = Arch Neurol | volume = 14 | numero = 1 | pagine = 31-5 | mese = Jan | anno = 1966 | doi = | id = PMID 5320823 }}</ref>.
 
==== Epilessia neonatale ====
Il Primidone è stato studiato negli anni ’90 nella terapia delle [[epilessie|epilessie neonatali]] <ref name="Mattson-1995">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = | titolo = Efficacy and adverse effects of established and new antiepileptic drugs. | rivista = Epilepsia | volume = 36 Suppl 2 | numero = | pagine = S13-26 | mese = | anno = 1995 | doi = | id = PMID 8784211 }}</ref> <ref name="Mattson-1990">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = | titolo = Selection of drugs for the treatment of epilepsy. | rivista = Semin Neurol | volume = 10 | numero = 4 | pagine = 406-13 | mese = Dec | anno = 1990 | doi = 10.1055/s-2008-1063985 | id = PMID 2287835 }}</ref>, Battino D. et al. dell’''Ist. Neurologico C. Besta di Milano'', <ref name="Battino-1995">{{Cita pubblicazione | cognome = Battino | nome = D. | coauthors = M. Estienne; G. Avanzini | titolo = Clinical pharmacokinetics of antiepileptic drugs in paediatric patients. Part I: Phenobarbital, primidone, valproic acid, ethosuximide and mesuximide. | rivista = Clin Pharmacokinet | volume = 29 | numero = 4 | pagine = 257-86 | mese = Oct | anno = 1995 | doi = | id = PMID 8549027 }}</ref>, conducono una [[review]] di 119 studi pubblicati precedentemente in soggetti neonati, e del primidone sottolineano l’assenza di formazione dei 2 metaboliti: fenobarbital e PEMA, per il noto deficit metabolico dei soggetti nei primi giorni di vita.
 
=== Off-label===
Mentre nella variante ortostatica del tremore essenziale: [[ tremore essenziale|tremore ortostatico]], il primidone come altre opzioni farmacologiche non garantisce risultati soddisfacenti <ref name="Bhattacharyya-2003">{{Cita pubblicazione | cognome = Bhattacharyya | nome = KB. | coauthors = S. Basu; AD. Roy; S. Bhattacharya | titolo = Orthostatic tremor: report of a case and review of the literature. | rivista = Neurol India | volume = 51 | numero = 1 | pagine = 91-3 | mese = Mar | anno = 2003 | doi = | id = PMID 12865532 }}</ref>.
 
IL primidone non è il solo anticonvulsivante usato per il tremore essenziale, gli altri farmaci sono: il [[clonazepam]], il [[topiramato]], e il [[gabapentin]]. Altri agenti farmacologici minori comprendono l’[[alprazolam]], l’[[atenololo]], il [[sotalolo]], il [[nadololo]], la [[clozapina]], la [[nimodipina]] e la [[tossina botulinica]] di tipo A. Tuttavia va sottolineato che solo il [[propranololo]] è stato confrontato al primidone in uno studio clinico <ref name="Zesiewicz-2005">{{Cita pubblicazione | cognome = Zesiewicz | nome = TA. | coauthors = R. Elble; ED. Louis; RA. Hauser; KL. Sullivan; RB. Dewey; WG. Ondo; GS. Gronseth; WJ. Weiner | titolo = Practice parameter: therapies for essential tremor: report of the Quality Standards Subcommittee of the American Academy of Neurology. | rivista = Neurology | volume = 64 | numero = 12 | pagine = 2008-20 | mese = Jun | anno = 2005 | doi = 10.1212/01.WNL.0000163769.28552.CD | id = PMID 15972843 }}</ref>.
 
==== Apnea neonatale ====
Nel 1965, Monroe e Wise urarono primidone con un [[neurolettico|antipsicotico]] derivato [[fenotiazine|fenotiazinico]] e con il [[clordiazepossido]] in casi di [[psicosi]] resistente ai comuni trattamenti <ref name="Monroe-1965">{{Cita pubblicazione | cognome = Monroe | nome = RR. | coauthors = SP. Wise | titolo = Combined phenothiazine, chlordiazepoxide and primidone therapy for uncontrolled psychotic patients. | rivista = Am J Psychiatry | volume = 122 | numero = 6 | pagine = 694-8 | mese = Dec | anno = 1965 | doi = | id = PMID 5320821 }}</ref>.
 
Sempre Monroe dieci anni dopo pubblica i risultati di una [[meta-analisi]] di due studi clinici controllati su persone con manifestazioni psicotiche di aggressività non controllate con i comuni [[antipsicotici]], in assenza di alterazioni [[Elettroencefalografia|EEG]], documentando un miglioramento della sintomatologia psicotica <ref name="Monroe-1975">{{Cita pubblicazione | cognome = Monroe | nome = RR. | coauthors = | titolo = Anticonvulsants in the treatment of aggression. | rivista = J Nerv Ment Dis | volume = 160 | numero = 2-1 | pagine = 119-26 | mese = Feb | anno = 1975 | doi = | id = PMID 1117287 }}</ref>.
 
Nel marzo 1993, SG Hayes della University of Southern California School of Medicine ha riferito che 9 delle 27 persone (33%) o con [[depressione]] resistente al trattamento o con resistenza al trattamento nel [[disturbo bipolare]] hanno avuto una risposta positiva e duratura al primidone. Va notato che una pluralità di soggetti è stato dato anche metilfenobarbital in aggiunta o al posto di primidone <ref name="Hayes-1993">{{Cita pubblicazione | cognome = Hayes | nome = SG. | coauthors = | titolo = Barbiturate anticonvulsants in refractory affective disorders. | rivista = Ann Clin Psychiatry | volume = 5 | numero = 1 | pagine = 35-44 | mese = Mar | anno = 1993 | doi = | id = PMID 8348197 }}</ref>.
Cinque mesi dopo, Brown, Stone e Rathbone hanno pubblicato un rapporto dal titolo: "Primidone and rapid cycling affective disorders" <ref name="Brown-1993">{{Cita pubblicazione | cognome = Brown | nome = GM. | coauthors = GH. Stone; MP. Rathbone | titolo = Primidone and rapid cycling affective disorders. | rivista = Lancet | volume = 342 | numero = 8876 | pagine = 925 | mese = Oct | anno = 1993 | doi = | id = PMID 8105181 }}</ref>. Essi descrivono il caso di un donna di 62 anni che aveva un [[disturbo bipolare]] a [[disturbo bipolare|cicli rapidi]] iniziato nel 1978. La terapia con [[litio]] è stata iniziata due anni dopo l'esordio, questa è stata capace questa di eliminare le oscillazioni maniacali ma lasciava inalterato lo [[depressione|stato depressivo]].
 
Tra il 1980 e il 1989, la paziente aveva dai sei ai dieci episodi l'anno, ciascuno della durata 11-24 giorni, che la lasciava in stato depressivo resistente a tutti gli antidepressivi. All'età di cinquantotto anni, era iniziava con 125 mg/die il primidone per un'ala tremore mano. La sua depressione, che resistente a tutti gli antidepressivi provati, gradualmente migliorava con il primidone. L'atteso episodio depressivo durava tre giorni invece dei soliti 13-17. Otto settimane dopo linizio della terapia con pririmidone, ha avuto un episodio della durata di ventotto giorni. I suoi ultimi due episodi a diciannove settimane di distanza, della durata di 25 e ventisette giorni, rispettivamente. È stato durante l'episodio finale, nel mezzo del 1990, che la sua dose di primidone si è stabilizzata a 500 mg/die. Era stata libera dalla depressione così per due anni e mezzo prima che la relazione causa ed effetto con il farmaco venisse pubblicata <ref name="Brown-1993">{{Cita pubblicazione | cognome = Brown | nome = GM. | coauthors = GH. Stone; MP. Rathbone | titolo = Primidone and rapid cycling affective disorders. | rivista = Lancet | volume = 342 | numero = 8876 | pagine = 925 | mese = Oct | anno = 1993 | doi = | id = PMID 8105181 }}</ref>.
 
Nel 1999, Linda C. Schaffer, Charles B. Schaffer, e J. Caretto hanno condotto uno studio di follow-up su casi analoghi, mostrando un impatto positivo solo sull’insonnia, sui sintomi maniacali e soprattutto sull'[[ansia]], e solo sui sintomi maniacali <ref name="Schaffer-1999">{{Cita pubblicazione | cognome = Schaffer | nome = LC. | coauthors = CB. Schaffer; J. Caretto | titolo = The use of primidone in the treatment of refractory bipolar disorder. | rivista = Ann Clin Psychiatry | volume = 11 | numero = 2 | pagine = 61-6 | mese = Jun | anno = 1999 | doi = | id = PMID 10440522 }}</ref>.
{{Vedi anche|barbiturici}}
 
I pazienti possono presentare <ref name="www.torrinomedica.it">{{Cite web | last = | first = | title = MYSOLINE | url = http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/MYSOLINE.asp | publisher = | date = | accessdate = 12 July 2010 }}</ref>: sonnolenza, irritabilità, disattenzione. Si segnalano sintomi di tipo neurotossico: [[Vertigine (medicina)|vertigini]], [[cefalea]], [[nistagmo]], disturbi visivi, [[nausea]] e [[vomito]], solitamente transitori anche quando intensi.
La sonnolenza, l’[[apatia (psicologia)|apatia]], l’[[atassia]], i disturbi visivi, il nistagmo, la cefalea e le vertigini sono gli effetti indesideratii più comuni, e si verificano in oltre l'1% degli utenti <ref name="www.torrinomedica.it">{{Cite web | last = | first = | title = MYSOLINE | url = http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/MYSOLINE.asp | publisher = | date = | accessdate = 12 July 2010 }}</ref>.
La [[nausea]] e [[vomito]] sono transitori e comuni effetti indesiderati <ref name="Mattson-1985"/>.
La [[nausea]] e [[vomito]] sono transitori e comuni effetti indesiderati <ref name="Mattson-1985">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}</ref>.
 
Raramente si segnalano: [[artralgia]] e modificazioni della personalità, comprese le reazioni [[psicosi|psicotiche]]; ed inoltre, [[edema]] agli arti inferiori, sete, [[poliuria]] e riduzione della libido e potenza sessuale.
La contrattura di Dupuytren, è stata anche associata all’[[alcolismo]]], il [[tabagismo|fumo accanito]], al [[diabete mellito]], ai traumi fisici, la [[tubercolosi]] e l’[[HIV]]. Le persone con [[artrite reumatoide]] hanno meno probabilità di soffrirne e anche i soggetti [[gotta|gottosi]] grazie al’uso dell'[[allopurinolo]].
 
Gli [[anticonvulsivanti]] non sembrano aumentare l'incidenza di contrattura di Dupuytren nei soggetti non-bianchi <ref name="Hart-2005">{{Cita pubblicazione | cognome = Hart | nome = MG. | coauthors = G. Hooper | titolo = Clinical associations of Dupuytren's disease. | rivista = Postgrad Med J | volume = 81 | numero = 957 | pagine = 425-8 | mese = Jul | anno = 2005 | doi = 10.1136/pgmj.2004.027425 | id = PMID 15998816 }}</ref>.
 
=== Accorciamento dell'intervallo QT ===
Il Primidone ha anche altri effetti cardiovascolari oltre l’accorciamento dell'[[intervallo QT]]; infatti sia esso che il fenobarbital sono associati a elevati livelli sierici di [[omocisteina]] (dopo carico orale di [[metionina]]), un aminoacido derivato da metionina. Questi sono quasi certamente legati ai bassi livelli di [[acido folico|folati]] riscontrati nei pazienti utilizzatori di primidone. Elevati livelli di [[omocisteina]] sono stati associati alla malattia coronarica. Nel 1985, entrambi i farmaci sono stati segnalati di aumentare anche i livelli sierici di lipoproteine ad alta densità ([[Lipoproteine ad alta densità|HDL]]), [[colesterolo]] totale, e [[apolipoproteine]] A e B <ref name="Schwaninger-1999">{{Cita pubblicazione | cognome = Schwaninger | nome = M. | coauthors = P. Ringleb; R. Winter; B. Kohl; W. Fiehn; PA. Rieser; I. Walter-Sack | titolo = Elevated plasma concentrations of homocysteine in antiepileptic drug treatment. | rivista = Epilepsia | volume = 40 | numero = 3 | pagine = 345-50 | mese = Mar | anno = 1999 | doi = | id = PMID 10080517 }}</ref>.
 
Il primidone si è visto può esacerbare la [[porfiria epatica]] fin dal 1975; nel 1981, è stato dimostrato che il fenobarbital, uno dei metaboliti del primidone, da solo ha indotto un aumento significativo della porfirina ad alte concentrazioni in vitro <ref name="Reynolds-1981">{{Cita pubblicazione | cognome = Reynolds | nome = NC. | coauthors = RM. Miska | titolo = Safety of anticonvulsants in hepatic porphyrias. | rivista = Neurology | volume = 31 | numero = 4 | pagine = 480-4 | mese = Apr | anno = 1981 | doi = | id = PMID 7194443 }}</ref>.
 
Possono anche manifestarsi aumenti degli enzimi epatici come [[gamma-glutamil transferasi]] e [[fosfatasi alcalina]] <ref>[http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/MYSOLINE.asp Mysoline]</ref>.
 
Meno dell'1% degli utenti che usano il primidone sperimentano una eruzione cutanea; questo dato è molto minore rispetto alla [[carbamazepina]], [[lamotrigina]], [[fenitoina]]. Il tasso è paragonabile a quella del [[felbamato]], del [[vigabatrin]], e del [[topiramato]] <ref name="Arif-2007">{{Cita pubblicazione | cognome = Arif | nome = H. | coauthors = R. Buchsbaum; D. Weintraub; S. Koyfman; C. Salas-Humara; CW. Bazil; SR. Resor; LJ. Hirsch | titolo = Comparison and predictors of rash associated with 15 antiepileptic drugs. | rivista = Neurology | volume = 68 | numero = 20 | pagine = 1701-9 | mese = May | anno = 2007 | doi = 10.1212/01.wnl.0000261917.83337.db | id = PMID 17502552 }}</ref>.
 
=== Disturbi del metabolismo osseo ===
Il Primidone, insieme con fenitoina e fenobarbital, è uno degli anticonvulsivanti più comunemente associato a malattie ossee come l'[[osteoporosi]], [[osteopenia]] (che possono precedere l'osteoporosi), [[osteomalacia]] e fratture <ref name="Harrington-1987">{{Cita pubblicazione | cognome = Harrington | nome = MG. | coauthors = HM. Hodkinson | titolo = Anticonvulsant drugs and bone disease in the elderly. | rivista = J R Soc Med | volume = 80 | numero = 7 | pagine = 425-7 | mese = Jul | anno = 1987 | doi = | id = PMID 3656313 }}</ref> <ref name="Valsamis-2006">{{Cita pubblicazione | cognome = Valsamis | nome = HA. | coauthors = SK. Arora; B. Labban; SI. McFarlane | titolo = Antiepileptic drugs and bone metabolism. | rivista = Nutr Metab (Lond) | volume = 3 | numero = | pagine = 36 | mese = | anno = 2006 | doi = 10.1186/1743-7075-3-36 | id = PMID 16956398 }}</ref> <ref name="Harrington-1987">{{Cita pubblicazione | cognome = Harrington | nome = MG. | coauthors = HM. Hodkinson | titolo = Anticonvulsant drugs and bone disease in the elderly. | rivista = J R Soc Med | volume = 80 | numero = 7 | pagine = 425-7 | mese = Jul | anno = 1987 | doi = | id = PMID 3656313 }}</ref>. La popolazione a più alto rischio sono le persone istituzionalizzate, le donne in post-menopausa, gli uomini anziani, le persone che usano più di un anticonvulsivante, e i bambini, che sono anche a rischio di rachitismo <ref name="Pack-2001">{{Cita pubblicazione | cognome = Pack | nome = AM. | coauthors = MJ. Morrell | titolo = Adverse effects of antiepileptic drugs on bone structure: epidemiology, mechanisms and therapeutic implications. | rivista = CNS Drugs | volume = 15 | numero = 8 | pagine = 633-42 | mese = | anno = 2001 | doi = | id = PMID 11524035 }}</ref>. Tuttavia, è stato suggerito che la demineralizzazione ossea nei giovani è più marcata (25 -44 anni di età) <ref name="Valsamis-2006">{{Cita pubblicazione | cognome = Valsamis | nome = HA. | coauthors = SK. Arora; B. Labban; SI. McFarlane | titolo = Antiepileptic drugs and bone metabolism. | rivista = Nutr Metab (Lond) | volume = 3 | numero = | pagine = 36 | mese = | anno = 2006 | doi = 10.1186/1743-7075-3-36 | id = PMID 16956398 }}</ref>.
Uno studio del 1987 fatto su persone istituzionalizzate ha riscontrato che il tasso di osteomalacia nei soggetti che utilizzavano anticonvulsivanti era di uno su diciannove: Mentre nessuna tra le trentasette persone che non li prendevano con una incidenza simile a quella prevista per gli anziani in generale. Gli autori hanno ipotizzato la possibilità di affetti ambientali come causa del fenomeno <ref name="Harrington-1987">{{Cita pubblicazione | cognome = Harrington | nome = MG. | coauthors = HM. Hodkinson | titolo = Anticonvulsant drugs and bone disease in the elderly. | rivista = J R Soc Med | volume = 80 | numero = 7 | pagine = 425-7 | mese = Jul | anno = 1987 | doi = | id = PMID 3656313 }}</ref>. In ogni caso, l'uso di più di un anticonvulsivante è stata associata con un aumento della prevalenza di malattia ossea nei pazienti con epilessia istituzionalizzata rispetto ai soggetti che non avevano epilessia.
 
Allo stesso modo, le donne in postmenopausa assumendo farmaci anticonvulsivanti hanno un maggior rischio di frattura rispetto alle loro coetanee non utilizzatrici di antiepilettici<ref name="Pack-2001">{{Cita pubblicazione | cognome = Pack | nome = AM. | coauthors = MJ. Morrell | titolo = Adverse effects of antiepileptic drugs on bone structure: epidemiology, mechanisms and therapeutic implications. | rivista = CNS Drugs | volume = 15 | numero = 8 | pagine = 633-42 | mese = | anno = 2001 | doi = | id = PMID 11524035 }}</ref>. Gli [[anticonvulsivanti]] possono incidere sulle ossa in molti modi. Causano, infatti, [[ipofosfatemia]], [[ipocalcemia]], bassi livelli di [[vitamina D]], e l'aumento dell'[[ormone paratiroideo]]. Gli anticonvulsivanti possono anche contribuire a aumentare il tasso di fratture provocate dalla sonnolenza, dall'atassia e dal tremore causa di disturbi della deambulazione, aumentando ulteriormente il rischio di fratture.
 
Incrementi di fratture sono stati segnalati anche per la carbamazepina, il valproato e il clonazepam.
 
=== Alterazioni Ematologiche ===
In aggiunta a quanto sopra, il primidone può causare artralgia <ref name="www.torrinomedica.it">{{Cite web | last = | first = | title = MYSOLINE | url = http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/MYSOLINE.asp | publisher = | date = | accessdate = 12 July 2010 }}</ref>.
La [[granulocitopenia]], l'[[agranulocitosi]], e l'[[ipoplasia]] e l'[[aplasia]] delle cellule della serie rossa, e l'anemia megaroblastica sono, invece, raramente associate all'uso del primidone <ref name="www.torrinomedica.it">{{Cite web | last = | first = | title = MYSOLINE | url = http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/MYSOLINE.asp | publisher = | date = | accessdate = 12 July 2010 }}</ref>.
 
L'anemia megaroblastica è in realtà un gruppo di malattie correlate a cause diverse: i pazienti trattati tendono anche a mangiare con una dieta monotona priva di frutta e verdura <ref name="Reynolds-1965">{{Cita pubblicazione | cognome = Reynolds | nome = EH. | coauthors = JF. Hallpike; BM. Phillips; DM. Matthews | titolo = Reversible absorptive defects in anticonvulsant megaloblastic anaemia. | rivista = J Clin Pathol | volume = 18 | numero = 5 | pagine = 593-8 | mese = Sep | anno = 1965 | doi = | id = PMID 5835440 }}</ref>.
Inoltre il primidone oltre ad aumentare il rischio di anemia megaroblastica, come altri anticonvulsivanti, fu aumentare il rischio di difetti del tubo neurale ([[DNT]]) <ref name="O'Brien-2005">{{Cita pubblicazione | cognome = O'Brien | nome = MD. | coauthors = SK. Gilmour-White | titolo = Management of epilepsy in women. | rivista = Postgrad Med J | volume = 81 | numero = 955 | pagine = 278-85 | mese = May | anno = 2005 | doi = 10.1136/pgmj.2004.030221 | id = PMID 15879038 }}</ref> e aumenta la probabilità di difetti cardiovascolari, [[labbro leporino]] con e senza [[palatoschisi]] <ref name="Hernández-Díaz-2000">{{Cita pubblicazione | cognome = Hernández-Díaz | nome = S. | coauthors = MM. Werler; AM. Walker; AA. Mitchell | titolo = Folic acid antagonists during pregnancy and the risk of birth defects. | rivista = N Engl J Med | volume = 343 | numero = 22 | pagine = 1608-14 | mese = Nov | anno = 2000 | doi = | id = PMID 11096168 }}</ref>.
 
Nelle donne con epilessia si epilessia è generalmente consigliato di prendere [[acido folico]] <ref name="O'Brien-2005">{{Cita pubblicazione | cognome = O'Brien | nome = MD. | coauthors = SK. Gilmour-White | titolo = Management of epilepsy in women. | rivista = Postgrad Med J | volume = 81 | numero = 955 | pagine = 278-85 | mese = May | anno = 2005 | doi = 10.1136/pgmj.2004.030221 | id = PMID 15879038 }}</ref>, ma vi sono prove contrastanti circa l'efficacia della supplementazione di vitamina nella prevenzione dei difetti del tubo neuronale DNT <ref name="Hernández-Díaz-2000">{{Cita pubblicazione | cognome = Hernández-Díaz | nome = S. | coauthors = MM. Werler; AM. Walker; AA. Mitchell | titolo = Folic acid antagonists during pregnancy and the risk of birth defects. | rivista = N Engl J Med | volume = 343 | numero = 22 | pagine = 1608-14 | mese = Nov | anno = 2000 | doi = | id = PMID 11096168 }}</ref> <ref name="Biale-1984">{{Cita pubblicazione | cognome = Biale | nome = Y. | coauthors = H. Lewenthal | titolo = Effect of folic acid supplementation on congenital malformations due to anticonvulsive drugs. | rivista = Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol | volume = 18 | numero = 4 | pagine = 211-6 | mese = Nov | anno = 1984 | doi = | id = PMID 6519344 }}</ref>.
 
Inoltre, un difetto della coagulazione simile alla carenza di vitamina K è stata osservata in neonati di madri che assumono primidone <ref name="O'Brien-2005">{{Cita pubblicazione | cognome = O'Brien | nome = MD. | coauthors = SK. Gilmour-White | titolo = Management of epilepsy in women. | rivista = Postgrad Med J | volume = 81 | numero = 955 | pagine = 278-85 | mese = May | anno = 2005 | doi = 10.1136/pgmj.2004.030221 | id = PMID 15879038 }}</ref>. Per questo motivo, il primidone è un farmaco di categoria D <ref name="Bruno-2002">{{Cita pubblicazione | cognome = Bruno | nome = MK. | coauthors = CL. Harden | titolo = Epilepsy in Pregnant Women. | rivista = Curr Treat Options Neurol | volume = 4 | numero = 1 | pagine = 31-40 | mese = Jan | anno = 2002 | doi = | id = PMID 11734102 }}</ref>.
Il primidone, come fenobarbital e le benzodiazepine, può anche causare sedazione alla nascita del neonato e anche nei primi giorni di vita, il fenobarbital è quello che lo fa più di tutti <ref name="O'Brien-2005">{{Cita pubblicazione | cognome = O'Brien | nome = MD. | coauthors = SK. Gilmour-White | titolo = Management of epilepsy in women. | rivista = Postgrad Med J | volume = 81 | numero = 955 | pagine = 278-85 | mese = May | anno = 2005 | doi = 10.1136/pgmj.2004.030221 | id = PMID 15879038 }}</ref>.
 
=== Disturbi Psichiatrici ===
Primidone è uno degli anticonvulsivanti che si associa alla sindrome da ipersensibilità da anticonvulsivanti; altri sono: la carbamazepina, fenitoina e fenobarbital. Questa sindrome consiste in [[febbre]], [[rash]], [[leucocitosi]] periferica, [[linfoadenopatia]], e, occasionalmente, necrosi epatica <ref name="Schlienger-1998">{{Cita pubblicazione | cognome = Schlienger | nome = RG. | coauthors = NH. Shear | titolo = Antiepileptic drug hypersensitivity syndrome. | rivista = Epilepsia | volume = 39 Suppl 7 | numero = | pagine = S3-7 | mese = | anno = 1998 | doi = | id = PMID 9798755 }}</ref>. L'[[Encefalopatia]] [[iperammoniemia|iperammoniemica]] è stata segnalato in un paziente trattato con primidone operato per astrocitoma <ref name="Katano-2002">{{Cita pubblicazione | cognome = Katano | nome = H. | coauthors = T. Fukushima; K. Karasawa; N. Sugiyama; A. Ohkura; K. Kamiya | titolo = Primidone-induced hyperammonemic encephalopathy in a patient with cerebral astrocytoma. | rivista = J Clin Neurosci | volume = 9 | numero = 1 | pagine = 79-81 | mese = Jan | anno = 2002 | doi = 10.1054/jocn.2001.1011 | id = PMID 11749025 }}</ref>.
 
Uno studio randomizzato controllato ha rilevato che primidone è più probabilmente causa di [[impotenza]] di fenitoina, carbamazepina o fenobarbitale <ref name="Mattson-1985">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}</ref>.
 
Come la fenitoina, primidone è raramente associato a linfoadenopatia <ref name="Langlands-1967">{{Cita pubblicazione | cognome = Langlands | nome = AO. | coauthors = N. Maclean; JG. Pearson; ER. Williamson | titolo = Lymphadenopathy and megaloblastic anaemia in patient receiving primidone. | rivista = Br Med J | volume = 1 | numero = 5534 | pagine = 215-7 | mese = Jan | anno = 1967 | doi = | id = PMID 4959849 }}</ref> <ref name="www.torrinomedica.it">{{Cite web | last = | first = | title = MYSOLINE | url http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/MYSOLINE.asp | publisher = | date = | accessdate = 12 July 2010 }}</ref>.
 
=== Sovradosaggio ===
La concentrazione tossica del primidone si ha quando si superano nel siero valori di concentrazione di: 84 mmol/L <ref name="Mattson-1985">{{Cita pubblicazione | cognome = Mattson | nome = RH. | coauthors = JA. Cramer; JF. Collins; DB. Smith; AV. Delgado-Escueta; TR. Browne; PD. Williamson; DM. Treiman; JO. McNamara; CB. McCutchen | titolo = Comparison of carbamazepine, phenobarbital, phenytoin, and primidone in partial and secondarily generalized tonic-clonic seizures. | rivista = N Engl J Med | volume = 313 | numero = 3 | pagine = 145-51 | mese = Jul | anno = 1985 | doi = | id = PMID 3925335 }}</ref>; mentre diventa pericolosa per la vita se si superano i: 225 mmol/L <ref name="Ratnaraj-1990">{{Cita pubblicazione | cognome = Ratnaraj | nome = N. | coauthors = VD. Goldberg; M. Hjelm | titolo = Temperature effects on the estimation of free levels of phenytoin carbamazepine and phenobarbitone. | rivista = Ther Drug Monit | volume = 12 | numero = 5 | pagine = 465-72 | mese = Sep | anno = 1990 | doi = | id = PMID 2293409 }}</ref> <ref name="Yerby-1992">{{Cita pubblicazione | cognome = Yerby | nome = MS. | coauthors = PN. Friel; K. McCormick | titolo = Antiepileptic drug disposition during pregnancy. | rivista = Neurology | volume = 42 | numero = 4 Suppl 5 | pagine = 12-6 | mese = Apr | anno = 1992 | doi = | id = PMID 1574166 }}</ref>.
 
In caso di sovradosaggio si può determinare: [[depressione del SNC]] (dalla sonnolenza al [[coma]]), [[depressione respiratoria]], [[shock]] e/o [[cristalluria]].
Durante la terapia andrebbero monitorizzati con regolarità il livelli plasmatici del farmaco che sono compresi tra: 15-40 mg/mL (per il metabolita attivo fenobarbital) e i 10-15 mg/mL (per la molecola madre primidone).
 
Il trattamento della overdose di primidone prevede: l’[[emoperfusione]] con una [[diuresi forzata]], una combinazione di [[bemegride]] e [[aminofenazolo]] <ref name="DOTEVALL-1957">{{Cita pubblicazione | cognome = DOTEVALL | nome = G. | coauthors = B. HERNER | titolo = Treatment of acute primidone poisoning with bemegride and amiphenazole. | rivista = Br Med J | volume = 2 | numero = 5042 | pagine = 451-2 | mese = Aug | anno = 1957 | doi = | id = PMID 13446511 }}</ref> e in combinazione [[caffeina]], [[strofantina]], [[fenilenetetrazolo]], [[penicillina]] e [[streptomicina]] <ref name="FAZEKAS-1960">{{Cita pubblicazione | cognome = FAZEKAS | nome = IG. | coauthors = B. RENGEI | titolo = [Fatal poisoning (suicide) with mysoline and phenobarbital.] | rivista = Arch Toxikol | volume = 18 | numero = | pagine = 213-33 | mese = | anno = 1960 | doi = | id = PMID 13698457 }}</ref> <ref name="van Heijst-1983">{{Cita pubblicazione | cognome = van Heijst | nome = AN. | coauthors = W. de Jong; R. Seldenrijk; A. van Dijk | titolo = Coma and crystalluria: a massive primidone intoxication treated with haemoperfusion. | rivista = J Toxicol Clin Toxicol | volume = 20 | numero = 4 | pagine = 307-18 | mese = Jun | anno = 1983 | doi = | id = PMID 6655772 }}</ref>.
 
== Gravidanza e allattamento ==
 
I ''livelli serici di primidone '''aumentano''''' insieme a:
* [[Etanolo|Alcool]] (effetto additivo)
 
* [[Idantoina]]
* '''Donne epilettiche''' <ref name="Harden-2009">{{Cita pubblicazione | cognome = Harden | nome = CL. | coauthors = PB. Pennell; BS. Koppel; CA. Hovinga; B. Gidal; KJ. Meador; J. Hopp; TY. Ting; WA. Hauser; D. Thurman; PW. Kaplan | titolo = Management issues for women with epilepsy--focus on pregnancy (an evidence-based review): III. Vitamin K, folic acid, blood levels, and breast-feeding: Report of the Quality Standards Subcommittee and Therapeutics and Technology Assessment Subcommittee of the American Academy of Neurology and the American Epilepsy Society. | rivista = Epilepsia | volume = 50 | numero = 5 | pagine = 1247-55 | mese = May | anno = 2009 | doi = | id = PMID 19507305 }}</ref> <ref name="Harden-2009">{{Cita pubblicazione | cognome = Harden | nome = CL. | coauthors = PB. Pennell; BS. Koppel; CA. Hovinga; B. Gidal; KJ. Meador; J. Hopp; TY. Ting; WA. Hauser; D. Thurman; PW. Kaplan | titolo = Practice parameter update: management issues for women with epilepsy--focus on pregnancy (an evidence-based review): vitamin K, folic acid, blood levels, and breastfeeding: report of the Quality Standards Subcommittee and Therapeutics and Technology Assessment Subcommittee of the American Academy of Neurology and American Epilepsy Society. | rivista = Neurology | volume = 73 | numero = 2 | pagine = 142-9 | mese = Jul | anno = 2009 | doi = 10.1212/WNL.0b013e3181a6b325 | id = PMID 19398680 }}</ref>
 
* '''Tremore''' <ref name="Zesiewicz-2005"/>
* '''Tremore''' <ref name="Zesiewicz-2005">{{Cita pubblicazione | cognome = Zesiewicz | nome = TA. | coauthors = R. Elble; ED. Louis; RA. Hauser; KL. Sullivan; RB. Dewey; WG. Ondo; GS. Gronseth; WJ. Weiner | titolo = Practice parameter: therapies for essential tremor: report of the Quality Standards Subcommittee of the American Academy of Neurology. | rivista = Neurology | volume = 64 | numero = 12 | pagine = 2008-20 | mese = Jun | anno = 2005 | doi = 10.1212/01.WNL.0000163769.28552.CD | id = PMID 15972843 }}</ref>
 
* '''Monitoraggio di laboratorio''' <ref name="Warner-1998"/>
* '''Monitoraggio di laboratorio''' <ref name="Warner-1998">{{Cita pubblicazione | cognome = Warner | nome = A. | coauthors = M. Privitera; D. Bates | titolo = Standards of laboratory practice: antiepileptic drug monitoring. National Academy of Clinical Biochemistry. | rivista = Clin Chem | volume = 44 | numero = 5 | pagine = 1085-95 | mese = May | anno = 1998 | doi = | id = PMID 9590393 }}</ref>
 
== Note ==
278 553

contributi