Dingir: differenze tra le versioni

17 byte aggiunti ,  11 anni fa
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Etichetta: Rimozione di avvisi di servizio
Nessun oggetto della modifica
 
'''''Dingir''''' (scritto anche ''diĝir'') è un termine determinativo [[Scrittura cuneiforme|cuneiforme]], utilizzato primariamente per indicare la "[[divinità]]", sebbene esso possa avere altri significati secondari, sempre in relazione all'idea di dio. In quanto determinativo, esso non è pronunciato ed è convenzionalmente [[traslitterazione|traslitterato]] con un "D" in apice, come in <sup>D</sup>[[Inanna]]. Genericamente, ''dingir'' può essere reso in "dio" or "dea".<ref name="DOE">Edzard, 2003</ref>
 
Il segno cuneiforme sumerico per DINGIR, DIGIR, è: [[Image:Cuneiform sumer dingir.jpg|20px]]. (Secondo le convenzioni [[assiriologia|assiriologiche]], la scrittura in caratteri maiuscoli identifica un segno cuneiforme, mentre il valore fonemico di un segno in un dato contesto è reso in scrittura minuscola). Di per se esso rappresenta il termine in [[Lingua sumera|Sumero]] ''an'' ("cielo" or "paradiso")<ref name="JLH">Hayes, 2000</ref> o l'ideogramma per [[Anu|''An'']], la divinità suprema del pantheon sumerico. In cuneiforme assiro, il termine (AN, DINGIR, [[Image:B010ellst.png|20px]]) può rappresentare sia un [[ideogramma]] per "divinità" (ilum) o un sillabogramma per ''an'', o ''ìl-''. In ortografia [[Lingua ittita|ittita]], il valore sillabico del segno era anche ''an''.
 
Il concetto di "divinità" in Lingua sumera è strettamente associato con quello di paradiso o cieli, come appare evidente dal fatto che il segno cuneiforme è analogo a quello per "cielo", e che la forma originale (pittografica) è quella di una stella. L'associazione originale di "divinità" è, quindi, con le ierofanie "brillante" o "luccicante" nel cielo. E' anche stata suggerita una possibile relazione di prestito del Sumerico ''dingir'' con il Turco ''[[tengri]]'' "cielo, dio del cielo".<ref>[[Mircea Eliade]], John C. Holt, ''Patterns in comparative religion'', 1958, p. 94. Il possibile collegamento tra ''dingir'' e l'antico Turco ''tengere'' è dovuta a F. Hommel in ''Grundriss der Geographie und Geschichte des alten Orients'' (1928).
Utente anonimo