Differenze tra le versioni di "Epistola XII 2 delle Familiari"

m
Bot: Aggiungo template Categorizzare
m (Bot: Aggiungo template Categorizzare)
La lettera è un ''institutio regia'' (come recita il titolo della lettera), un vero e proprio trattatello sull’educazione e sul comportamento pubblico e privato del perfetto principe. Si presenta come una sorta di sintesi e di concentrato di quei luoghi comuni etico-politici che [[Machiavelli]] si sforzerà in seguito di confutare e di capovolgere, uno per uno, nei capitoli XV-XIX del [[Il Principe]] e in altri luoghi di questa e altre sue opere. L’epistola, è un insieme delle molte ricerche che Petrarca ha compiuto in vista della prosecuzione del suo lavoro sugli uomini illustri; il ''De viris'' nella sua nuova forma, è un intarsio di ammonimenti e di esempi di classici romani. Venerare Dio, amare la patria, osservare la giustizia, tenersi lontano dagli estremi, inseguendo la virtù che sta sempre nel mezzo, ricercare in ogni momento il consenso dei sudditi. E ancora: coltivare l’amicizia, riservandola ai pochi per bene, evitare i sospetti, mantenere un comportamento equo e tale da non accumulare su di sé odi e risentimenti.
Anche in questa lettera, possiamo osservare che vi è una differenza tra quello raccontato e la realtà delle cose, perché lo stesso Acciaiuoli, che Petrarca vede come un personaggio meritevole di divenire soggetto di storia e di poesia epica e che in un’altra lettera di questo stesso libro, la 15, non esita a paragonare a [[Giulio Cesare]], era in realtà un uomo ambizioso e cinico, dai metodi talvolta equivoci e addirittura brutali. Sicuramente Petrarca, nonostante non lo conoscesse di persona, era al corrente di tutto ciò. In queste due lettere d’apertura del XII libro delle Familiari si ha un paradosso o contraddizione: da una parte l’idealizzazione dell’impero nella sua missione provvidenziale e, dall’altra, la celebrazione di un monarca tutt’altro che ecumenico e che, fuori dai veli del misticismo imperiale, doveva trovare in se stesso, vale a dire nelle forme di un’appropriata educazione, la legittimazione del proprio potere nazionale.
 
{{Categorizzare}}
24 753

contributi