Differenze tra le versioni di "Tipo nomenclaturale"

m
Bot: collegamento a Commons:Category:Type specimens importato da de:Typus (Nomenklatur) e modifiche minori
m (Bot: collegamento a Commons:Category:Type specimens importato da de:Typus (Nomenklatur) e modifiche minori)
Di seguito si esemplifica non appena si designa il tipo del nome scientifico di una nuova specie ''([[Gymnopogon toldensis]]''):
 
{{quote|'''''Gymnopogon toldensis''''' Sulekic & Rúgolo, ''sp. nov.'' TIPO: Argentina, Salta, Depto. Santa Victoria, El Angosto, 5 km a E di Los Toldos, 1600 mslm, 17-III-1986, Sulekic, Novara & Neumann 810 (olotipo SI; isotipo Herb. Sulekic). <ref>SULEKIC, Antenor A. e RUGOLO DE AGRASAR, Zulma E.[http://www.scielo.org.ar/scielo.php?pid=S0011-67932006000200012&script=sci_arttext Una nuova specie di ''Gymnopogon'' (Poaceae, Cynodonteae) per l'Argentina]. Darwiniana, ago./dic. 2006, vol.44, no.2, p.504-507. ISSN 0011-6793.</ref>}}
 
Come si può osservare, il tipo designa un esemplare di erbario (denominato dal soprannome dei collettori e un numero di collezioni: "''Sulekic, Novara & Neumann 810''") con il suo corrispondente luogo ("''Argentina, Salta, Depto. Santa Victoria, El Angosto, 5 km al E de Los Toldos, 1600 msnm''") e data della raccolta ("''17-III-1986''"). Si informa, inoltre, in quale erbario si trova depositato l'olotipo (in questo caso, l'erbario dell'Istituto Darwiniano, il cui codice internazionale è "SI") e viene designato l'isotipo.
Nel prossimo esempio viene mostrato il modo nel quale si designano i neotipi:
 
{{quote|'''Calibrachoa pubescens''' (Spreng.) Stehmann, ''comb. nov.'' ''Nierembergia pubescens'' Spreng., Syst. Veg. 1: 615. 1825. '''TIPO''': Uruguay. Montevideo, 1926-1930, J. Anderson 97 (neotipo BM! designato qui). Osservazione. Nel protologo non si indica materiale di riferimento. Secondo Fries (Kongl. Svenska Vetesnkapsakad. Handl. 46(5): 50. 1911) la descrizione di Sprengel è basata sul materiale collezionato da Sellow, depositato nell'Erbario del Museo Botanico di Berlino-Dahlem (B), il quale non è stato localizzato e probabilmente è distrutto. Per questo motivo si è deciso di designare un neotipo. <ref>{{En}}ZULOAGA, Fernando O., MORRONE, Osvaldo e BELGRANO, Manuel J. [http://www.scielo.org.ar/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0011-67932007000200011&lng=en&nrm=iso&tlng=es Novità tassonomiche e nomenclaturali per la Flora Vascolare del Cono Sur del Sud America]. Darwiniana, Aug./Dec. 2007, vol.45, no.2, p.236-241. ISSN 0011-6793.</ref>}}
 
Si può apprezzare che, in questo caso, il tassonomista João R. Stehmann, nel cercare l'esemplare tipo di ''Nierembergia pubescens'' Spreng. non poté trovarlo e, avendo il sospetto che lo stesso fosse distrutto, designò un neotipo: l'esemplare ''J. Anderson 97''.
*{{Es}} Rafael Tormo Molina. Lecciones hipertextuales de Botánica. [http://www.biologie.uni-hamburg.de/b-online/ibc99/botanica/botanica/nomen3.htm Nomenclatura. Tipificazione]. Università di Extremadura.
*{{Es}} Greuter, W. ''et al.'' 2000. ''International Code of Botanical Nomenclature (St. Louis Code)''. Gantner/Koeltz (disponibile online [http://www.bgbm.fu-berlin.de/iapt/nomenclature/code/SaintLouis/0000St.Luistitle.htm qui])
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto|commons=Category:Type specimens}}
 
[[Categoria:Tassonomia]]
2 993 217

contributi