Differenze tra le versioni di "Cost per mille"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: Sistemo sintassi template Portale. Aggiungo: Web.)
"Cost per mille" (CPM) è un indicatore comunemente usato nel settore pubblicitario. Radio, televisioni, giornali, pubblicità esterna (o fuori casa, per esempio manifesti, annunci dentro e fuori i centri commerciali, tematizzazione veicoli, mongolfiere, banner veicolati da aerei ecc) e pubblicità online può essere acquistata sulla base di quanto costa mostrare la pubblicità aper 1000 visualizzazioni/letture della stessa.
 
È utilizzato nel marketing come parametro al fine di calcolare il costo relativo di una campagna pubblicitaria o un messaggio pubblicitario veicolato da un media. Piuttosto di un costo assoluto, il CMP è la stima del costo di 1000 letture del messaggio pubblicitario stesso. Questa tradizionale formula di misurazione del successo pubblicitario puòè anchestato essere utilizzatautilizzato in seguito con modelli basati sulle prestazioni, come la percentuale di vendita o il costo per azione (o [[Cost per action|CPA]], in breve acquisto, richiesta ecc).
 
Un esempio di calcolo del CPM:
== Esempi ==
* Nella pubblicità online, se un sito web vende un banner per €20 CPM, ciò significa che all'inserzionista (colui che fa pubblicare le inserzioni) 1000 visualizzazione di tale banner costano esattamente €20.
* Mentre ilIl Super Bowl negli Stati Uniti detiene il più alto costo per spazio/spot pubblicitario, esso realizza annualmente anche il maggior numero di telespettatori. Di conseguenza il suo CPM può essere paragonabile allo spot meno costoso in onda durante la programmazione televisiva ordinaria.
 
== Costo Effettivo per Mille Impressioni (eCPM) ==
Utente anonimo