Cronologia della storia antica (3000 a.C. - 2501 a.C.): differenze tra le versioni

m
Bot: spaziature errate e modifiche minori
(→‎[[2560 a.C.]] - [[2551 a.C.]]: Corregge uno o più errori comuni o refusi o entità, replaced: fumebri → funebri using AWB)
m (Bot: spaziature errate e modifiche minori)
** Si suppone che dal 2897 a.C. al 257 d.C. sul Vietnam governarono o 18 regnanti Hùng (sicuramente di più, in quanto si suppone che a certi nomi corrisponde una sottodinastia) della Dinastia Hồng Bàng. È il primo [[Lista di stati per data di costituzione|stato]] costituito in [[Asia]] e il secondo nel mondo.
*c. [[2888 a.C.]] - [[Antico Egitto]]: [[Sesto Africano]] scrive:
**... ''durante il 38º anno di regno di [[Hotepsekhemwy]], si aprì una voragine a [[Bubasti]] e molti persero la vita..''. La notizia può essere ritenuta attendibile essendo Bubasti una zona ad alto rischio sismico.
*c. [[2880 a.C.]] - [[Antico Egitto]]: [[Reneb]] 10º faraone (c.a. 2880 a.C. - 2841 a.C., sec. [[Sesto Africano]])- [[II dinastia egizia|II Dinastia]]
**Sugli eventi del regno di Reneb vi sono poche notizie, la Pietra di Palermo, seppur danneggiata proprio in corrispondenza di questo sovrano, sembra confermare i 39 anni di regno che gli attribuisce Sesto Africano. Sempre Africano aggiunge queste brevi notizie: ...''durante il suo regno i tori Api di Menphi e Mnevis di Eliopoli e l'ariete di Mendes venivano adorati come divinità''. Non si conosce l'ubicazione della tomba di Reneb anche se alcuni recenti ritrovamenti, di sigilli cilindrici, fanno pensare che possa trovarsi sotto la via Cerimoniale che conduce alla piramide di Waditawy.
**Il mito gli assegna 1.200 anni di regno e sostiene che originariamente fosse un pastore. Sarebbe succeduto al padre Enmerkar. Nell'epopea di Gilgamesh viene addirittura considerato dal figlio un dio. Esistono due poemi epici che hanno come protagonista il re di Uruk. Vengono comunemente chiamati Lugalbanda I (chiamato anche ''[[Lugalbanda nella grotta della montagna]]'') e Lugalbanda II (o ''[[Lugalbanda e l'uccello Anzud]]''). I due testi non raccontano del suo regno, ma narrano i suoi trascorsi militari e politici e che lo portarono a diventare erede del trono di Uruk. Malgrado fosse il generale del padre, nei due poemi non si racconta mai di un suo coinvolgimento diretto nelle battaglie. Per questo, alcuni studiosi considerano i poemi di Lugalbanda i primi racconti epici di pace.
 
===[[XXVII secolo a.C.|2700 a.C.]] ('''XXVII secolo a.C.''') ===
===='''[[Vicino Oriente antico|Mezzaluna fertile]]'''====
*[[Storia della Mesopotamia|Mesopotamia]]
===[[2699 a.C.]] - [[2681 a.C.]]===
*c. [[2698 a.C.]] - [[Storia della Cina|Cina]]: Sale al trono in [[Storia della Cina|Cina]] il mitico [[Huang Di|Imperatore Giallo]], il primo dei 5 imperatori
**Huang Di, o Huang Ti, detto l'Imperatore Giallo, leggendario imperatore cinese, ed anche definito un eroe culturale, è considerato l'antenato di tutti gli [[han]]. Sarebbe uno dei ''[[Tre Augusti e Cinque Imperatori|Cinque Imperatori]]'' e avrebbe regnato, secondo la tradizione, tra il 2698 e il 2596 a.C. Secondo la tradizione, nel [[2634 a.C.]] utilizzò un carro con uno speciale dispositivo differenziale collegato alle ruote che faceva si che una statua puntasse sempre nella stessa direzione nonostante le curve compiute dal veicolo. Una delle leggende che lo riguardano narra che l'Imperatore Giallo avrebbe catturato il mostro Bai Ze sulla cima del monte Dongwang, dove gli avrebbe descritto 11520 tipi di mostri, mutaforme, demoni e spiriti. Un collaboratore di Huang Di avrebbe illustrato queste descrizioni realizzando il libro ''Bai Ze Tu'', che oggi è scomparso. Avrebbe combattuto anche contro [[Chi You]], leggendario re degli [[hmong]], dio della guerra ed inventore delle armi in metallo. I hmong furono sconfitti a [[Zhuolu]] dagli eserciti uniti di Huang Di e di Yandi, condottieri della tribù Huaxia, che volevano il controllo della valle di [[Huang He]]. La battaglia, avvenuta nel [[2600 a.C.]], fu combattuta in una fitta nebbia e si racconta che gli Huaxa ebbero la meglio grazie all'uso della [[bussola magnetica]]. # In Cina sono stati prodotti diversi sceneggiati televisivi che trattano la vita di Huang Di. La loro accuratezza storica è comunque contestata, dato che si focalizzano principalmente su arti marziali, Wuxia e gli aspetti drammatici. L'Imperatore Giallo è il protagonista del racconto "La gente dello specchio" di [[Jorge Luis Borges]]. La scrittrice fantasy inglese [[China Miéville]] ha utilizzato questa storia come base per il suo racconto "The Tain", nel quale descrive una Londra post-apocalittica.
*c. [[2685 a.C.]] - [[Storia della Mesopotamia|Mesopotamia]]: [[Agga]] 23º Re sumero di [[Storia_della_Mesopotamia#I_Dinastia_di_Kish|Kish]] ([[2685 a.C.]] -[[2650 a.C.]])
**Agga è stato un sovrano sumero della città di Kish: il suo scontro con l'eroe Gilgamesh è raccontato nell'[[Epopea di Gilgamesh]]. Agga era il figlio di Enmebaragesi, cui succedette. Fu l'ultimo re della dinastia di [[Etana di Kish|Etana]], in quanto venne sconfitto da Gilgamesh, quinto re della città di Uruk, dopo 625 anni di regno. Il racconto sumero intitolato Gilgamesh e Agga afferma che Agga volle sottomettere la città di Uruk. Malgrado la forza dell'esercito di Kish, Gilgamesh lo costrinse alla ritirata semplicemente mostrandosi dalla sommità delle mura. Il racconto è probabilmente una memoria degli scontri tra Uruk e Kish.
*c. [[2634 a.C.]] - [[Storia della Cina|Cina]]: secondo una leggenda, Huang Di utilizzò un carro con una statua che puntava sempre nella stessa direzione nonostante le curve compiute dal veicolo.
*c. [[2632 a.C.]] - [[Antico Egitto]]: [[Huni]] 21º faraone (c.a. [[2632 a.C.]] -[[2608 a.C.]], secondo il [[Papiro di Torino|Canone Reale]]) - [[III dinastia egizia|III Dinastia]]
**La posizione di Huni come ultimo sovrano della dinastia gli viene dal Canone Reale che lo pone prima di Nebmaat (Snofru), fondatore della IV dinastia e gli assegna un regno di 24 anni. Tale posizione è confermata anche dal Papiro Prisse e dal Papiro Westcar che alludono ad Huni come al padre di Snofru che sarabbe nato da una sposa secondaria di nome Meresankh. Proprio a causa della sua non appartenenza alla discendenza diretta, sempre secondo il raccono del papiro Westcar, Snofru avrebbe sposato, per legittimare le sue pretese al trono, la principessa Hetep-heres figlia di Huni e della sposa principale indicata con il titolo di Figlia del Re e sposa del Re. Nel Canone Reale, cosa del tutto eccezionale, è riportato il fatto che Huni ha costruito Seshem. A questo sovrano è anche attribuita la costruzione di una fortezza sull'isola di Elefantina. la presunta attribuzione ad Huni della piramide di [[Meidum]] manca solide di prove archeologiche, che non siano la considerazione che avendo regnato abbastanza lungo avrebbe avuto il tempo per completare il suo monumento funebre.
 
===[[2620 a.C.]] - [[2601 a.C.]]===
**La Lista dei re Sumeri lo pone dopo En-Nun-Tarah-Ana e gli assegna 36 anni di regno, si crede dal 2588 alla morte
*c. [[2579 a.C.]] - [[Antico Egitto]]: [[Medjedu]] ([[Cheope]]) 22º faraone - (c.a. [[2579 a.C.]] -[[2556 a.C.]], secondo il [[Canone Reale]] e [[Jürgen von Beckerath|von Beckerath]])- [[IV dinastia egizia|IV Dinastia]][[File:Khufu.JPG|thumb|left|150px|Piccola statuetta del faraone Cheope]]
**Figlio di [[Nebmaat]] e della regina Hetep-heres, il suo nome è legato al più famoso dei monumenti rimastici dell'[[Antico Egitto]]: la ''Grande Piramide'' o ''[[Piramide di Cheope]]'' che si trova nella vasta necropoli di [[Giza]].Per quanto possa sembrare strano di questo sovrano non sappiamo quasi nulla e di lui, a parte il suo monumento funebre (nel quale non è comunque mai stato trovato alcun cartiglio con il suo nome), possediamo solo una piccola statua in avorio (alta circa 7,5 cm) attribuibile con sicurezza, che si trova al museo del [[Cairo]].La [[Pietra di Palermo]] riporta che durante il suo regno venne eretta una statua alta sette metri e venne realizzata un'altra statua interamente in oro. Nel [[Papiro Westcar]] Medjedu è descritto come un sovrano benevolo a differenza di quanto riporta lo storico greco [[Erodoto]], che - scrivendo più di duemila anni dopo rispetto ai fatti storici narrati - lo descrive come un tiranno che avrebbe schiavizzato il popolo allo scopo di erigere il proprio monumento funebre (la piramide). Un'incisione con il suo nome si trova presso lo [[Uadi Maghara]] nella [[penisola del Sinai]].Il suo culto è attestato a [[Menphi]] ancora durante la [[XXVI dinastia egizia|XVI dinastia]].
*c. [[2570 a.C.]] - [[Antico Egitto]]: Costruzione della [[Piramide di Cheope]][[File:All Gizah Pyramids.jpg|thumb|Le piramidi di Giza]]
**La Piramide di Cheope a [[Giza]], anche detta Grande piramide, è l'unica delle [[sette meraviglie del mondo]] antico che sia giunta sino a noi, nonché la più grande [[Piramidi egizie|piramide egizia]] e la più famosa [[Piramide (architettura)|piramide]] del mondo. È la più grande delle tre piramidi della [[necropoli]] di Giza vicino al [[Cairo]]. Costruita, si presume, intorno al 2570 a.C., è rimasta l'edificio più alto del mondo per circa 3800 anni, fino a circa il [[1300]] d.C., quando fu costruita la [[Cattedrale di Lincoln]] in [[Inghilterra]]
 
===[[2560 a.C.]] - [[2551 a.C.]]===
*c. [[2556 a.C.]] - [[Antico Egitto]]: [[Kheper]] ([[Djedefra]]) 23º faraone - (c.a. [[2556 a.C.]] -[[2547 a.C.]], secondo [[Jürgen von Beckerath|von Beckerath]])- [[IV dinastia egizia|IV Dinastia]]
**Di Kepher sappiamo molto poco, il Canone Reale gli attribuisce un regno di soli otto anni ma sono stati trovati riferimenti al suo undicesimo [[censimento]] del bestiame (sistema usato per registrare gli anni di regno di un sovrano). Se questi censimenti continuavano ad avvenire ogni due anni (come sotto le dinastie precedenti) allora il regno di Kheper diventerebbe di almeno 22 anni (11 se il censimento era diventato annuale). Figlio di [[Cheope]], sposò la sorellastra Hetepheres II, forse per rafforzare il suo diritto al trono essendo la madre solamente una moglie secondaria di Medjedu. Basandosi sul ritrovamento di sue statue spezzate volontariamente e di tentativi di abrasione del nome su alcuni monumenti è stato ipotizzato che questo sovrano sia stato considerato un usurpatore e quindi condannato alla ''damnatio memoriae''.Tale ricostruzione, che prevederebbe anche l'eliminazione del fratello Kuaf, legittimo erede al trono, è però messa in dubbio dalla circostanza, comprovata da alcuni graffitti rinvenuti nelle fosse delle [[Barca solare di Cheope|barche solari]] del padre, che fu appunto Kheper a celebrare i riti funebri per il sovrano scomparso, circostanza che sembrerebbe ipotizzare una successione regolare.A Kheper è attribuita una piramide ad [[Abu Rawash]] (circa 8&nbsp;km a nord di [[Giza]]), scoperta nella prima metà del Novecento dall'archeologo francese Emile Chassinat. Chassinat, dopo aver scoperto le statue danneggiate e aver notato la grande quantità di blocchi calcarei e di granito di Assuan presenti sul sito, inferì che la piramide non fosse mai stata completata, o che addirittura fosse stata distrutta dalla stessa famiglia di Kepher, come segno di vendetta per l'uccisione di Kuaf. Oggi si tende a considerare la faida interna alla IV dinastia, ipotizzata da Chassinat e da altri egittologi del suo tempo, come frutto di un grossolano errore di interpretazione delle fonti, e la maggior parte degli archeologi è convinta che la piramide sia stata terminata, ma che fu smantellata in epoca romana per costruire altri edifici. La piramide, grazie al fatto di essere edificata in cima ad una collina, sarebbe stata alta 154 metri, 7 in più della [[piramide di Cheope]]. Anche i materiali utilizzati sarebbero stati più pregiati di quelli delle altre piramidi. L'edificazione avrebbe richiesto otto anni di lavoro e quindicimila persone. Nel complesso quindi sarebbe stata la più imponente piramide egizia mai costruita.<ref>{{cita web|url=http://www.repubblica.it/2008/06/sezioni/scienza_e_tecnologia/egitto-piramide-perduta/egitto-piramide-perduta/egitto-piramide-perduta.html|titolo=Il mistero della quarta piramide "La più bella, alta e preziosa"|editore=La Repubblica|accesso=2-6-2008|data=2-6-2008}}</ref>
***La Lista dei re Sumeri lo pone dopo Mesh-He e gli assegna 6 anni di regno, si crede dal 2552 alla morte
 
===[[2550 a.C.]] - [[2526 a.C.]]===
*c. [[2550 a.C.]] - [[Storia della Mesopotamia|Mesopotamia]]: [[Ilshu]] Primo Re di [[Mari (città)|Mari]]
**Ilshu, [[Lamgi-Mari]], [[Ikun-Shamash]], [[Ikun-Shamagan]] e [[Iblul-Il]] si sono succeduti sul trono di Mari tra il 2550 e il [[2320 a.C.]], anno della distruzione di Mari a opera di [[Sargon il Grande|Sargon il grande]], dopodiché Mari venne inglobata nell'[[Impero Accadico]].
*c. [[2547 a.C.]] - [[Antico Egitto]]:[[Userib]] ([[Chefren]]) 24º faraone - (c.a. [[2547 a.C.]] -[[2521 a.C.]], secondo [[Jürgen von Beckerath|von Beckerath]])- [[IV dinastia egizia|IV Dinastia]]
**È probabile che Userib fosse figlio di [[Medjedu|Cheope]] e fratellastro quindi di [[Kheper]]. Una possibile ricostruzione dei fatti legati alla successione di Cheope è la seguente: essendo già morto Kuaf, primogenito e successore predestinati, secondo una versione dei fatti ucciso da Kheper, la lotta per la successione si svolse appunto tra Kheper e Userib (un altro figlio di Medjedu, Hardedef, ricordato ancora nel [[Nuovo Regno dell'Egitto|Nuovo Regno]] come sapiente non entrò in lizza).Kheper riuscì a salire al trono ma vi rimane per pochi anni come dimostra l'incompletezza della sua piramide (vedi [[Abu Rawash]]).Alla morte di Kheper Userib, con l'appoggio degli altri fratelli e della madre, ricondusse allora il trono nella linea di discendenza principale escludendo da questa i figli del predecessore. Per quanto riguarda la durata del regno di Userib, oltre al riferimento di [[Manetone]], di 66 anni, esiste un'incisione su un blocco di pietra che cita ''l'anno della 13-esima ricorrenza (computo del bestiame)'' che potrebbe quindi corrispondere all'anno 26 di regno. Il monumento funebre di questo sovrano, eretto anch'esso a [[Giza]], conosciuto come ''Piramide di Chefren'', è secondo per grandezza solo alla [[Grande piramide|piramide]] di Medjedu (Cheope). Ad Userib era anche attribuita la costruzione della [[Sfinge di Giza]], attualmente interpretata come una imponente raffigurazione del padre in forma di [[Panthera leo|leone]] accovacciato con testa umana. Il monumento, che si trova a fianco del viale che conduce dal tempio a valle alla piramide, venne probabilmente ricavato da un affioramento di roccia proprio nella zona delle cave delle pietre usate per la costruzione della piramide stessa.
**Costruzione della [[Sfinge di Giza]][[File:Egypt.Giza.Sphinx.01.jpg|thumb|La sfinge con la Piramide di [[Userib]]]]
***La sfinge di Giza è la più grande [[statua]] [[monolite|monolitica]] del mondo: è lunga circa 74 metri, alta circa 20 metri e larga 6 metri, di cui solo la testa è 4 metri. Fu costruita più di 2.500 anni prima di Cristo e raffigura una [[sfinge]], più precisamente un'[[androsfinge]], essere [[mitologia egizia|mitologico]] con volto umano e corpo di [[Panthera leo|leone]] accovacciato.
**La Lista dei re Sumeri lo pone dopo Melem-Ana e gli assegna 36 anni di regno, si crede dal 2546 alla morte. La ''[[Lista dei re sumeri]]'' lo pone dopo [[Mesh-He]] e gli assegna 36 anni di regno, si crede dal [[2546 a.C.]] alla morte. Dopo di lui si conclude la [[Lista_dei_re_sumeri#Prima_dinastia_di_Uruk|I dinastia di Uruk]]. Come recita la Lista dei re sumeri, infatti, ''Quindi Unug [Uruk] fu sconfitta e la regalità fu assunta da Urim [Ur]''.
 
===[[2525 a.C.]] - [[2501 a.C.]]===
*c. [[2525 a.C.]] - [[Storia della Mesopotamia|Mesopotamia]]: [[Puabi]] Mitica 2º Regina/Sacerdotessa sumera di [[Ur]] - [[Lista_dei_re_sumeri#Prima_dinastia_di_Ur|I Dinastia di Ur]]
**Si colloca la sua esistenza fra il 2600 e il 2500 a.C., e la si elenca fra i sovrani della prima dinastia di Ur. Non si conosce con certezza se si trattasse realmente di una sovrana o solo di una sacerdotessa: all'interno del Cimitero Reale di Ur è stato infatti rinvenuto un sigillo cilindrico in cui Puabi viene chiamata "''Nin''", che può essere tradotto sia come "Regina" che come "Sacerdotessa". Si ritiene dunque possibile che ella ricoprisse entrambi i ruoli, come sovente succedeva nelle società più antiche, in cui potere religioso e politico si univano in una sola persona.
***Tenendo conto che il suo monumento funebre rimase incompleto e che la datazione più alta per Kakhet è il suo undicesimo censimento del bestiame (di regola biennale), gli storici sono propensi ad attribuirgli un regno di 18 anni, in accordo con il Canone Reale, ed alcune irregolarità nello svolgimento dei censimenti del bestiame. Il complesso funebre di Kakhet di trova a [[Giza]]; la piramide, detta ''Kakhet è divino'', più piccola di quella dei suoi predecessori, rimase incompleta nel rivestimento, che avrebbe dovuto essere interamente di granito rosso di [[Assuan]], probabilmente a causa della prematura morte del sovrano.
**[[Storia della Cina|Cina]]: Sale al trono in [[Storia della Cina|Cina]] il mitico [[Zhuanxu]], il 3º dei 5 imperatori
***'''Zhuanxu''' ([[cinese tradizionale]]: 顓頊; [[cinese semplificato]]: 颛顼; [[pinyin]]: Zhuānxū), conosciuto anche come '''Gaoyang''' ([[cinese tradizionale]]: 高陽; [[cinese semplificato]]: 高阳; [[pinyin]]: Gāoyáng) è un leggendario monarca dell'antica [[Cina]]. È il nipote dell'[[Imperatore giallo]] Huang Di e avrebbe governato circa 2.500 anni avanti Cristo. Condusse i membri del clan Shi in una migrazione ad ovest verso l'attuale [[Shandong]], dove si unirono al clan Dongyi e accrebbero la loro influenza tribale attraverso i matrimoni misti. A vent'anni divenne il loro sovrano, morendo dopo 78 anni di regno. Contribuì a realizzare un [[calendario]] unificato, si occupò di [[astrologia]], introdusse riforme religiose contro lo [[sciamanesimo]], sostenne il [[patriarcato (antropologia)|patriarcato]] in opposizone al precedente [[Matriarcato|sistema matriarcale]] e proibì il matrimonio tra membri della stessa famiglia.
*c. [[2510 a.C.]]
**[[Storia della Mesopotamia|Mesopotamia]]: Fine della I Dinastia di [[Uruk]]
3 296 312

contributi