Potere disperdente delle punte: differenze tra le versioni

m
più presentabile
Nessun oggetto della modifica
m (più presentabile)
L' '''effetto punta''' è un fenomeno che si osserva nei [[conduttore elettrico|conduttori]] carichi elettricamente e consiste nella formazione di un [[campo elettrico]] più intenso in prossimità dei punti in cui la superficie del conduttore presenta un raggio di curvatura minore, ovvero una maggiore [[curvatura]], cosa che accade ad esempio se l'oggetto è molto appuntito.
 
Questo spiega i [[Fuoco di Sant'Elmo|fuochi di Sant'Elmo]] e il fatto che i [[fulmini]] colpiscano più facilmente [[guglia|guglie]], alberi o [[parafulmine|parafulmini]]: l'aria infatti si ionizza massimamente dove il campo è più intenso e lì si ha la maggiore probabilità che si formi una [[scarica elettrica]].
 
Sempre sull'effetto punta si basavano i [[raddrizzatore|raddrizzatori]] usati in [[elettronica]] prima dell'invenzione dei [[diodo|diodi]], come ad esempio quelli a cristallo di [[galena]]: se un cristallo appuntito o una punta metallica è a contatto con la faccia piana di un altro cristallo gli [[elettroni]] possono essere espulsi dal forte campo che si genera nel primo e passare nel secondo, ma non può acadere il contrario.
1 285

contributi